Ospiti, vip e il nuovo locale in montagna: la stagione autunnale de L’Osteria La Briciola

Oggi ci troviamo con Enrico titolare del ristorante Osteria La Briciola nota per progetti ed iniziative memorabili oltre che per la sua raffinata e ottima cucina. Lo scorso 9 luglio, per esempio, si è tenuto un evento splendido al castello Orsini – Cesi – Borghese.

L’OSTERIA LA BRICIOLA A DUE PASSI DA ROMA

Il ristorante, una vera e propria oasi di pace a due passi da Roma, è spesso meta di influencer (ricordiamo Martina Di Maria o l’ex Gf Alessandro Calabrese) e personaggi del mondo dello spettacolo (a metà ottobre l’attrice Agata Fortis dopo aver calcato il red carpet del Festival del Cinema di Venezia e di Roma).

L’inverno all’Osteria La Briciola è ricco di appuntamenti: non mancano le cene Stampa come quella dello scorso 25 novembre e chiaramente gli eventi come quello estivo sopra citato. Enrico ci ha raccontato dei numerosi invitati presenti a quella serata e dell’ottimo riscontro ottenuto. La cena, infatti, fu organizzata con un abbinamento tra 4 piatti ideati appositamente per la serata e 4 vini della casa vinicola Gruppo Italiano Vini. Tutti gli ospiti rimasero deliziati dai piatti e dai vini oltre che ammaliati dalla prestigiosa location: affreschi ed una meravigliosa vista dalla terrazza del Castello.

IL NUOVO LOCALE IN MONTAGNA

“In primavera” – spiega Enrico – “abbiamo aperto anche un nuovo locale pizzeria ristorante ‘Casa Ferrazza’ in Trentino Alto Adige a Pinzolo, non lontano da Madonna di Campiglio. Intraprendere questa nuova “avventura” è stato inaspettato. Sono rimasto molto colpito dalla bellezza del locale e soprattutto
dall’enorme terrazza con vista sulle Dolomiti. Anche qui ho improntato
tutto sulla qualità e sul servizio, curato e professionale. Naturalmente
il lavoro da fare è ancora molto ma già mi ha dato grandi soddisfazioni.”

MENU D’AUTUNNO: PIATTI E CAMBIAMENTI

All’Osteria La Briciola l’autunno sta portando inevitabilmente
dei cambiamenti nel menu; la clientela chiede in questo momento, anche
se per loro sono dei fuori carta, piatti con funghi porcini. Sta
diminuendo la richiesta dei piatti a base di pesce e ci si sposta su
quelli a base di carne, formaggi e salumi.
I clienti trovano nel ristorante molte piccole produzioni artigianali di grande qualità e molti presidi Slow Food.