Giovedì, 13 Dicembre 2018

Ultimo aggiornamento07:30:58 PM

  • Twitter
  • Info

ROMA CAPITALE

Cantieri, arriva la banca dati telematica: pronte le ispezioni via tablet

cantiereLa situazione dei cantieri in un colpo d’occhio, scorrendo tabelle aggiornate e consultabili su tablet grazie a un’apposita applicazione online. E’ Spi Cantieri, piattaforma intranet sviluppata per l’Osservatorio sulla Sicurezza del Lavoro di Roma Capitale e per il personale che ispeziona i cantieri pubblici appaltati dal Campidoglio. Obiettivo primario, dunque, avere il quadro della situazione in tema di rispetto delle norme di sicurezza. Il nuovo sistema è stato presentato dagli assessori Davide Bordoni (Attività produttive), Enrico Cavallari (Servizi tecnologici) e Fabrizio Ghera (Lavori pubblici).
Aprendo Spi, gli ispettori che girano per i cantieri possono subito vedere, di ciascuno, se è già stato controllato dal punto di vista della sicurezza e tutti gli altri elementi che lo identificano: cosa si sta costruendo, ufficio committente, nome dell’azienda, inizio e fine lavori, importo dell’appalto… “Una fotografia dei cantieri in tempo reale”, annota il Campidoglio. 
Il controllo “qui e ora” non è l’unica finalità: Spi Cantieri rende più rapide le procedure di verifica, elimina la documentazione cartacea, abbatte i costi e soprattutto costituisce una vera e propria banca dati dei cantieri in appalto, continuamente aggiornabile, a tutto vantaggio della trasparenza. Su Spi è inoltre consultabile, e pure aggiornabile, la normativa sulla sicurezza del lavoro. Concretamente, l’aggiornamento della situazione cantieri – e la “dematerializzazione” delle procedure – avviene grazie al fatto che Spi è in costante collegamento con due software realizzati dai tecnici capitolini e ampiamente collaudati: Silap (censimento dei cantieri pubblici di Roma Capitale) e Ged (Gestione Elettronica Documentale). Spi Cantieri è accessibile tramite la intranet web di Roma Capitale.
L’architettura di base del sistema è stata progettata nel 2010 e, sempre nel 2010, è stata sperimentata all’Osservatorio sulla Sicurezza. Nel 2011 Spi è stato implementato per l’uso da parte dei tecnici dei Municipi e dei Dipartimenti capitolini, quindi integrato con Silap e riprogettato per l’impiego da tablet. E’ stato quindi installato il server su cui gira il sistema e si sono conclusi i collaudi. Ora Spi Cantieri è pronto per entrare in esercizio ed è in corso la formazione dei circa 150 operatori che lo useranno regolarmente.
Numerosi gli uffici capitolini coinvolti nel progetto: dipartimenti (Attività produttive, Reti tecnologiche, Risorse umane), unità tecniche di dipartimenti e Municipi, Sovraintendenza ai Beni culturali.
“Un passo significativo per garantire la sicurezza sul lavoro”, ha commentato l’assessore Bordoni; un sistema “in grado di far emergere eventuali incongruenze rispetto al decreto legislativo n. 81 del 2008”, un efficace strumento per redigere “statistiche accurate sui cantieri aperti nella Capitale”. Per l’assessore Cavallari Spi Cantieri è un altro tassello sulla strada del superamento degli archivi fisici. “Già oggi”, sottolinea Cavallari, “su circa 6 milioni di atti amministrativi prodotti da Roma Capitale, 2,5 milioni non sono più in formato cartaceo”.

Allerta meteo: Medusa mette in ginocchio i trasporti laziali, interrotte in mattinata le linee ferroviarie fra Roma - Viterbo e Roma - Albano Laziale

di Luca Priori

La perturbazione che sta colpendo da qualche giorno l’Italia e che è arrivata quest’oggi a Roma ha creato non pochi disagi soprattutto alle infrastrutture, in particolar modo a quelle ferroviarie. Quella di oggi è stata una giornata complicata per la circolazione dei treni laziali. In mattinata è risultata interrotta la linea ferroviaria FR3 Roma – Viterbo, nella tratta che si estende fra Cesano e Capranica. Le forti scariche atmosferiche hanno danneggiato una centralina elettrica nella zona di Capranica e tale guasto ha causato l’interruzione del servizio dalle 10.25 sino alle 12 circa.

Stessa sorte è toccata alla linea FR4 Albano – Roma, dove un albero caduto sulla linea di alimentazione dei treni intorno alle 10.50, a causa delle forti raffiche di vento, ha causato l’interruzione del traffico ferroviario sulla tratta sino alle 13 circa.

Dall'Atac arrivano nove nuovi pulmini per i disabili

pulmino disabiliSono in servizio da questa settimana nove nuovi minibus da nove posti dedicati al servizio trasporto disabili, a chiamata e in convenzione, gestiti da Atac. I nuovi mezzi, che si sono aggiunti alla flotta già esistente, sono stati acquistati dalla società Fratarcangeli, che si è aggiudicata il servizio lo scorso 8 ottobre, solo dieci giorni dopo la disdetta comunicata alla ditta precedente per gravi inadempienze. I pulmini, di ultima generazione, sono Fiat Ducato di categoria M1, da nove posti compreso il conducente, e hanno interni modulabili su richiesta per poter trasportare fino a tre carrozzine contemporaneamente. Sono tutti dotati di aria condizionata e pedana elettrica di sollevamento carrozzine posteriore. 
Questi nuovi mezzi vengono utilizzati sia per i servizi di trasporto a chiamata -prenotabili da chiunque, al costo di 23 euro a corsa all’interno del territorio del Comune di Roma - sia per quelli convenzionati con Roma Capitale, gratuiti e dedicati a chi è stato preventivamente autorizzato. Gli autorizzati possono prenotare telefonicamente servizi di spostamento in città con vetture appositamente attrezzate per motivi di studio, lavoro, terapie riabilitative e, con alcune limitazioni, per attività sociali svolte presso enti. Per i servizi ai disabili, a chiamata e in convenzione,  ogni giorno sono in strada una media di 60 minibus categoria M1, da 9 posti e con pedana elettrica per il sollevamento di carrozzine; 20 Fiat Punto, dedicate al trasporto di ipovedenti e disabili deambulanti.
Entrambi i servizi sono attivi per i trasferimenti dal lunedì al sabato dalle ore 6 alle 22 e si possono prenotare telefonando al numero verde gratuito 800.469540. La richiesta va effettuata un giorno prima della data in cui si ha bisogno del servizio. Il servizio è prenotabile anche inviando una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. "> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   o inviando un fax al numero 06.46954457.
Complessivamente nel 2011 Atac ha assicurato circa 170.000 spostamenti a persone diversamente abili; nel 2012 sono oltre 120.000 i viaggi registrati a fine ottobre.

Tor Bella Monaca: Liceo Amaldi occupato scatta la denuncia, 40 gli identificati



di Luca Priori

Quello delle scuole occupate sta sempre più diventando il simbolo di una “lotta di classe” dove a fronteggiarsi sono studenti indignati e dirigenti scolastici a loro volta piuttosto contrariati poiché a disagio nello gestire situazioni simili. Tuttavia il fatto più eclatante è che da entrambe le parti sembra non esserci la consapevolezza che la loro guerra interna è inutile dal momento che in entrambi i casi sono loro le parti lese dalla situazione odierna del Paese.

Il caso più eclatante è avvenuto a Tor Bella Monaca dove il dirigente scolastico del Liceo Amaldi, Fabio Cannatà, ha denunciato per interruzione di pubblico servizio e danneggiamento gli occupanti, quaranta dei quali sono stati identificati. Ma non è finita qui, infatti il dirigente scolastico dopo aver informato le autorità giudiziarie, in una nota ha comunicato agli studenti e alle annesse famiglie che le spese per il reintegro dei danni subiti dalla struttura scolastica durante il periodo di occupazione, durato da Giovedì scorso sino a ieri, saranno le famiglie degli studenti rei di aver occupato.

Ora sorge spontanea una domanda, chissà se i quaranta identificati di fronte a questa situazione “canteranno” i nomi dei complici per dividere con loro le spese?

Tasse locali, esenzione per vittime di estorsione

Poker-Tasse-Dichiarare-PagareImprenditori e operatori economici romani vittime di reati di estorsione nel corso dell'anno 2012 beneficeranno per tre anni dell'esenzione totale dai tributi dovuti a Roma Capitale. E' quanto stabilisce una delibera di Giunta - ora al vaglio dell’Assemblea Capitolina - con  un'apposita modifica regolamentare. L’esonero riguarda tributi, tariffe e canoni ed è previsto per imprenditori, commercianti, artigiani, operatori economici e chiunque svolga “una libera arte o professione”, purché abbia denunciato gli estorsori.Il provvedimento, sottolinea il Campidoglio, estende il beneficio “nella misura più ampia consentita dalla legislazione nazionale”. Roma Capitale è “una delle prime amministrazioni in Italia ad accogliere le facilitazioni contemplate dalla legge n. 3 del 2012”. L'esonero, triennale e totale, si applica alle seguenti imposte: IMU (parte spettante a Roma Capitale), Ta.Ri. (Tariffa Rifiuti), COSAP (canone di occupazione di suolo pubblico), CIP (Canone per Iniziative Pubblicitarie), Canone di concessione aree destinate al commercio su aree mercantili. Come si è detto, l'esenzione è accordata in relazione a fatti accaduti sul territorio di Roma Capitale a partire dal 1° gennaio di quest’anno, mentre, per gli anni precedenti, è prevista la dilazione dei pagamenti fino a 72 mensilità, senza presentare garanzie o fidejussioni. Il beneficio sarà concesso dopo “un’attenta verifica dei requisiti previsti dalla legge” e potrà essere revocato se i requisiti verranno meno. Il provvedimento di Giunta “rappresenta un aiuto concreto alle vittime della criminalità, oltre che un incentivo alla denuncia e dunque uno strumento per affermare la legalità sul territorio di Roma Capitale”, commenta Luigi Ciatti, delegato del Sindaco alle Politiche di contrasto dell’usura e del racket. “Il provvedimento”, prosegue Ciatti, “acquista ancora più valore alla luce dei dati dell’Osservatorio Regionale sulla sicurezza e la legalità, dai quali emerge lo scarso numero di denunce a fronte della diffusione del fenomeno criminale”.

Roma, asili nido: minibando da 700 posti per ridurre la lista d’attesa

asilo nidoEsce a giorni il mini bando che permetterà di accogliere nei nidi dei diversi Municipi altri 700 bambini, attualmente in lista d’attesa, che avevano già fatto domanda nel bando principale scaduto lo scorso giugno. La lista d’attesa è già scesa da 8.615 a 5.314 bambini – ha spiegato l’assessore alla Famiglia, all’educazione e ai giovani, Gianluigi De Palo, durante la conferenza stampa in Campidoglio per presentare il provvedimento – “e, con il mini bando, in uscita nei prossimi giorni, come promesso, potremo accogliere all’incirca altri 700 piccoli utenti e permettere un significativo scorrimento della graduatoria”. E’ sempre l’Assessore a fornire alcuni dati sulle strutture e sulla ricettività: “L’ampliamento dell’offerta educativa registrato nel corso degli ultimi quattro anni, con i 4mila nuovi posti-nido, l’apertura di 15 nidi comunali, e le 5 nuove strutture in concessione, ci consente di avere oggi una ricettività di 21.635 posti e attualmente, la lista d’attesa è scesa a 5.314 bambini, tenuto sempre conto dell’aumento delle domande di accesso”. Questo nuovo bando va a risolvere il disallineamento tra domanda e offerta evidenziato in alcuni Municipi dove, a fronte di liste d’attesa sempre piene, ci sono posti nido rimasti vuoti.  Il mini bando sarà pubblicato martedì 4 dicembre sulla pagina web del Dipartimento per le Politiche educative e scolastiche (www.comune.roma.it/dipscuola), con scadenza venerdì 14 dicembre. Le famiglie potranno presentare domanda in un asilo nel Municipio presso il quale avevano già effettuato la domanda di iscrizione con il bando principale, mantenendo lo stesso punteggio assegnato nella graduatoria definitiva. Le risposte arriveranno prima di Natale, ha assicurato De Palo, che ha tenuto a sottolineare come il mini bando non sia un intervento spot, bensì uno dei provvedimenti che, insieme alle iscrizioni online attivate lo scorso marzo, saranno stabilmente utilizzati dall’Amministrazione per migliorare l’accesso al servizio. La nuova graduatoria si baserà sugli stessi requisiti e punteggi previsti nel bando principale; la graduatoria originaria, comunque, continuerà a essere vigente, nel caso in cui si rendessero disponibili, a seguito di rinunce o di decadenze, ulteriori posti nelle strutture indicate in sede di bando annuale. Per sapere in quali nidi del proprio Municipio ci sono posti rimessi a bando si potrà consultare il sito web www.romafamiglia.rai.it o contattare il call center ‘Chiama Famiglia’ (Numero verde 800.358.999). “Abbiamo calcolato – ha concluso De Palo - che già solo sulla base degli interventi di parte pubblica copriamo il 27% del Parametro di Lisbona. Se aggiungessimo anche i nidi privati autorizzati supereremmo il 33% richiesto, come evidenziato da un ente terzo come l'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali nel rapporto dello scorso maggio”.

Campidoglio, cittadinanza onoraria alla giovane pakistana Malala

Malala-YousafzaiL’Assemblea Capitolina ha conferito la cittadinanza onoraria di Roma a Malala Yousafzai, quindicenne studentessa ed attivista pakistana. A riceverla per conto di Malala,  l’ambasciatore del Pakistan, Tehmina Janjua. La decisione di conferire a Malala la cittadinanza onoraria romana prende avvio da una mozione della Commissione delle Elette per ricordare - in occasione della giornata mondiale della violenza contro le donne (25 novembre) - il sacrificio della giovane che ha subito un attentato terroristico per la sua attività in difesa del diritto allo studio delle giovani pakistane. Il fatto è accaduto nella città di Mingora, una vallata al confine con l’Afghanistan a forte influenza talebana, dove la ragazza è nata e dove quei diritti sono stati banditi. I Talebani le hanno sparato alla testa; sopravvissuta, è in cura presso un ospedale londinese ed è diventata in tutto il mondo un simbolo della lotta alla violenza contro le donne e per l’accesso all’istruzione. Nel suo paese, ad un mese dall’attentato, il Presidente Pakistano Zardari ha indetto “la giornata per Malala”. Una petizione indirizzata al Presidente del Pakistan affinché venga tutelato il diritto delle giovani donne a frequentare le scuole è stato firmato in pochi giorni da oltre un milione di persone. La risposta dei talebani a questa impennata di attenzione verso Malala è stata l’emanazione di una fatwa. Fra le molte iniziative a sostegno della giovane, l’ex Primo Ministro inglese Gordon Brown ha iniziato una campagna perchè Malala il prossimo anno sia insignita del premio Nobel per la Pace. Il sindaco Gianni Alemanno ha firmato la petizione per il conferimento del Nobel a Malala Yousafzai, “la giovane pakistana che ha avuto il coraggio, a soli quindici anni, di difendere anima e corpo il diritto all’istruzione femminile”. L’adesione del Sindaco all’appello è  “contro la sopraffazione di genere, in difesa dei diritti fondamentali e per un futuro di democrazia. Il mio vuole essere un sostegno pieno a quanti lottano per l’uguaglianza tra i sessi e per i diritti umani”.

Primarie Pd, a Roma non bastano le schede. Giorgia Meloni fa visita alla sezione di via dei Giubbonari

Si attesta a 2 milioni e 400mila il numero dei votanti alle 17,30, dato che a Roma si ripercuoteva con 150 mila voti e 340 mila schede distribuite. 
Il dato lo ha diffuso il segretario del Pd Roma, Marco Miccoli, nel corso della visita alla sezione di via Giubbonari dell'esponente del Pdl, Giorgia Meloni. (Foto tratta da Leggo.it)
"Il dato è molto alto anche in periferia - ha aggiunto il dirigente - siamo su numeri vicini a quelli delle primarie di Prodi''. Riguardo alla visita dell'avversaria politica Miccoli ha spiegato che Meloni ha fatto molte domande
specifiche sugli aspetti organizzativi. E' stata una visita molto tecnica"

Weekend di manifestazioni. Ecco come muoversi a Roma

corteo studentiAnche in questo weekend sono previste manifestazioni di protesta, in particolare del mondo della scuola, con possibili ripercussioni su viabilità e trasporto pubblico. Oggi si tengono un sit-in a via Molise, due cortei all'Appio e al Tuscolano; soprattutto domani, sabato 24, sono in programma diverse manifestazioni nelle zone centrali della città, con cortei sia la mattina che il pomeriggio. Di seguito il dettaglio degli appuntamenti programmati con eventuali chiusure e deviazioni bus.  


Venerdì 23
Dalle 10 alle 14, manifestazione in via Molise, indetta dalle organizzazioni sindacali Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uil-Uilm, in occasione dell'incontro tra funzionari del ministero e i rappresentanti del gruppo Scheneider. La Questura ha disposto, dalle 8 e fino a cessate esidenze, lo sgombero di tutti i veicoli in sosta in via Molise e la chiusura della stessa strada. A rischio deviazione le linee 52, 53, 61, 62, 63, 80, 80B, 83-85, 116, 160, 175, 492 e 590.



Ancora venerdì, dalle 18.30 alle 20.30 manifestazione con corteo nel quartiere Appio. Questo il percorso: via Assisi, via Otricoli, via Lugnano in Taverna, piazza  Monte Castrilli, via Paolo Albera, piazza Cagliero, via Suor Maria Mazzarello,  largo Unia, piazza San Domenico Savio, via Gualdo Tadino, via Gubbio, via Assisi. Possibili ripercussioni al passaggio dei manifestanti per la linea 16.

 Anche al Tuscolano, dalle 17 alle 20, corteo tra piazza di Cinecittà, viale Tito Labieno, viale Anicio Gallo, viale Giulio Agricola, via Tuscolana e viale Marco Fulvio Nobiliore. Possibili modifiche alla viabilità pubblica e privata.

 In programma anche una manifestazione a Porta Pia dalle 10 alle 14, indetta da Unione Inquilini, Sunia, Sicet e Uniat per chiedere nuove politiche abitative. In questo caso non sono al momento previste deviazioni.

 Infine, a Ostia, dalle 17 alle 20 una fiaccolata promossa dal Comitato delle donne di Nuova Ostia attraverso piazza Gasparri, via Vincon, via Cagni, via Baffigo, via del Sommergibile con possibili deviazioni o rallentamenti per le linee 01 e 05.  

 

Sabato 24
Questo il quadro delle manifestazioni in programma

 Dalle 9 alle 14 corteo da piazza della Repubblica a piazza Santi Apostoli indetto dai Comitati di Base della scuola. Percorso previsto: viale delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali piazza Venezia e via Cesare Battisti. Previste deviazioni o limitazioni per le seguenti linee del trasporto di superficie: H, 5, 14, 16, 30, 40, 44, 46, 53, 60, 60L, 62, 63, 64, 70, 71, 75, 80, 80B, 81, 83, 85, 87, 105, 117, 119, 160, 170, 175, 271, 360, 492, 571, 590, 628, 649, 714, 715, 716, 780, 781, 810, 910, 916, 110 Open e Archeobus. Chiusa al traffico piazza ss Apostoli con rimozione veicoli disposta dalla Questura.

Dalle 10 sono inoltre annunciati due cortei studenteschi, uno universitario da piazzale Aldo Moro e l'altro delle scuole dalla Piramide, che al momento non sono autorizzati e definiti.

 Dalle 9 alle 14 manifestazione promossa dalla Cgil scuola, in piazza Farnese e non più in piazza del Popolo come quella precedentemente annunciata insieme ad altri sindacati. Deviazioni per la linea 116

Dalle 9 alle 14 in programma anche un sit-in a largo Bernardino da Feltre, davanti al ministero del'Istruzione, indetto dai Cobas. Possibili limitazioni per il tram 8 e per le linee che percorrono viale Trastevere.

 Cambia invece il percorso del corteo indetto nel pomeriggio da "Casapound Italia" dalle 16 alle 20. La manifestazione sfilerà da piazza Mazzini a Ponte Milvio e non più da piazza della Repubblica al Colosseo. Questo il percorso: viale Mazzini, viale Angelico, piazzale Maresciallo Giardino, lungotevere Maresciallo Cadorna e Maresciallo Diaz. Chiuse al traffico piazza Mazzini e piazzale Ponte Milvio, con rimozione di tutti i veicoli in sosta e dei contenitori dei rifiuti. Deviazioni o limitazioni di corse per le linee bus C2, 30, 32, 48, 89, 69, 186, 188, 200, 220, 232, 233, 224, 271, 280, 301, 446, 495,  628 e 911.

 Sempre nel pomeriggio, dalle 16 alle 20, manifestazione a piazza dell'Esquilino nell'area compresa tra l'obelisco e via Cavour, indetta da Federazione della Sinistra e A.N.P.I. per la "Difesa della Costituzione e dei valori dell'antifascismo". In caso di occupazione della sede stradale da parte dei manifestanti possibili rallentamenti per le linee bus 16, 70, 71, 75, 360, 649 e 714.  



Domenica 25
Anche domenica è in programma un sit-in davanti al ministero dell'Istruzione a largo Bernardino da Feltre, dalle 10,30 alle 14, indetto dai docenti di Roma in segno di "protesta contro i tagli alla scuola pubblica". La Questura ha disposto dalle 8 lo sgombero dei veicoli in largo Bernardino da Feltre e e il tratto di viale Trastevere tra viale Giromalo Induno e largo Bernardino da Feltre. Possibili, anche in questa occasione, modifiche alla viabilità pubblica e privata su viale Trastevere.