Martedì, 21 Maggio 2019

Ultimo aggiornamento02:01:35 PM

  • Twitter
  • Info

ROMA CAPITALE

Giornata di protesta: Ecco un primo bilancio dopo 24ore di guerriglia urbana (FOTO ESCLUSIVE)

cort roma tafferugli moddi Jacopo Paoletti e Riccardo Manai


Una vera e propria guerriglia urbana. E' questo lo scenario che si è presto delineato nella giornata di ieri. Su tutta la penisola, anceh se a Roma il clima è stato decisamente più acceso che nel resto della nazione, cortei di facinorosi hanno invaso le strade approfittando di una giornata in cui, contro le sempre più asfissianti misure d'austerity, studenti e lavoratri avevano deciso di manifestare.


ROMA - In Italia la capitale è quella che ha assicurametne assistito alle manifestazioni di dissenso più violente. Diversi i cortei, e ovviamente non tutti violenti, che hanno partecipato alla giornata, tra studenti e lavoratori. I primi momenti di tensione scoppiano quando un primo blocco di "militanti" ha tentato di forzare un cordone di sicurezza per arrivare a Palazzo Chigi. Dopo un lancio di sassi e vari oggetti presi dalla strada contro le forze dell’ordine c’è stata una carica di alleggerimento. Scene di vera e propria guerriglia urbana sono poi state quelle alle quali si è assistito sul Lungotevere. Qui lo scontro tra polizia e corteo degli studenti è stato particolarmente acceso, dopo un fitto lancio di pietre da parte di questi ultimi, che hanno poi provveduto anche ad usare pali segnaletici come arieti e lanciato bombe carta. Coinvolta nella guerriglia anche la sinagoga, davanti alle quale, ha lamentato in una nota il presidente della Comunità ebraica, Riccardo Pacifici, sono stati urlati slogan contro Israele, pro Saddam e addirittura esposte bandiere palestinesi.
 Il bilancio riferito dal questore di Roma Giuseppe Pecoraro è di quasi 150 persone identificate e più di 50 fermati. "Sono stati sequestrati petardi, martelli, mazze, scudi e caschi - ha rivelato Pecoraro - a dimostrazione del fatto che c’era chi voleva esclusivamente dimostrare con violenza il proprio dissenso».

 COSI' NEL RESTO D'ITALIA - A Torino, tre poliziotti sono rimasti feriti. Il più grave è stato accerchiato davanti alla sede della Provincia da una ventina di giovani, armati con mazze e bastoni, che poi hanno occupato il palazzo dell’ente. A Milano, in corso Magenta, si sono invece fatti registrare scontri tra il corteo degli studenti che ha tentato inutilmente di sfondare il cordone di agenti. Altri tafferugli, nella stazione ferroviaria di Porta Genova. In altre grandi città come Napoli, Bergamo o Palermo le manifestazioni si sono svolte in maniera decisamente più tranquilla, solo a Padova si sono registrati tre poliziotti feriti, mentre a Brescia sono stati tre gli studenti arrestati per aver incendiato dei copertoni
corteo roma tafferugli 3 mod
corteo roma tafferugli 2 modcorteo roma tafferugli 6 modcorteo roma tafferugli 4 modcorteo roma tafferugli 5 mod

L'Europa dei banchieri bastona pure i bambini. La democrazia è in tilt. Torniamo alla politica vera!

di Daniele Priori

Il 14 dicembre 2010, il 15 ottobre 2011, 14 novembre 2012.
Tre giorni che segnano un punto di non ritorno per l'Europa dei banchieri.
Siamo al corto circuito. La crisi divora ogni spiraglio di speranza. La speculazione si ferma solo se loro stessi, i banchieri, la
vogliono fermare. Lo spread e non il lavoro è diventato l'indicatore del benessere.                                                                      Ci hanno fatto credere a questa barzelletta per troppo tempo. Ora che la gente, in tutta Europa, non solo in Grecia, non solo in Spagna, non solo nella nostra Italia ma un po' ovunque si è stancata di queste frasi fatte, di questi numeri finti, e vuole tornare a vivere una vita vera, fatta di lavoro e soddisfazioni, ambizioni, gioie e dolori, politica vera, piazze, manifestazioni, sangue e merda, come diceva qualcuno, loro, i governi dell'Europa dei banchieri, colpiscono a suon di manganelli. E fanno scorrere il sangue vero, quello delle teste rotte, anche dei ragazzini di tredici anni e delle adolescenti. Senza pietà.
Per chi non se ne fosse accorto siamo al corto circuito della democrazia. Forse è ora di fare davvero qualcosa. Che se ne accorgano i politici, la finiscano di rubare e di litigare e tornino a fare il loro unico dovere: rappresentare i bisogni, le necessità e le volontà del popolo.
 Oggi il popolo è sceso in piazza sfidando i banchieri e il loro rigore. E ha parlato chiaro: che se ne vada a casa questa governance europea. E cominciamo davvero a costruire l'Europa dei diritti di tutti, al posto dei manganelli.

Morena: Un successo la Festa della Pedalata

biciclettaLo scorso giovedì primo novembre, nel quatiere di Morena, abitanti e comitato di quartiere si sono incontrati per la prima edizione della Festa della Pedalata. Un'iniziativa alla quale hanno partecipato in molti e che, con la presenza anche di alcune associazioni del quartiere, ha decisamente illuminato una giornata che in molti ricorderanno a lungo. La manifestazione è partita da Via di Morena e, dopo aver percorso via della Stazione di Ciampino e via Pazzano, ha fatto una breve tappa nel parco pubblico e vedere i nuovi giochi bambini appena reinstallati. Il giro continua per via Casignana per percorrere poi l’unico tratto della “Pista ciclabile dei sogni”. Quella che finanziata con fondi per il giubileo del 2000 ma che non è mai stata ultimata. Seguendo il percorso di una possibile pista ciclabile che i cittadini sperano potrà essere inserita nel progetto di riqualificazione del Print, si è arrivati in Via dei Sette Metri per poi concludere la pedalata davanti alla scuola Anna Magnani. Un'iniziativa che i tanti bambini presenti sembrano aver apprezzato e che, ai più grandi, ha invece dato modo di scoprire un'alternativa valida per alleviare la piaga della mobilità a Morena.

Primarie, Santori scrive ad Angelino Alfano: "Cronoprogramma e regole certe per Roma"

fabrizio-santori1Con una lettera inviata direttamente al segretario politico del Pdl Angelino Alfano, Fabrizio Santori, consigliere comunale della Capitale e candidato alle primarie contro Gianni Alemanno nella corsa a sindaco di Roma, chiede “un cronoprogramma e, soprattutto, regole certe che siano nelle condizioni di garantire trasparenza e lealtà verso la cittadinanza”, puntando al contempo il dito “per superare una dirigenza locale, quella del Lazio e di Roma, da tempo non più in grado di avere l’autorità e la serenità necessarie per concretizzare un evento fondamentale che avrà gli occhi di tutto il Paese puntati su di sé. Il sindaco Alemanno  da un lato finge di sbracciarsi e di chiedere le primarie in nome della democrazia interna del Pdl – aggiunge Santori – ma poi, nei fatti, i tempi si allungano e continua ad ignorare le richieste che arrivano dai cittadini romani”. Nella sua lettera ad Alfano, Santori ricorda le “troppe volte nelle quali abbiamo sentito parlare di rinnovamento della classe dirigente, di congressi e di primarie e altrettante volte le nostre illusioni sono state deluse dal noto svolgersi dei fatti”. Di qui la richiesta ad Alfano: “Vogliamo continuare a credere a quel percorso virtuoso di merito, cambiamento e qualità delle scelte che la Sua segreteria – aggiunge Santori -  continua ad ispirare in molti di noi”.

Roma, scontri violenti a Lungotevere tra studenti e Polizia: 60 identificati, 20 contusi tra gli agenti, 10 ragazzi feriti

Cortei non autorizzati di studenti stanno percorrendo da questa mattina le vie del centro di Roma. Tensione altissima con la Polizia si è registrata in particolar modo in due momenti. Alle 11,40 in via di Ripetta dove una carica della Polizia ha bloccato un centinaio di studenti del gruppo Blocco studentesco, vicino a Casa Pound, che intendeva dirigersi a Palazzo Chigi. Sessanta sono stati i ragazzi identificati, venti gli agenti contusi, dieci i ragazzi che hanno avuto bisogno di cure.
Tensione altissima dalle 14,15 circa anche a Lungotevere dove un manipolo di studenti universitari e superiori, tentando di rompere il blocco della Polizia all'altezza di via Arenula ha iniziato a lanciare sassi all'indirizzo delle forze dell'ordine
.Cortei studenteschi erano partiti in mattinata da piazzale Ostienese, piazza del Popolo e dalla città universitaria dove i collettivi facevano sapere di essere in 5mila.
I tre cortei, due dei quali non autorizzati, si aggiungevano alla manifestazione della Cgil contro l'austherity in programma per oggi.
Ottantasette le piazze piene di manifestanti in tutta Italia. Scontri violenti si sono registrati a Torino, dove un poliziotto è rimasto gravemente ferito, a Milano nei pressi dell'univeristà Cattolica, Brescia, Napoli dove è stata occupata la stazione centrale.
Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno su Twitter ha manifestato tutto il proprio sdegno parlando di città ostaggio di poche migliaia di manifestanti.

Tevere, arrivata in città l'ondata di piena: allagamenti e disagi a Roma Nord

E' arrivata tra le 10,30 e le 12 come era previsto l'ondata di piena del Tevere. I tecnici del Comune, i vigili del Fuoco sono a lavoro sugli argini e in prossimità dei ponti. In mattinata si sono verificati allagamenti nella zona nord di Roma (Flaminia-Salaria-Castel Giubileo-Tor di Quinto). Alcuni canali hanno rigurgitato in seguito all'ondata del fiume costringendo i soccorsi all'intervento.  
Per gli allagamenti è stata chiusa la stazione La Celsa della linea Roma-Viterbo e il servizio è rallentato sull'intera linea ferroviaria, come riferisce l'azienda del trasporto pubblico Atac. Allagato anche il sottopasso ferroviario in Via Prati Fiscali (Nuovo Salario): le linee 69-92 e 690 in direzione piazzale Clodio percorrono via Conca D'oro-Ponte delle Valli-Olimpica e Circonvallazione Salaria. Deviata la linea bus 200, che non transita in via Flaminia tra Prima Porta e centro Rai.
La situazione più difficile è a Castel Giubileo (chiuso anche lo svincolo sul Gra) dove a causa di allagamenti sono impraticabili molte strade: le linee 302-334 non transitano e sono state deviate verso Flaminia-Gra-Salaria/Bel Poggio. A Roma questa mattina all'alba il barcone del circolo Canottieri Aniene, già messo in sicurezza all'altezza di Ponte Milvio, non ha resistito alla pressione dell'acqua e si è spezzato in più punti. Secondo quanto rilevato dal Centro Funzionale dell'Ufficio idrografico regionale alle ore 8.30 i livelli del Tevere hanno raggiunto 12.79 metri nella stazione di Ripetta.

Nanni-Scorzoni:"finita la farsa Lorenzotti resta la rissa nel centrodestra"

nanni dario"Le dimissioni del Presidente Lorenzotti come avevamo facilmente pronosticato ieri sono state ritirate. La farsa è finita ma la crisi  di progetti di idee e di governo in cui versa il centro destra dell'VIII municipio rimane. Le dimissioni temporanee sono servite solo per una tregua alla rissa in corso nella maggioranza. Con gli espedienti non si governa e soprattutto non si governa un territorio grande e complesso come quello dell'VIII Municipio. Se ci fosse stata l'opportunità di un voto oggi l'impresentabile coalizione guidata dal Presidente Lorenzotti non ci sarebbe più e avrebbe lasciato il passo ad una alternativa di governo seria ed  affidabile che dalle fila dell'opposizione si candida a guidare l'VIII° Municipio.  La  sopravvivenza di questa maggioranza ha i giorni contati perchè non più sostenuta da solide alleanze politiche ma da conventicole attente più al loro destino politico che a contrastare l'attuale declino  economico e sociale del  municipio. I cittadini di Torbellamonaca e dei quartieri limitrofi sono stanchi di promesse e comparsate del Sindaco e desiderano l'avvio una nuova stagione di buon governo ." E' quanto dichiarano il consigliere del PD Capitolino Dario Nanni e il capogruppo del PD in VIII° Municipio Fabrizio Scorzoni.

Cecchina: inaugurato l'indirizzo artistico al liceo di Via Sarandì

Stella paolaritaL’assessore alle Politiche scolastiche della Provincia di Roma, Paola Rita Stella ha inaugurato questa mattina il nuovo indirizzo di Liceo Artistico all’Istituto di istruzione superiore di via Sarandì nel IV Municipio. «Siamo particolarmente lieti di inaugurare questo nuovo un indirizzo di istruzione artistica a via Sarandì – ha detto l’assessore Stella – perché la zona ne era sprovvista. Una richiesta avanzata dal territorio che come Assessorato alle Politiche scolastiche abbiamo voluto sostenere e quindi realizzare. Con questo indirizzo si amplia così l’offerta formativa che questo istituto di istruzione potrà offrire a studenti e famiglie del territorio». Soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere provinciale Pd Marco Palumbo: «Il territorio richiedeva da tempo il nuovo indirizzo, oggi è una bella giornata per la scuola e per tutto il territorio della Cecchina; la Provincia di Roma e l’assessorato alle Politiche scolastiche hanno dato un buon esempio di amministrazione a servizio dei cittadini». Durante l’inaugurazione è stata scoperta la targa con il nuovo indirizzo, quindi l’assessore Stella ha visitato i laboratori del nuovo liceo Artistico.

Martedì e mercoledì cortei e sit-in, le deviazioni bus previste

busDopo le proteste dei giorni scorsi, anche per questa settimana sono previste numerose manifestazioni con possibili ripercussioni sul trasporto pubblico. Si incomincia martedì 13 con un sit-in a piazza Santi Apostoli e un corteo all’Ostiense, mercoledì  sono ben due i cortei in zone centrali, in occasione dello sciopero europeo contro le politiche di austerità, oltre a due sit-in. Di seguito il dettaglio. Da ricordare che, in occasione delle manifestazioni, la Questura per motivi di sicurezza, dispone lo sgombero dei veicoli dalle aree interessate.    

Martedì 13
Dalle 9.30 alle 13.30, a piazza Santi Apostoli manifestazione  indetta dagli studenti di alcune scuole (De Amicis, Einstein, Stendhal), contro la politica del governo sulla scuola. Possibili deviazioni o limitazioni delle linee bus in transito su via Cesare Battisti: H, 40 e 60Express, 64, 70, 117 e 170. Dalle 17.30 alle 20.30 corteo da via Ostiense (angolo Circonvallazione Ostiense) a piazza di Porta San Paolo, lungo  le due corsie laterali della stessa via Ostiense, per una.manifestazione indetta dalla Cgil "contro le politiche del Governo sulla scuola". Pur tutta la durata della manifestazione chiusa al traffico privato piazza di Porta San Paolo con deviazione delle linee del trasporto pubblico di zona e spostamento capolinea..
 

Mercoledì 14
Dalle 9 alle 11 manifestazione da piazza della Repubblica a piazza Santi Apostoli, indetta dalla Confederazione Cobas, in occasione dello sciopero europeo contro  le politiche di austerità e per la difesa dello stato sociale. Questo il percorso del corteo: via delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via Cesare Battisti. Possibile la deviazione delle linee bus H, 40 e 60Express, 64, 70, 117 e 170.  Altro corteo, sempre in occasione dello sciopero europeo, indetto dalla Cgil, da piazza Bocca della Verità a piazza Farnese. Questo il percorso: via Luigi Petroselli, via del Teatro Marcello, via di San Marco, via delle Botteghe Oscure, largo di Torre Argentina, Corso Vittorio Emanuele II, piazza san Pantaleo e via dei Baullari. Anche in questo caso sono previste chiusure al traffico e conseguenti deviazioni o limitazioni di linee bus. Sempre nella giornata di mercoledì in programma due sit-in con possibili ripercussioni su traffico e trasporti: dalle 9 alle 14 a largo Bernardino da Feltre, indetto dal sindacato Unicobas, nei pressi del ministero dell'Istruzione (a rischio le linee 3B, H, 8, 44, 75, 115 e 780); dalle 11 alle 20, questa volta dei Cobas, in piazza Montecitorio, nell'area compresa tra via della Colonna Antonina e l'obelisco, in occasione della discussione alla Camera dei Deputati della legge di Stabilità.