La Regione Lazio ha presentato il tanto atteso bando “Voucher Digitalizzazione PMI”, un’iniziativa, finanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2021-2027, per sostenere le imprese che desiderano investire in tecnologie digitali e servizi, promuovendo così la crescita economica attraverso l’innovazione tecnologica.

La dotazione finanziaria complessiva del bando ammonta a 15 milioni di euro, dei quali 5 milioni sono destinati alle Strategie Territoriali. Questa specifica allocazione mira a favorire le piccole e medie imprese che operano nei Comuni di Frosinone, Latina, Rieti, e Viterbo, nonché nei Municipi IV (Tiburtino) e X (Ostia) di Roma Capitale.

La vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli, ha dichiarato: “Il Lazio sta crescendo nel percorso di digitalizzazione e rappresenta il 16,8% della spesa ICT nazionale. Si tratta di un processo determinante per lo sviluppo e la competitività non solo delle piccole e medie imprese ma anche delle microattività produttive. Pertanto, la Regione ha deciso di sostenere in modo deciso i loro investimenti nel digitale, offrendo con questo bando un ampio ventaglio di opportunità insieme a procedure semplificate che vanno oltre l’adempimento per guardare piuttosto ai risultati.”

Le PMI interessate devono essere iscritte al Registro delle imprese italiano e operare attivamente nel territorio del Lazio. È possibile acquisire la sede operativa nel Lazio prima dell’erogazione del contributo. Il bando prevede contributi differenziati in base alle dimensioni dell’impresa: fino a 50.000 euro per le Micro Imprese, fino a 100.000 euro per le Piccole Imprese e fino a 150.000 euro per le Medie Imprese. Il contributo minimo erogabile non può essere inferiore a 14.000 euro.

Questa iniziativa rappresenta un passo significativo nella promozione della trasformazione digitale delle imprese nel Lazio, promettendo di stimolare l’innovazione, migliorare la competitività e contribuire allo sviluppo sostenibile dell’economia regionale.