ventura simo

di Carol Verde

ventura simoGli uomini, si sa, per destreggiarsi nel grande e misterioso universo femminile, classificano le donne in base a quei criteri tanto dicotomici quanto scientifici: la bionda e la mora, la alta e la bassa, la timida e l’estroversa… insomma, potremmo andar avanti per ore. Ma c’è una cosa, in particolare, che divide la popolazione del gentil sesso in due, nette, categorie: le donne che sanno cos’è un fuorigioco, e quelle che non lo sanno. Quest’ultime fanno parte di quel nutrito gruppetto convinto che il calcio non sia altro che uno dei tanti retaggi infantili che gli uomini si portano dietro fino alla terza età: un gioco stupido, in fin dei conti, in cui possono sporcarsi, correre liberi e darsi calci sugli stinchi senza sentirsi troppo in colpa. Poi ci sono le prime, quelle che l’uomo è sempre pronto a criticare per poca competenza, ma per cui impazzisce, inesorabilmente: ed è di queste ultime che fanno parte le prime donne di casa Sky, Ilaria D’Amico e Simona Ventura. La scatola più tecnica e competente della tv di settore se la gioca al femminile: la D’Amico a Sky Calcio Show allieta la domenica pomeriggio con professionalità e una grande dose di femminilità, destreggiandosi tra domande e commenti post-partita; uno dei volti – e dei corpi – più apprezzati dell’emittente, che racchiude in sé il top dell’intrattenimento letargico del maschio domenicale: calcio e belle gambe. E si affianca a lei da qualche settimana l’altra indiscutibile regina del calcio italiano, in onda sul canale digitale e affiancata da Alessandro Bonan. La Ventura ha infatti esordito con Cielo che gol!, in corsa con la Cabello e Quelli che il Calcio. Una gara ovviamente impari sia come mezzi che come seguito, gli stessi lasciati in eredità dalla stessa Simona, e che ora gli si potrebbero ritorcere contro, oppure no: se il telespettatore si affida al servizio pubblico, e non al dgt, per il commento calcistico, ci pensa Maometto ad andare alla montagna. E’ il caso della paradossale ed ormai nota intervista a Nicole Minetti (quella vera, non quella imitata da Virginia Raffaele a Quelli che il Calcio), della scorsa puntata, in cui ha affermato di voler rinunciare al vitalizio post-incarico, attribuendo la decisione a difficoltà di tipo oggettivo e non ad una volontà reale, nonostante i tentativi della conduttrice di darle lustro: “non dire che non prendi il vitalizio perché c’é il decreto Monti, dì invece “io, Nicole Minetti, rinuncio a questi 1.300 euro”, acquisteresti dei punti.” – i punti, invece, li ha acquistati la trasmissione, aggiudicandosi delle affermazioni che saranno più pubblicità che informazione. Mentre Cielo che Gol! fa i primi passi, SuperSimo è incrollabile sul fronte XFactor, show che continua a produrre talenti e a tener viva l’attenzione: siamo solo alla terza puntata e già sono scintille tra le dame della musica. Dopo l’eliminazione di Alessandro Mahmoud della scorsa sera, infatti, sono volate parole grosse tra la Ventura ed Arisa, che ha poi però in questi giorni chiesto scusa pubblicamente perché, ha scritto sulla sua pagina di Facebook, “tutto ha un limite e io devo darmi una regolata”. Aleggia insomma la teoria del complotto contro Simona: una tensione che si sta cercando di scongiurare ma che è pronta ad esplodere. Del resto, mancano ancora tante puntate alla fine della sesta stagione.