Hangzhou, 28 dic 14:00 – (Xinhua) – Nella parte sud-occidentale della provincia orientale cinese dello Zhejiang si trova una contea montuosa chiamata Qingtian. Con una popolazione di poco più di 500 mila abitanti, questa contea è il luogo natale di 381 mila cinesi d’oltremare, di cui circa 100 mila impegnati nel commercio globale. 

Passeggiando per le strade di Qingtian, è difficile non notare l’architettura in stile europeo e i caffè lungo le strade, che creano l’illusione di camminare in una pittoresca cittadina europea. 

Dalla prima generazione di abitanti di Qingtian che si recò all’estero centinaia di anni fa avventurandosi nel mondo e portando sculture in pietra, fino alla più giovane generazione che oggi torna a Qingtian con caffè e vino, gli abitanti della contea stanno attivamente introducendo i prodotti europei, compresi quelli italiani, nel loro luogo natale in Cina. 

Nel 2015, quando Zhou Yong, che ha lavorato e avviato attività commerciali in Europa per 28 anni, ha saputo che il suo luogo natale, Qingtian, aveva introdotto politiche preferenziali per attirare gli imprenditori cinesi d’oltremare e aveva persino istituito la Qingtian Imported Commodity City, un centro per le merci importate, è stato felicissimo. 

Pieno di profondo affetto per il suo luogo natale, l’uomo ha deciso di tornare e di avviare un’attività a Qingtian. Ha fondato il Qingtian Rosarubra World, dove le persone possono apprendere la cultura del vino italiano e gustare l’autentica cucina italiana. 

La sua esperienza è un microcosmo della tendenza dei cinesi d’oltremare di Qingtian a tornare in patria per avviare attività commerciali. Secondo statistiche incomplete, attualmente sono circa 150.000 i cinesi d’oltremare di Qingtian che hanno investito in Cina e oltre 500 le imprese di Qingtian in cui i cinesi d’oltremare hanno investito. 

Sfruttando i cinesi d’oltremare come ponte, negli ultimi anni numerosi commercianti e marchi italiani hanno approfittato della tendenza dei “cinesi d’oltremare che tornano a casa per avviare un’attività” e dello sviluppo dell’importazione di prodotti stranieri a Qingtian per espandersi continuamente nel mercato cinese. 

Riccardo Iacobone è un commerciante di vini italiano. Nel 2017 ha fondato a Qingtian una società commerciale con il suo amico e socio d’affari cinese Zhou Yong per entrare nel mercato cinese. La loro azienda è stata la prima impresa a investimento estero nella Qingtian Imported Commodity City. 

Iacobone ha dichiarato di essere venuto a Qingtian perché aveva molti amici nella contea, come Zhou Yong. 

Attualmente, Qingtian vanta un grande centro di distribuzione di vini importati. I vini provenienti dall’Europa possono essere trasportati nello Zhejiang in soli 17 giorni. Questa efficienza agevola notevolmente la fornitura di vini italiani per i consumatori cinesi. 

Secondo Iacobone, il mercato cinese offre opportunità commerciali illimitate. “Rispetto a quando sono arrivato, oggi è sempre più conveniente aprire un’azienda in Cina. Le procedure amministrative sono diventate più semplici e i servizi amministrativi del governo sono più efficienti. Questo rafforza la mia determinazione a investire in Cina e a collaborare con partner commerciali cinesi”, ha aggiunto Iacobone, “spero persino che mio figlio possa rilevare la mia attività in Cina dopo la laurea”. 

In occasione dell’Overseas Chinese Import Commodities Expo, tenutasi a novembre di quest’anno, Iacobone ha presentato più di 70 commercianti di vino italiani che hanno partecipato alla Qingtian Imported Wine Trade Fair, con l’obiettivo di far conoscere a Qingtian un maggior numero di viticoltori italiani e di far conoscere ai consumatori cinesi i marchi di vino italiani. 

D’altro canto, Ruben Rabatti del gruppo italiano Cantine Settesoli ha dichiarato “È la prima volta che partecipo all’Overseas Chinese Import Commodities Expo. Qui ho potuto constatare la forza del mercato vinicolo cinese. Sono stato sorpreso di trovare molti espositori e acquirenti professionisti, che hanno reso la comunicazione fluida. Ho già scambiato contatti con più di dieci potenziali acquirenti”.