La Regione Lazio fa il suo ritorno alla Bit di Milano, la principale fiera del turismo in Italia, con un’imponente presenza che mira a mettere in mostra le ricchezze e le potenzialità della regione. All’interno di uno spazio espositivo circolare di 350 metri quadrati, la Regione accoglierà numerose imprese locali e ospiterà una sala conferenze dedicata a tutti gli aspetti del turismo laziale.

I visitatori saranno accolti da grandi ledwall che proietteranno le bellezze del Lazio, mentre uno spazio dedicato allo show-cooking offrirà l’opportunità di assaporare le prelibatezze gastronomiche della regione, supportato da scuole alberghiere e dall’associazione “Ciociariaturismo”.

Il presidente Francesco Rocca sottolinea l’importanza di questa partecipazione, soprattutto in vista del Giubileo 2025, come un’opportunità per promuovere il Lazio come una meta turistica completa, ricca di storia, spiritualità, cultura, arte, natura, gastronomia e tradizioni.

Dati recenti confermano l’attrattività turistica del Lazio, trainata principalmente dal ruolo di Roma che ha registrato un notevole aumento di visitatori nel corso del 2023, con previsioni di ulteriore crescita in vista del Giubileo. La visione della Regione è quella di destagionalizzare le presenze turistiche e favorire lo sviluppo economico del settore.

Il Lazio offre una vasta gamma di attrazioni, dai siti storici e culturali come villa Adriana e Ostia antica ai paesaggi mozzafiato delle montagne, dei laghi e delle spiagge.

La presenza alla Bit di Milano è un’occasione per promuovere tutte le sfaccettature del turismo laziale, comprese le esperienze slow, sportive e spirituali. Saranno presenti anche i Cammini di fede, valorizzati dall’amministrazione regionale.

La Regione Lazio sarà rappresentata da varie figure istituzionali e saranno organizzati panel su tematiche turistiche come il “dual use” e il “Blue Tourism”, oltre a progetti legati al “Turismo delle radici”.

Tra le attrazioni in mostra, la Nuova Macchina di Santa Rosa, che debutterà ufficialmente a Viterbo il prossimo 3 settembre, diventa il simbolo dell’impegno della regione nel promuovere il proprio patrimonio culturale e artistico.

Inoltre, in vista del Giubileo 2025, vengono promossi i cammini religiosi del Lazio, in particolare la via Francigena e gli itinerari legati a San Francesco d’Assisi e San Benedetto da Norcia, sottolineando l’importanza storica e spirituale della regione.