AntonelloAurigemma

“In merito alla variante al Programma Integrato “Le Croci”, approvata dal Consiglio Comunale di Formello nell’ottobre 2019, ho presentato una interrogazione al Presidente della Giunta Regionale e all’Assessore all’Urbanistica.

Come noto, in merito a tale variante si è sviluppato, anche all’interno della maggioranza di governo del Comune, un acceso confronto sia nei riguardi della procedura seguita sia nel merito delle modifiche proposte.

Le riserve motivate, prospettate per tempo da alcuni assessori, non hanno trovato riscontro, né il Sindaco ha voluto ricercare un punto di mediazione. Così la variante è stata approvata nell’ottobre 2019 con 9 voti favorevoli e 8 contrari, tra i quali quelli di tre assessori: un indipendente, Cinzia Bonafede, e due rappresentanti di Fratelli d’Italia, Federico Palla e Ilaria Sgalippa, tra i candidati più votati alle elezioni amministrative del 2017.

All’indomani del voto il Sindaco, con atto precipitoso, ha revocato la delega ai tre Assessori, che si sono trovati di fatto fuori dalla maggioranza, senza che vi sia stato alcun confronto politico.

Facendo proprie le ragioni espresse dai rappresentanti di Fratelli d’Italia nel Consiglio Comunale di Formello, si chiede alla Regione di verificare che l’iter seguito dal Comune per l’approvazione della variante sia stato conforme e rispettoso delle normative vigenti e se, ferme restando le volumetrie realizzabili, la prevista riduzione di oneri a carico della Società proponente ( per un importo pari a ben 706.567,70 euro), determinata dalla eliminazione di opere pubbliche funzionali alla riqualificazione della zona, oltre a rappresentare un palese pregiudizio per l’interesse pubblico non configuri un evidente e grave danno erariale.

Ricordiamo che i Programmi Integrati, posto l’interesse dei privati che li propongono, sono strumenti destinati a promuovere la riqualificazione urbana attraverso la realizzazione di opere pubbliche che migliorino le dotazioni, e quindi le condizioni di vita, negli ambiti urbani cui sono destinati.

E questo non sembra il caso della variante al Programma Integrato “Le Croci” approvata”

Lo dichiara il consigliere di Fratelli d’Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma