È morta all’età di 83 anni a Roma la signora Ines Consoli, sorella di Massimo Consoli, tra i fondatori del movimento lgbt italiano. Nata a Roma, nel quartiere di Testaccio, prima di trasferirsi ai Castelli Romani, terra d’origine della famiglia, aveva vissuto anche a Monteverde.

Diplomatasi in ragioneria, negli anni aveva collaborato con la Standa e approfondito passioni come il cucito, il ricamo e da ultimo la pittura. Viva e presente nel ricordo sempre affettuoso e commosso del fratello, ha partecipato ci entusiasmo e passione all’attività della Fondazione Luciano Massimo Consoli sin dagli inizi dell’attività. 

Rimasta costantemente vicina, con grande discrezione, al pensiero e alle battaglie fraterne per i diritti civili lgbt, ne aveva condiviso l’impegno per la memoria della “comunità varia” .

Francesco Vullo