pomezia3

“Sinceramente fatichiamo davvero a comprendere il demagogico trionfalismo e il falso moralismo del sindaco di Pomezia, Adriano Zuccalà, in merito alla ordinanza comunale, impugnata nel 2020 davanti al TAR Lazio da Zoomarine e da Sky Garden. Partendo dalla premessa che il Tar Lazio non avrebbe confermato la legittimità dell’ordinanza di chiusura, bensì si sarebbe solamente limitato a dire che sulla questione deve decidere il giudice ordinario, le odierne dichiarazioni del primo cittadino grillino su questa vicenda legale suonano dunque come ridicole e infantili, e confermano implicitamente l’incomprensibile astio di questa giunta nei riguardi di due aziende, come Zoomarine e Sky Garden, che hanno sempre operato e continuano a operare nel rispetto delle regole, portando sviluppo e occupazione all’interno del territorio comunale di Pomezia. A un anno di distanza dall’inizio di questa terribile pandemia, come centrodestra, siamo consapevoli che la tutela della salute è la priorità fondamentale ma è importante anche la sopravvivenza delle imprese, oggi in ginocchio a causa della più devastante crisi economica dal dopoguerra. In questo contesto, è compito delle istituzioni, e dunque anche del Comune di Pomezia, operare con buonsenso ed efficienza al fine di assicurare sia il diritto alla salute sia il diritto al lavoro dei cittadini pometini. Il sindaco Zuccalà ci riuscirà?”.Così, in una nota, il “Centrodestra Unito di Pomezia”

LE PAROLE DEL SINDACO SU FB – Questo il commento fb del sindaco di Pomezia Zuccalà che ha comportato la risposta del centrodestra di Pomezia: “Il Tar Lazio ha definitivamente archiviato i ricorsi avanzati da Stark Italia (Sky Garden) e Zoomarine, le quali avevano impugnato l’ordinanza dell’Amministrazione comunale di chiusura per 5 giorni per mancato rispetto delle norme anti-Covid. Il Tar ha condiviso l’operato del Comune di Pomezia anche in merito al rilevamento delle attività correttamente svolte dalle autorità giudiziarie intervenute. Siamo felici che le osservazioni e gli atti da noi prodotti nei giudizi sono stati condivisi dai giudici, confermando il buon operato del Comune. Sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria abbiamo sempre lavorato per garantire la tutela della sicurezza pubblica, verificando e vigilando, insieme alle forze dell’ordine che ringrazio per il lavoro che stanno svolgendo dall’inizio della pandemia sulla corretta applicazione delle normative anti-Covid da parte di tutte le strutture e i pubblici esercizi. Questioni di questo tipo non sarebbero dovute neanche nascere, proprio per rispetto della salute della collettività, che per l’Amministrazione rimane sempre al primo posto”.