Federica, sei appena tornata dalla Sicilia. Meta di svago o lavoro per te?
Lavoro. Sono contenta, finalmente sono tornata su un palco vero. Mi era mancato troppo tutto questo…

E’ stato un evento “nuovo” o già ci avevi preso parte in precedenti edizioni?
Due anni fa vinsi in un concorso a Messina, la presidente di giuria mi notò e mi ha voluta in questo suo festival, a Bagheria (Palermo).

Con che brani ti sei esibita?
Mi sono esibita con il mio cavallo di battaglia: “Je suis malade”.Un brano in francese di Dalidá che negli anni mi ha sempre portato fortuna.

Aspettative e progetti. 
Dopo la Sicilia, mi preparo per esibirmi a Rimini. Poi non vedo l’ora che arrivi settembre per tornare a lavorare sui miei inediti.