Martedì, 19 Giugno 2018

Ultimo aggiornamento06:44:29 PM

  • Twitter
  • Info

PLAY TIME

Prada: Bertelli, risultati primi mesi 2018? Il tempo e' buono...

pradamilano“Posso dire che il tempo e' buono”.

Con queste parole l'ad di Prada, Patrizio Bertelli, ha risposto a chi,

durante la presentazione della nuova sede di Valvigna nell'aretino, gli ha chiesto dell'andamento dei conti nei primi mesi del 2018.

“Siamo quotati” ha aggiunto per spiegare di non poter dare altri dettagli poiche' marchio milanese della moda e' quotato alla Borsa di Hong Kong. Quanto alle stime fatte ieri da Altagamma per l'intero comparto mondiale del lusso, atteso in crescita del 6/8%, "penso che si puo' fare ancora qualcosa di piu'".

Lo riporta l’Ansa

Gay Pride: la marcia per i diritti umani

gay-pride-mondo(Diregiovani-it) - Il termine Gay Pride concilia il concetto di orgoglio con quello di marcia commemorativa, riferita agli

scontri del 1969 di New York che videro coinvolta la polizia e gruppi di persone omosessuali.

Per tale motivo solitamente il Gay Pride si svolge intorno al 28 giugno, giornata in cui la polizia irruppe violentemente in un locale,

Stonewall, della città.

La parola orgoglio tuttavia non descrive al meglio l’intento della definizione poiché facilmente equivocabile con “superbia” e quindi si suggerisce di orientare la comprensione in direzione del concetto di “fierezza”.
Tale precisazione ha l’intento di suggerire una visione che metta in risalto una posizione opposta alla vergogna: condizione in cui erano costrette a vivere la maggior parte delle persone omosessuali.
Esattamente un anno dopo, in memoria dei moti di Stonewall, fu organizzato il primo Gay Pride a New York, inizialmente chiamato Christopher Street Liberation Day March. Durante l’evento i partecipanti scesero in strada indossando i vestiti più sgargianti, slip e costumi da bagno. Le transessuali e i travestiti scesero finalmente passeggiare in strada senza avere paura. Il significato profondo della marcia era quello di contrastare le regole sociali mettendo fine alla repressione imposta da quest’ultime.

In Italia il primo Gay Pride si svolse nel 1994 a Roma organizzato dall’Arcigay e il Circolo di Cultura omosessuale.
La partecipazione fu elevata, oltre diecimila persone, e confermò l’importanza dell’approccio unitario dei diversi movimenti presenti sul territorio.
Tale incredibile successo portò all’isituzione di un Word Pride nel 2000 ampliando così le alleanze tra i vari paesi . Nel 2011, a Roma, si svolse il 18° Europride che coinvolse centinaia di migliaia di persone con la partecipazione straordinaria della rock star Lady Gaga, la quale tenne un lungo discorso sui diritti delle persone omosessuali.
Nonostante fossero presenti alcune tensioni tra i gruppi interni dell’organizzazione, la situazione fu tenuta sotto controllo e permise di avere una continuità negli anni a livello nazionale ed internazionale.

Con l’istituzione dell’Onda Pride si sperimenta una nuova gestione dei movimenti gay che consolida ancora di più una modalità organizzativa volta alla sinergia, vera forza che ha permesso di portare avanti negli anni l’iniziativa.
Ogni anno in Italia ci sono 20/30 Pride sparsi in tutto il paese e se ne aggiungono sempre di nuovi. Per questo l’insieme dei Pride italiani si chiama “Onda Pride”, ma ce ne sono tantissimi anche in tutto il mondo.
L’iniziativa prevede un fitto calendario di sfilate di carri, musica, spettacoli, dibattiti.
It’s Human Pride nel 2015 è stato adottato come slogan del movimento proprio per porre l’attenzione sui diritti umani delle persone gay.

Lo sapevi che…

E’ stato ideato nel 2015 il videogioco, Pride Run, realizzato in Italia da IV Productions in collaborazione con Steamfactory e Pride Entertainment.
Il gioco è diviso in scenari diversi (le principali città in cui negli anni si sono svolti i Gay Pride) e in ognuno bisognerà cercare di far ballare il pubblico fino a sfidare in una danza all’ultima mossa niente meno che il presidente Trump.
L’intento è quello, non solo di suscitare il divertimento, attraverso il ballo, ma anche sensibilizzare e coinvolgere ad una più ampia riflessione.

Nel 2015  il mondo virtuale ha avuto la sua marcia grazie a Google che invitò tutti a partecipare ad un Androidify Gay Pride.
Androidify è un’app che permette ai fan del robottino di creare il proprio avatar Android, personalizzandolo nell’abbigliamento e nelle caratteristiche per poi condividerlo con gli amici e con il resto della community Android. L’ultima versione offre la possibilità di personalizzare la propria mascotte con un set completo di accessori in stile Gay Pride: sciarpe e bandierine arcobaleno, magliette in tema, cappelli e scarpe colorate. L’invito di Google era quello di far partecipare gli avatar alla marcia virtuale dell’orgoglio Pride.
l motto della parata di Google è“Insieme facciamo la differenza”: . Testimonial dell’ iniziativa alcuni personaggi famosi come Kylie Minogue, Conchita Wurst. Tom Daley, sir Ian McKellen. Jessy Tyler Ferguson.

ClioMakeUp torna su Real Time, da oggi in onda Clio Missione Mamme

cliorealtimeDiventare mamma è un evento straordinario che cambia completamente la vita di ogni donna.

A volte quando ci si prende cura di un bambino piccolo,

è difficile prendersi cura anche di se stesse.

Chi meglio di Clio, famosissima make-up artist, può aiutare tutte le mamme, come lei a sentirsi di nuovo belle? Da oggi arriva online su RealTime.it e in tv, dal lunedì al venerdì alle 13:45, su Real Time (canale 31) Clio Missione Mamme. In programma 20 episodi da 5 minuti ciascuno.

In ogni puntata Clio, da anni punto di riferimento per milioni di italiane (e non solo), risponderà a una richiesta di aiuto da parte di una donna che, una volta diventata mamma, non riesce a trovare tempo per prendersi cura di sé.

Clio uscirà per la prima volta dallo studio, per andare in soccorso a casa della mamma protagonista della puntata e, dopo una breve chiacchierata, riuscirà a individuare la soluzione più efficace per lei, dimostrando a tutte le mamme come con pochi, semplici passaggi è possibile valorizzarsi e tornare a sentirsi belle.

Real Time è visibile al Canale 31 del Digitale Terrestre, su Sky canali 131 e 132, Tivùsat Canale 31. Il programma sarà disponibile su RealTime.it e anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play).

Dall’officina meccanica al palco di Sanremo, Mudimbi racconta il suo anno speciale

mudumbiAllegro e dissacrante.

Sono le parole perfette per descrivere Mudimbi. Classe 1986, di San Benedetto Del Tronto.

A diregiovani.it ha raccontato il suo anno speciale, in vista del suo Mudimbi Tour. Dal 15 giugno,

il cantante girerà l’Italia, portando sul palco la sua musica ma non solo. “Per la prima volta sarò con una band, saremo un bel po’ di persone” sul palco, ci ha raccontato. Sarà uno spettacolo a 360 gradi in cui l’artista farà “l’intrattenitore”, oltre che il cantante.

Ecco le prime date confermate:

15 giugno – Alley-Oop Festival – Piacenza;

23 giugno – Konca Music Fest – Montepulciano (SI)

30 giugno – Fool Festival – Morrovalle (MC)

26 luglio – Eremo Club – Molfetta (BA)

29 agosto – Festival Contro – Castagnole delle Lanze (AT)

31 agosto – Polpe La Sagra – Polpet (BL)

Dall’officina meccanica al palco del Festival di Sanremo

Un passato da meccanico e la musica nel sangue. Mudimbi, quest’anno, è arrivato al grande pubblico, conquistando tutti (e il terzo posto a Sanremo Giovani) con la sua hit Il Mago, contenuta nella riedizione del primo album del 31enne, Michel. Una canzone irriverente in cui Mudimbi scherza sulla quotidianità e su come superare la negatività.

Un brano che invita a prendere la vita con più leggerezza e che cita, per questo, Orietta Berti. L’artista di “Finché la barca va” è stata talmente lusingata che, dopo il Festival, ha contatto Michel per ringraziarlo. Il cantante si è poi “auto-invitato” a casa della Berti e così è avvenuto anche l’incontro di persona. Un altro regalo che questo 2018 ha fatto a Mudimbi. Da tre mesi a questa parte, è poi stato un crescendo di consensi e fan.

Nelle settimane scorse è uscito Amemì, il secondo singolo estratto dal disco. Una canzone che nasce da un “errore grammaticale” in cui Mudimbi si “prende in giro”, scherzando sul fatto che – per la sua “tintarella” – potrebbe passare per “immigrato”. Michel ha padre congolese ma è nato e cresciuto in Italia. “Qualche discriminazione – ci racconta Michel – è capitata anche senza commettere errori grammaticali”. Per evitare ogni incomprensione, così, a cantare il coro nel ritornello sono un gruppo di bambini, “gli unici autorizzati a commettere questo tipo di errore”. Il risultato è una canzone pop travolgente, impossibile da non cantare.


Angelica Preziosi si confessa: "Attenti ai social network"

angelicapreziosi1Angelica Preziosi a tutto tondo.

La splendida modella romana ha rilasciato una lunga intervista di recente al megazine

UnfondingRoma commentando la nostra attualità a 360°.

"Perché in Italia si fanno pochi figli?
Fatico a rispondere a una domanda così", ha detto Angelica Preziosi, che poi ha aggiunto  "Forse la precarietà sul lavoro e l'instabilità affettiva è una concausa di questo fenomeno, ma alla base di tutto c'è anche un pizzico di egoismo che accompagna la vita di ognuno di noi. Se il problema fosse solo economico, i nostri nonni cosa avrebbero dovuto fare?"

Ad Angelica Preziosi è stato chiesto anche un parere sui social: "Sono molto social ma cerco di non farmi coinvolgere  più di tanto. Credo che la vita reale sia un'altra cosa. I complimenti e le critiche passano, sei tu a dover sapere davvero chi sei, al di là dei follower".

E sui suoi modelli televisivi, la modella romana ha dichiarato: "Non ho dei veri e propri modelli. Mi piacciono Simona Ventura, Tiziana Panella, Ilary Blasi,trovo che sia molto brava Francesca Fialdini, è una giornalista prima ancora di essere una presentatrice e si vede. La preparazione paga sempre"  

Al Cinema Politeama Cityplex Frascati arriva “Parasitic Twin”

twincinemaArriva nelle sale Italiane PARASITIC TWIN  ,film scritto da Franco Forte e Francesco Spagnuolo è diretto da Claudio Zamarion, direttore della fotografia di numerose pellicole che firma la regia di questo progetto come All Zammi in memoria del padre.

Liberamente ispirato ad una storia vera,  il film porta sul grande schermo il tema del Fetus in Fetus, una rara anomalia dello sviluppo embrionale, definito comunemente GEMELLO PARASSITA.

Cinque ragazze sperdute su un isola dalla natura selvaggia e incontaminata che sembra preda di un incanto. Un film affascinate che sfugge alle classificazioni di genere , dove l' esplorazione di pulsioni morbose e sofferte diventa l' espediente narrativo per una storia che coinvolge , appassiona  e emoziona .

PARASITIC TWIN  in programmazione al Cinema Politeama Cityplex Frascati .

LINK DEL TRAILER  (SU FACEBOOK con più di 424.000 visualizzazioni)

https://www.facebook.com/ParasiticTwinFilm2018/?hc_ref=ARTFnyT24d2yOvDeQa6rq25HGfQbbtqnoLaoy4nfCxhTxMCzSR-GEm24LeKVYnCCAk&;fref=nf

Selena Russo è Miss del Web 2018 per Miss Mondo Italia - Lombardia

selenarussomissmondoLa Cenerentola di Valle Antrona, Selena Russo, 22 enne, è per la terza volta consecutiva la Miss del Web 2018 per Miss Mondo Italia - Lombardia. È la prima in assoluto ad aver ottenuto un risultato così. Come si dovrebbe definire? Un’imprenditrice digitale? Non ha importanza, ciò che conta è che sia una bellezza italiana o meglio, una delle 150 semifinaliste di Miss Mondo Italia. La prima icona femminile ossolana ad essere approdato a Gallipoli per la finalissima che si terrà nel mese di giugno. Insomma, una vera e propria soddisfazione per lei e per tutti i suoi fans: un giudizio popolare, super votata e affermata dal mondo Web. Un ringraziamento esteso va al presentatore ufficiale Leo Bosi e al responsabile della Regione Lombardia Herald Benjamin Banushi. La premiazione si è svolta il 20 maggio presso il Castello di San Lorenzo De’ Picenardi (CR). L’abito che vedete in foto è della stilista Fabiana Ferri presso la boutique Bahia Moda(VB)

LA CURIOSITA’ – Estate alle porte, “Vi dico io come vincere la prova costume”

provacostumecostiL'estate si avvicina e con questa arriva anche la tanto temuta prova costume.

Tra diete, esercizi fisici e sacrifici per avere un corpo perfetto,

arriviamo a fare qualunque cosa ma non tutto va bene per noi e rischiamo pure di danneggiare seriamente il nostro fisico.

Ecco allora l'importanza di avere un professionista che ci segua passo dopo passo, che ci motivi e ci aiuti ad ottenere i risultati che vogliamo nel migliore dei modi. Un corpo in forma è anche un corpo in salute, abbiamo quindi incontrato Leonardo Costi – personal trainer – per chiedergli alcuni consigli su come stare bene.

Sono meglio gli esercizi a corpo libero o con i pesi? “Secondo me gli esercizi con i pesi sono migliori perché stimolano meglio la muscolatura》

In un periodo di allenamento quanto è importante l'alimentazione? Quanto il riposo e quanto la costanza?《L'alimentazione è sempre importante così come è importante il riposo, se ti alleni e mangi male non avrai un corpo ben scolpito. La costanza in questo sport conta tantissimo, come è importante la determinazione》

Tra le persone che segui spicca Ami Paola Codovini, quali sono i segreti per avere un corpo come il suo?《Esatto alleno Ami Codovini da qualche mese, il segreto per avere un corpo come il suo sono alimentazione sana e costanza in tutto ciò che fa》

Francesco Vullo

L'INTERVISTA - A tu per tu con Giuseppe Di Monte

delmontealbumAbbiamo incontrato questo giovane cantautore originario del Gargano durante la presentazione del suo nuovo disco.

Molto più di un cantante emergente, Giuseppe è sicuramente

un ragazzo che cerca ogni giorno, in modo onesto,

di realizzare il proprio sogno, cercando attraverso lo stesso, di aiutare tutti coloro che decidono di ascoltarlo attraverso la musica e le sue storie. Un ragazzo determinato, altruista e senza peli sulla lingua. Queste sono le domande che abbiamo raccolto per voi:

Il tuo è uno stile innovativo, come mai questa scelta? Ti senti sicuro su questo o vorresti cambiare il tuo stile?《Nel mio percorso artistico ho avuto la fortuna di sperimentare attraverso varie band con cui ho collaborato vari stili. Nel 2012 iniziai a produrre musica attraverso il TeenPop genere musicale in voga negli anni 90. Col tempo però ho capito che la musica per essere considerata tale va rispettata e creata assieme a chi ne vive la sua essenza, a chi porta con sé l'amore verso gli strumenti veri e non attraverso suoni campionati messi lì attraverso un PC. Ormai tutto viaggia in digitale. Ho voluto per me ricreare uno stile che in primis rappresentasse ciò che sono, la mia personalità, e nel Pop Rock trovo la mia giusta dimensione e poi creare un giusto equilibrio tra musica e parole. Amo questo stile, mi diverte e almeno per ora non ho nessuna intenzione di cambiarlo》

Da poco è uscito il tuo primo disco "Tira su il volume": cosa ci puoi raccontare di questo lavoro?《È un disco che tenevo chiuso nel cassetto da un po'. Un lavoro sudato e portato alla luce solo attraverso le mie forze e la mia determinazione. "Tira su il volume" vuole essere una voce fuori dal coro per tutti quei ragazzi che credono ai propri sogni, incitandoli a non mollare mai. Un disco ricco di musica vera da sparare a tutto volume in macchina o nelle casse di uno  stereo. Un avventura combattuta a colpi di note che auguro a tutti di vivere e di condividere》

Quali progetti hai in cantiere per il futuro prossimo e come ti vedi da qui a 10 anni? “Per ora ho iniziato la promozione dell'album uscito su iTunes e Google play dal 27 Aprile. Ho già lanciato i primi due singoli "Solo" e "Come un terremoto" che mi stanno dando grandi soddisfazioni. In cantiere ho in esecuzione il mio primo docufilm dal nome "REC - SOLO VERSO IL SOGNO" che vede la regia di Fabrizio Pudda, regista dei miei due videoclip appena citati. Un racconto di immagini ed aneddoti inediti del mio percorso artistico e personale fino alla nascita e lo sviluppo dell'album. Progetto che ho avuto il piacere e l'onore di presentare in anteprima nazionale al Formia Film Festival durante la rassegna cinematografica giunta già alla quarta edizione. Tra 10 anni? Non saprei, di sicuro accompagnato da buona musica》

Francesco Vullo