Sabato, 23 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento05:55:40 PM

  • Twitter
  • Info

PLAY TIME

"Polvere di Stelle", in radio il salotto della musica e dello spettacolo

caromaritatoCarol Maritato e Barbara Verchiani sono le padroni di casa della trasmissione “Polvere di Stelle” on air

sulla storica emittente romana, Radio Italia Anni ’60, e puntano al successo con il loro salotto musical culturale.

La trasmissione si può ascoltare tutti i giovedì pomeriggio dalle ore 14 alle ore 15 su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a

Roma su 100.5 Fm, in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili nonchè sul sito www.radioitaliaanni60roma.it.
Ospiti d’eccezione della puntata di giovedì 21 marzo saranno Alesol, Emiliano De Martino e Alessandro Canino.

Alle 14 interverrà Alesol, giovane artista napoletana, che ha esordito nel mondo della musica con il singolo "Un'autostrada per il sole" ed ha partecipato alle finali di Area Sanremo. Alle 14,30 microfono a Emiliano De Martino, attore campano, giovane interprete di molti film di successo, è uno degli attori più brillanti del panorama cinematografico italiano. La chiusura di trasmissione sarà affidata, poi, ad Alessandro Canino, notissimo cantante italiano: in molti lo ricorderanno per il suo esordio a Sanremo, nel 1992, quando con la canzone intitolata “Brutta”, hit di successo che invase tutte le radio. Insomma, una altra puntata di Polvere di Stelle è pronta a decollare in termini di successo e partecipazione.

 

I giovani e il mondo del lavoro: piccoli artigiani si raccontano

parannanzapelleIl lavoro artigianale sta lentamente attraendo sempre più giovani in Italia,

non solo professionisti del settore e piccoli imprenditori ma anche ragazzi e ragazze con buone capacità di manodopera

che decidono di mettersi in gioco portando avanti un hobby personale da poter offrire al pubblico.

Ne è un esempio una coppia romana che ha deciso, quasi per gioco, di iniziare a lavorare sugli oggetti di cuoio
arrivando a realizzare accessori personalizzati per tutti i gusti. Antonmario Pieragostini e Claudia Guarisco ci hanno così voluto raccontare la propria storia:

Come mai dei ragazzi così giovani hanno scelto di aprire un laboratorio di artigianato?

《L'idea di iniziare a produrre oggetti in pelle ci è venuta per un puro caso. Io ed il mio compagno, nonché socio, abbiamo sempre nutrito il sogno di trasferirci, in un prossimo futuro, fuori città. Così quando ho visto nelle vetrine di un negozio del centro un grembiule in pelle, che sembrava adatto ai lavori tipici di un casale agreste, ho deciso di comprarlo per lui. Il mio non voleva che essere un regalo simbolico e benaugurante, sebbene non avessi minimamente calcolato la sua reazione. Cominciò a studiare l'oggetto e a ragionarci sopra, coinvolgendomi nel suo appassionato studio; ci sembrava probabile che, grazie alle sue indubbie doti di manualità e alla mia capacità nel cucire, saremmo riusciti a ricrearne altri. Il nostro lavoro si è avviato proprio da questo spunto》

Come definiresti le vostre creazioni?

《Siamo partiti veramente da zero, mettendo a frutto le nostre abilità e conoscenze, informandoci e studiando in modo da perfezionare le tecniche. Sono così cominciate delle lunghe giornate di approfondimento, tra prove e telefonate alla ricerca dei materiali, cuoio, pellami ed accessori per la loro lavorazione. Lo stile che cerchiamo di imprimere in ogni oggetto, dai più grandi ai più piccoli, è rustico e molto tradizionale, con una precisa ed immancabile attenzione per i dettagli. Ci piace, infatti, valorizzare la naturalezza dei materiali che usiamo: ci serviamo di vera pelle e cuoio italiani, conciati principalmente al vegetale, selezionando per i colori le sfumature del beige e del marrone, non disdegnando il nero, e privilegiando, per le zone di provenienza del pellame, Lazio e Toscana》

A quale tipologia di acquirente si rivolge la vostra impresa?

《I modelli dei grembiuli che sono alla base del nostro lavoro e del nostro percorso sono stati adattati alle esigenze di chi lavora nel mondo della ristorazione, in cucina ed in sala. Ma possono essere utilizzati anche da barbieri e tatuatori, artigiani che stanno in questo momento riscoprendo una sorta di "ritorno alle origini" attraverso la sottocultura Hipster. Più tardi sono stati i nostri stessi clienti a suggerirci e richiederci oggetti nuovi e sempre più diversi quali accessori per fumatori, portachiavi, borse ed accessori per giochi di ruolo. Adesso, infatti, lavoriamo prevalentemente su ordinazione, pur mantenendo un e-shop con le nostre creazioni principali》

Come vi immaginate da qui a 10 anni?

《Non è facile a dirsi, sicuramente la nostra speranza è che quest'attività possa crescere ed ampliarsi, continuando a far parte delle nostre vite; sarebbe bello trovare il modo per far sì che coesista ad un lavoro più stabile. Sarebbe altrettanto splendido specializzarsi in alcune produzioni: io e il mio compagno ci siamo formati, a livello accademico, come archeologi, e sogniamo di poterci dedicare interamente alla produzione di oggetti utili alle ricostruzioni storiche》

Francesco Vullo

Giuseppe Di Monte presenta il suo nuovo brano “Fuori e dentro me”

scopecedueDal 15 marzo è uscito il nuovo singolo del giovane cantautore pugliese Giuseppe Di Monte,

disponibile già sul web con il suo videoclip musicale.

“Fuori e dentro me” è un brano scritto dallo stesso artista e si propone a tutti i coloro che si incontrano per la prima volta l'amore.

《Spesso veniamo descritti dal sesso opposto come “orchi incapaci di amare”.
Troppe volte mi è capitato di sentire ragazze lamentarsi che noi maschi siamo privi di attenzioni verso le nostre consorti, in quanto pensiamo solo “ad una cosa”, egoisti e poco sensibili. Ma non è sempre così. Non siamo tutti uguali. Ci sono uomini che oltre al rispetto, rendono felici le loro donne sempre, e questo è ciò che ho voluto raccontare in questo mio brano. Uomini che si imbarazzano di fronte al loro primo amore, perché presi a tal punto, da non avere più il timone delle proprie emozioni》ha commentato l'artista che, dopo un anno di pausa e studio di questo nuovo singolo, ha collaborato con la regia di Fabrizio Pudda, Gleam Photostudio per le immagini ed il polistrumentista Paolo Repetto per l’arrangiamento strumentale: il terzo della collana “Tira su il volume”.

Cosa ci puoi raccontare di questo nuovo videoclip musicale?

《Ho cercato di sintetizzare al minimo indispensabile le immagini. Un tempo l'amore era visto con un pudore differente, e da qui ho pensato di dare al protagonista due identità. Una più “antica”, attraverso delle scene con un'ambientazione un po' più “retrò”, e un altra invece più attuale. Ho voluto accomunare ad entrambe le versioni quei sentimenti classici di ragazzo “vecchio stampo”, quella nevrosi data da un imbarazzo dovuto a chi si affaccia per la prima volta al vero amore, visto però, con gli occhi di un ragazzo. Ripensando ai racconti dei miei genitori o di persone molto più grandi di me, tempo fa i sentimenti erano visti in modo differente. Oggi vedo molta più superficialità, come se l'innamoramento è stato sostituito da quei fuochi di paglia che ahimè lasciano il tempo che trovano. Ecco perché, forse, molte ragazze ci “accusano” di essere frivoli e poco sensibili》

Francesco Vullo
foto: Fabrizio Scopece

Serena Grandi si confessa su Radio Italia Anni '60

radiomixCarol Maritato e Barbara Verchiani sono le padrone di casa della trasmissione “Polvere di Stelle” on air sulla storica emittente romana, Radio Italia Anni ’60, e puntano al successo con il loro salotto musical culturale. La trasmissione si può ascoltare tutti i giovedì pomeriggio dalle ore 14 alle ore 15 su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a Roma su 100.5 Fm, in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili nonchè sul sito www.radioitaliaanni60roma.it.. Ospiti d’eccezione della puntata di giovedì 14 marzo saranno Vincenzo Incenzo, Francesco Arpino, l’ingegner Gabriele Giardini e Serena Grandi.

Ad apertura di trasmissione interverranno Vincenzo Incenzo, famoso autore dei brani musica del grande Renato Zero, e Francesco Arpino, autore e compositore di fama nazionale. A seguire toccherà a Gabriele Giardini, scultore del premio Anna Magnani 2019. Per Polvere di Stelle chiusura di trasmissione col botto, quando interverrà la mitica Serena Grandi che ci racconterà aneddoti della sua carriera artistica e cosa bolle in pentola per il futuro.

“Dimmi di te”, al salotto radio di Carol Maritato il rapporto Italia-Usa e il mondo delle imprese

imprese45Imprese italoamericane, sistema bancario, economia produttiva. Di questo e tanto altro si parlerà oggi in occasione della nuova interessante puntata di “Dimmi di te”, in onda su Radio Italia Anni ’60 ogni mercoledì dalle 19 alle 20 (oltre all’ormai consueto appuntamento ogni martedì dalle 14 alle 15). Conduttrice sarà, come sempre, la cantautrice romana e speaker radiofonica, Carol Maritato, che sarà affiancata da Antonella Picariello, coordinatore nazionale di Assotutela per i rapporti parlamentari: una grande professionalità che andrà ad arricchire la caratura dell’apprezzato programma radio.

“Dimmi di te”, edita dal gruppo Maritato, è una trasmissione di attualità e approfondimento sui temi giudiziari, politici, sociali, economici e culturali. Un format radiofonico innovativo e ambizioso, che vede settimana per settimana ospiti ed esperti di levatura nazionale e internazionale. “Dimmi di te” andrà dunque in onda tutti i martedì e tutti i mercoledì su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a Roma sui 100.50 Fm e in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili, sul sito www.radioitaliaanni60roma.it e sul sitowww.radiosanremoweb.it.

Ospiti della puntata di mercoledì 13 marzo, saranno Giovanni Antonini, Amato Berardi e Carlo Piccolo. Giovanni Antonini, già presidente della Banca Popolare di Spoleto, parlerà del sistema bancario italiano e della posizione della Banca d’Italia a sfavore del ceto medio. Poi spazio ad Amato Berardi, già senatore della Repubblica, che illustrerà il funzionamento del sistema banco statunitense, e a Carlo Piccolo, responsabile del Niaf – National Italian American Foundation - che parlerà degli incentivi alle imprese.

Ivan Romano si racconta e spiega il 'Genio' in 21 Giorni

ivanromanoIvan Romano, classe 1983, è un istruttore e formatore personale per un'azienda di tecniche di memoria

e apprendimento avanzato, la stessa che ha formato numerosi ragazzi vincitori di game show televisivi,

che aiuta ad ottenere risultati straordinari nello studio come nel lavoro e che vanta numerose sedi in Italia oltre che all'estero.

Anche lui, in effetti, ha preso parte in passato ad uno di questi programmi Rai nel 2013, come ospite della seconda edizione di Superbrain, dando dimostrazione di come sia possibile imparare a memoria
l'intero vocabolario della lingua italiana ricordando a che pagina e riga si trovasse una parola presa a caso tra oltre 160mila vocaboli. Queste sono le domande che abbiamo raccolto per voi:

Chi è Ivan Romano?

《Sono una persona normalissima che si occupa di aiutare le persone a capire il proprio valore tramite dei corsi di formazione. Insegno tecniche di apprendimento personalizzate a seconda del profilo cognitivo. I corsi sono mirati allo sviluppo del proprio metodo di studio》

Qual è stato il segreto del tuo successo che ti ha permesso di imparare a memoria l'intero vocabolario “loZingarelli 2013”?

《Il segreto del mio successo si chiama Genio in 21 Giorni. Grazie a questo corso ho potuto sviluppare il mio profilo cognitivo, permettendomi di esprimere tutte le mie potenzialità e capacità. Io ritengo che, una volta trovata la propria chiave di apprendimento, si abbia in mano il segreto del proprio successo, perché si arriva a capire come fare per svoltare determinate situazioni di stallo, imparando tutto e in pochissimo tempo. Si tratta solo di affinare determinate abilità. A forza di chiedermi di più, sono arrivato a realizzare qualcosa che nessuno aveva mai realizzato prima, come imparare l'intero vocabolario della lingua italiana》

Come funziona questo corso?

《Più che un corso è un percorso di formazione che dura 21 giorni, dove si fa, per prima cosa un test di Attitudine all’Apprendimento (Test AA), con il quale si ottiene un'analisi del profilo cognitivo della persona. Da questo test si evincono tutte le lacune lasciate da un’inefficace percorso scolastico, che molto spesso non dà modo di sviluppare un metodo di studio efficace e volto ad un apprendimento sicuro e consapevole. Una volta che si capiscono le esigenze della persona, si comincia il percorso con una parte di full immersion e una parte di appuntamenti one to one con dei preparatori personali. In questa maniera le lacune individuali verranno, step by step, sanate e, inoltre, verranno potenziati tutti quelli che sono i punti di forza e di qualità della persona, fornendogli parecchi strumenti e strategie finalizzate a incrementare sin da subito i risultati. Tutto ciò porta non solo al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento ma anche al risparmio dei “tempi di esecuzione”. Si tratta di un corso adatto a tutto e a tutti. Chiunque abbia voglia di sviluppare il proprio sistema cognitivo lo può fare! Diverse persone dell’azienda hanno preso parte a trasmissioni televisive e ci siamo anche tuffati nel mondo dell’editoria. Grazie a diverse pubblicazioni, di notevole riscontro mediatico, hanno parlato molto di noi sia in diversi programmi televisivi che radiofonici. Anche per questo motivo, tra i nostri corsisti ci sono stati alcuni personaggi mediatici ed influencers. Mi permetto di dire che il nostro corso è stato la chiave del successo di tante persone》

Come ti vedi da qui a 10 anni?

《Da qui a dieci anni mi vedo ancora più realizzato nel senso che ho parecchi grandi progetti. Inoltre la nostra azienda sta prendendo sempre più piede in Italia e siamo soltanto agli inizi! Da un po' di anni a questa parte abbiamo iniziato a farci conoscere anche nel Regno Unito, negli U.S.A., in Spagna, in Svizzera e, in programma, sono previste aperture di nuove sedi. Al di là dei progetti “espansionistici”, da circa un anno a questa parte stiamo lavorando su tante altre cose di cui ancora non posso parlare. Indubbiamente ho anche obiettivi personali che mi piacerebbe portare avanti, come quelli di avere una famiglia, e di avere modo di formare il maggior numero di ragazzi ai quali lasciare anche l’interesse di diventare a loro volta istruttori, come me》

Francesco Vullo

Mogol e la musica al giorno d'oggi. Interessante intervista

containerContinua il grande successo di pubblico e critica per “Container”, il programma ideato e condotto dal bravo e autorevole

Maurizio Martinelli e in onda su Radio Italia anni 60, frequenza 100.5 fm a Roma, dal lunedì al venerdì,

a partire dalle ore 12. Nelle scorse ore è intervenuto ai microfoni della trasmissione il grande Mogol,

che ha parlato ovviamente di musica, del contesto sociale e dell’importanza dei brani italiani in Radio:

“Bisogna lasciare spazio anche alla bella musica straniera certamente non tutto lo spazio, il buon senso non ha colore, il fatto di voler proteggere la musica italiana che almeno il 30% sia italiana e il 10% di questo 30% sia dedicato ai giovani per me è giustissima, al di là delle proteste: la musica viene protetta in tutto il mondo come avviene in Francia da tempo è ora di farlo anche in Italia. Dobbiamo tutelare la nostra cultura. La musica sta cambiando e io stesso con la mia scuola stiamo insegnando il pop, vedo un futuro positivo stiamo cercando di portare testi e musica sin dalle scuole elementari. Io sono d’accordo – ha concluso Mogol - che se una canzone straniera è bella è giusto farla ascoltare rientrando in quel 70% che dicevamo prima. Internet è un nuovo mondo che dovremo prendere in considerazione ma con una giusta ripartizione ma non i centesimi di ora”.

Per la Festa della Donna il XIV Convegno “Obiettivo Benessere”

8marzodonneSi terrà sabato 9 marzo la XIV edizione del convegno “Obiettivo Benessere”, l’appuntamento ormai consueto che mira ad approfondire tematiche legate alla salute e alla qualità della vita, organizzato dall’Istituto Frontis.
Volersi bene e prendersi cura di sé sono aspetti troppo spesso trascurati che, in occasione della Festa della Donna, verranno declinati in momenti di informazione gratuita per tutti, nonché di condivisione, in merito ai temi della
Nutrizione, Medicina Estetica e Medicina e Chirurgia Antiaging.

Il convegno avrà luogo a Roma presso l’Università Salesiana (Piazza dell’Ateneo Salesiano, 1), con il coordinamento del Responsabile scientifico dell’Istituto Frontis, la dott.ssa Paola Fiori, e la moderazione della professoressa Angela Catizone dell’Università di Roma “La Sapienza”.

Il programma del convengo, che sarà ospitato nell’aula Paolo VI, prevede l’apertura alle ore 8,45 con i saluti del Magnifico Rettore, prof. Don M. Mantonvani, seguito dagli interventi di illustri dottori ed esperti in materia.

Tra i temi affrontati ci saranno lo stress ossidativo, l’invecchiamento cutaneo, il lifting non chirurgico, le vene varicose, la cellulite, le nuove sfide della chirurgia estetica e la nutrizione come prevenzione e benessere.

“Una giornata di festa – l’ha definita la dottoressa Paola Fiori – durante la quale lo scambio e la relazione col pubblico non passeranno più tramite uno schermo, ma direttamente con il medico, l’unico a poter suggerire secondo la scienza a chi rivolgersi per la propria problematica”.

Durante la giornata informativa, a partire dalle ore 10,30, gli intervenuti potranno avvalersi di consulenze gratuite urologiche, nutrizionali, medico-estetiche, ostetriche, su terapie assistite con animali (Pet-Therapy) e informazioni su integratori e cosmetici.

Sono inoltre previste attività gratuite riservate al personale sanitario e un concorso a premi per gli iscritti al convegno, che vede in palio trattamenti per la cura del viso e dei capelli, un massaggio drenante ed un test del colon irritabile.

A partire dalle ore 14, presso l’aula B, si svolgerà la V edizione di Nutrigusto, esposizione e degustazione delle eccellenze alimentari “Made in Italy” a cura di aziende impegnate nella produzione di cibi di alta qualità, utili al nostro Benessere. L’ingresso a Nutrigusto è gratuito e riservato ai soli iscritti al convegno, previo ritiro al mattino, entro le ore 10, del biglietto apposito.

Sul sito internet dell’evento www.obroma.it tutte le informazioni e gli approfondimenti, oltre che il programma dettagliato e i ringraziamenti agli sponsor e ai partner dell’iniziativa.

Nuova puntata radio per "Polvere di Stelle"

claudiaconteeeCarol Maritato e Barbara Verchiani sono le padroni di casa della trasmissione “Polvere di Stelle” on air sulla storica emittente romana, Radio Italia Anni ’60, e puntano al successo con il loro salotto musical culturale. La trasmissione si può ascoltare tutti i giovedì pomeriggio dalle ore 14 alle ore 15 su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a Roma su 100.5 Fm, in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili nonchè sul sito www.radioitaliaanni60roma.it.. Ospiti d’eccezione della puntata di giovedì 7 marzo saranno Claudia Conte, Cristiano Furnari e Simona Izzo.

Claudia Conte presenterà il suo nuovo libro “Il vino e le rose. L'eterna sfida tra il bene e il male”, edito da Armando Curcio, un saggio mascherato da romanzo, in cui alla parte fiction si alternano meditazioni, riflessioni, risultati di letture di testi laici ed ecclesiali e soprattutto di dialoghi con personalità di rilievo, Bauman, Dorfles, Augias, Veronesi; esperti di teologia, sociologi, medici e psicologi. A seguire ci sarà Cristiano Furnari, cantautore e curatore dell’etichetta discografica “Terre Sommerse”, che ci parlerà della rassegna musicale “Vent’anni e non sentirli”, iniziativa della casa editrice e discografica Terre Sommerse che si svolgerà presso il Teatro Arciliuto di Roma (Piazza Montevecchio, 5) e che si concluderà dopo sette concerti-evento l’otto giugno.

A chiusura di trasmissione spazio a Simonetta Izzo, la notissima attrice, doppiatrice, regista, sceneggiatrice e scrittrice italiana, che ci racconterà aneddoti sulla sua carriera artistica e cosa bolle in pentola nel suo futuro prossimo. Insomma, una altra grande puntata di “Polvere di Stelle” è pronta a invadere l’etere capitolino e nazionale.