amamezzi

Roma, Assotutela: “il volontario non basta, riformiamo Ama”

“Non rassicurano le dichiarazioni del neo sindaco Roberto Gualtieri, che annuncia di voler far pulire la città da privati e volontari. Ė di ieri mattina la notizia, che alcuni minisindaci dei municipi, freschi della riunione in Campidoglio con il primo cittadino, siano già alla ricerca di onlus e associazioni per provvedere”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Maritato. “C’è anche la proposta di coinvolgere i beneficiari del reddito di cittadinanza per pulire le strade e le aree verdi, idea che non ci vedrebbe totalmente contrari se non fosse, come è evidente, una idea tampone che non risolve il problema strutturale di gestione, organizzazione, funzionamento dell’Ama. Non crediamo – insiste il presidente – che si risolva in tal modo l’atavico problema della raccolta rifiuti in città. Non vorremmo che si scarichino i pesi di una emergenza su organizzazioni di volontari. A Roma c’è bisogno di un piano di assunzioni per rilanciare il servizio pubblico, c’è bisogno di una profonda revisione del ‘sistema Ama’ regolamentando tutti gli affidamenti ai privati che al momento, presentano molte disfunzioni”. Il presidente lancia inoltre una proposta: “Bisogna istituire osservatori municipali sui rifiuti, costituiti da comitati di cittadini e rappresentanti dell’ente locale, sotto la supervisione di capi zona Ama. Senza pensare poi, alla mancanza di idonee coperture assicurative per volontari e percettori di reddito, che in caso di infortunio potrebbero pagare di tasca propria. I problemi sono strutturali, non risolvibili su base volontaria”, chiosa il presidente.