Giovedì, 21 Giugno 2018

Ultimo aggiornamento03:43:41 PM

  • Twitter
  • Info

ROMA CAPITALE

Martedì e mercoledì cortei e sit-in, le deviazioni bus previste

busDopo le proteste dei giorni scorsi, anche per questa settimana sono previste numerose manifestazioni con possibili ripercussioni sul trasporto pubblico. Si incomincia martedì 13 con un sit-in a piazza Santi Apostoli e un corteo all’Ostiense, mercoledì  sono ben due i cortei in zone centrali, in occasione dello sciopero europeo contro le politiche di austerità, oltre a due sit-in. Di seguito il dettaglio. Da ricordare che, in occasione delle manifestazioni, la Questura per motivi di sicurezza, dispone lo sgombero dei veicoli dalle aree interessate.    

Martedì 13
Dalle 9.30 alle 13.30, a piazza Santi Apostoli manifestazione  indetta dagli studenti di alcune scuole (De Amicis, Einstein, Stendhal), contro la politica del governo sulla scuola. Possibili deviazioni o limitazioni delle linee bus in transito su via Cesare Battisti: H, 40 e 60Express, 64, 70, 117 e 170. Dalle 17.30 alle 20.30 corteo da via Ostiense (angolo Circonvallazione Ostiense) a piazza di Porta San Paolo, lungo  le due corsie laterali della stessa via Ostiense, per una.manifestazione indetta dalla Cgil "contro le politiche del Governo sulla scuola". Pur tutta la durata della manifestazione chiusa al traffico privato piazza di Porta San Paolo con deviazione delle linee del trasporto pubblico di zona e spostamento capolinea..
 

Mercoledì 14
Dalle 9 alle 11 manifestazione da piazza della Repubblica a piazza Santi Apostoli, indetta dalla Confederazione Cobas, in occasione dello sciopero europeo contro  le politiche di austerità e per la difesa dello stato sociale. Questo il percorso del corteo: via delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via Cesare Battisti. Possibile la deviazione delle linee bus H, 40 e 60Express, 64, 70, 117 e 170.  Altro corteo, sempre in occasione dello sciopero europeo, indetto dalla Cgil, da piazza Bocca della Verità a piazza Farnese. Questo il percorso: via Luigi Petroselli, via del Teatro Marcello, via di San Marco, via delle Botteghe Oscure, largo di Torre Argentina, Corso Vittorio Emanuele II, piazza san Pantaleo e via dei Baullari. Anche in questo caso sono previste chiusure al traffico e conseguenti deviazioni o limitazioni di linee bus. Sempre nella giornata di mercoledì in programma due sit-in con possibili ripercussioni su traffico e trasporti: dalle 9 alle 14 a largo Bernardino da Feltre, indetto dal sindacato Unicobas, nei pressi del ministero dell'Istruzione (a rischio le linee 3B, H, 8, 44, 75, 115 e 780); dalle 11 alle 20, questa volta dei Cobas, in piazza Montecitorio, nell'area compresa tra via della Colonna Antonina e l'obelisco, in occasione della discussione alla Camera dei Deputati della legge di Stabilità.

AMA di Rocca Cencia, Cirinnà: ”Vicenda raccapricciante, Visconti avvii inchiesta”


cirinna“Se quanto accaduto nell’impianto AMA2 di Rocca Cencia rispondesse al vero sarebbe gravissimo. Animali inermi uccisi unicamente per dileggio e a fronte dello sconcerto dei presenti lavoratori che vengono percossi e minacciati. E' il quadro raccapricciante di quanto avviene nell’impianto AMA di lavorazione del multi materiale. Questi sono i motivi che mi hanno indotto a chiedere all’assessore Visconti una commissione urgente d’indagine al fine di appurare l’accaduto e prendere i necessari provvedimenti derivanti da regolamenti comunali e leggi a tutela degli animali. Pare che la dirigenza AMA da febbraio fosse al corrente dell’accaduto che però oggi nega: forse solo perché l'episodio riguarda un lavoratore interinale,  percosso e finito sotto infortunio per aver denunciato i fatti.  La differenziazione tra interinali che difendono gli animali, quindi secondo AMA meno sinceri e personale dell’azienda che nega quell’orrore a mio parere  non regge. L’AMA mostra di aver sottovalutato una situazione insostenibile. Attendo dall’assessore Visconti l’avvio di una indagine che chiarisca quanto accaduto al più presto. Dopodiché in ordine alle responsabilità e alle omissioni, qualora accertate, sia da parte dei singoli che della società dovranno essere presi i necessari e tempestivi provvedimenti.”
É quanto dichiarato dalla consigliera del PD Capitolino Monica Cirinnà responsabile politiche animali PD Lazio

Tossicodipendenze, Droghei: "Comune non alimenti tensioni"

logo pd“E’ importante che le realtà coinvolte nella lotta alle tossicodipendenze si riuniscano costruttivamente intorno all’obiettivo comune, e trovino le soluzioni migliori per raggiungere il risultato senza farsi bloccare da pregiudizi o barriere ideologiche. Il Pd Roma ha voluto promuovere questo convegno proprio come una tappa del percorso in cui ci impegniamo, insieme a chi ha maturato le più significative esperienze nel settore, a dare un contributo per ridisegnare le risposte ai cambiamenti del consumo di droghe in una capitale metropolitana come Roma”. Lo ha detto Emanuela Droghei, responsabile per le politiche sociali del Pd Roma, prendendo parte al convegno “Il fenomeno del consumo di droghe e delle dipendenze. La proposta del Partito Democratico”, che si è tenuto questa mattina in Senato. “E’ necessario rimettere in discussione il ruolo dell’agenzia comunale per le tossicodipendenze, che storicamente ha avuto grandi meriti per la città ma che oggi rischia di essere sorpassata, penalizzata anche dalla cattiva gestione sotto la Giunta Alemanno - ha concluso Droghei - Sarebbe importante che in questi ultimi mesi di mandato del Sindaco la situazione non si inasprisca più di quanto non sa già pregiudicata, e che non vengano mortificate dal Campidoglio realtà che hanno acquisito negli anni grandi meriti e competenze. La tensione che si registra in questo periodo è un brutto segnale che non deve essere sottovalutato. Associazioni, cooperative, volontari che negli anni sono riusciti a costruire risultati non possono e non devono sentirsi ostacolati dall’amministrazione capitolina”.

Pdl, per Alfano mezz'ora di celebrità (dalla Annunziata) e l'appoggio ufficiale di Alemanno: non mi candido alle Primarie

Il segretario del Pdl Angelino Alfano in trenta minuti di intervista televisiva (dalla Annunziata, nell'omonima trasmissione di RaiTre) ha fatto chiarezza su tutta l'agenda politica degli ultimi mesi, almeno per quel che riguarda il centrodestra: il ruolo di Silvio Berlusconi, l'appoggio presente (e non futuro) a Mario Monti, la chiusura definitiva a ogni possibile spazio di dialogo rilanciato venerdì dal presidente della Camera ed ex numero 2 del Pdl, Gianfranco Fini.
Berlusconi, anzitutto. Si era parlato di una rottura fra lui e l'ex premier dopo la conferenza stampa con smorfie da parte del segretario-delfino, Angelino Alfano. Ebbene al Cavaliere assegna il ruolo di ''fondatore'', azzardando un paragone con il fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, da sempre acerrimo avversario proprio del patron di Mediaset. Per quel che riguarda la possibilità di una lista ultraberlusconiana Alfano si dice sereno: "''Ha detto che non lo fa. Sto alle sue parole. Non ho motivo di non credergli''.
Semmai la novità che potrebbe riguardare il Pdl potrebbe essere il cambio di nome e simbolo. Ipotesi che ha destato le perplessità di una delle candidate della prima ora alle Primarie, Daniela Santanché.
Nella domenica dell'intervista all'Annunziata tra l'altro il segretario Pdl ha incassato l'endorsement ufficiale di Gianni Alemanno che ha annunciato, così come avevano già fatto gli altri due ex An di peso, Gasparri e Matteoli, di non partecipare alle Primarie, appoggiando proprio l'attuale segretario.
A proposito di ex An, Alfano ha chiarito la sua posizione rispetto alla riapertura di Fini in relazione a un appoggio al Governo Monti bis. "Monti bis? Non esiste perché non vogliamo fare nessun accordo con Bersani e la sinistra". Rispetto a Fini: "Siccome sono stato sempre attento ai commenti di amici e follower su twitter, i commenti sull' apertura a Fini mi hanno definitivamente convinto: la storia di Fini con l'elettorato di centrodestra è chiusa"

Sequestro al centro commerciale Porta di Roma, arrestati tre pregiudicati

rapimentoNel parcheggio interrato del centro commerciale “Porte di Roma”, alla Bufalotta, avranno pensato di trovarsi all’interno di un film action americano. Ieri, verso le cinque di pomeriggio, alcuni clienti del centro commerciale, intenti a parcheggiare le proprie auto, hanno infatti assistito ad una scena decisamente movimentata. Un furgone, arrivato a tutta velocità, si ferma accanto ad un ragazzo appena sceso da un motorino. Dall’autovettura spuntano tre individui che, dopo aver immobilizzato il giovane, lo caricano sul furgone per poi darsi alla fuga. Dopo un attimo di sgomento, i testimoni hanno subito provveduti a contattare le forze dell’ordine. I Carabinieri, una volta visionate le registrazioni fatte all’interno dei garage del centro commerciale, hanno subito dato la caccia ai rapitori diffondendo un mandato di cattura per il furgone in questione a tutte le pattuglie della capitale. Un’auto civetta del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Monte Sacro intercetta il mezzo in fuga che, per evitare azioni pericolose nel traffico, viene fatto seguire sino a quando non si è fermato nei pressi di Grottaferrata. Qui, allertati per l’operazione anche i Carabinieri della Compagnia di Frascati per la loro migliore conoscenza del territorio, i tre malviventi vengono subito bloccati. La vittima presenta evidenti segni di percosse mentre i malviventi, tutti già noti alle forze dell’ordine, vengono trovati in possesso di una pistola scacciacani modificata e quindi perfettamente funzionante. A seguito di una serie di controlli incrociati, i Carabinieri riescono a risalire anche al movente del rapimento che sarebbe avvenuto per il mancato pagamento da parte della vittima, un commerciante capitolino, di una somma pari a diecimila euro. Ulteriori perquisizioni nelle abitazioni dei fermati hanno portato al ritrovamento di cento grammi di hashish, di un’altra pistola, non registrata, ventimila euro di provenienza ritenuta illecita e di alcuni documenti falsi. I tre al momento sono agli arresti con le accuse di sequestro di persona, lesioni personali, possesso nonché fabbricazione di documenti falsi, oltre a detenzione illegale di stupefacenti e di armi da fuoco.

Lazio-Panathinaikos: sequestrati coltelli, mazze e tirapugni

controlli stadioTra i tifosi biancocelesti, dopo la convincente vittoria contro i greci del Panathinaikos, l’atmosfera sembra essere decisamente più distesa. Ieri all’Olimpico, poco prima della gara di Europa League, le forze dell’ordine hanno però sequestrato un numero considerevole di armi improprie. Sono state infatti sequestrate circa una quarantina tra coltelli, tirapugni, mazze e altri oggetti che non possono mai mancare all’arsenale di ogni facinoroso che si rispetti. A questi ci sono poi da aggiungere anche una trentina di artifizi pirotecnici. La Questura di Roma, attraverso una propria nota, ci tiene però a precisare che: ''I servizi predisposti dal Questore Fulvio della Rocca hanno evitato che gli ''ultras'' delle rispettive squadre entrassero in contatto tra loro; non e' stato infatti registrato nessun tafferuglio''. Della serie, prevenire è decisamente meglio che curare…

Tragedia a San Basilio: Drogato e ubriaco al volante, uccide un 27enne e ferisce la fidanzata

ricottiE’ da poco passata la mezzanotte all’incrocio di Via Pieve Bovigliana, nel quartiere romano di San Basilio. Il silenzio della notte viene però interrotto da un botto assordante che, ancor prima che i testimoni possano rendersi conto di quello che sia realmente accaduto, purtroppo già lasciava presagire al peggio. E’ questo lo scenario della tragedia in cui, la scorsa notte, si è fermata la vita del ventisettenne di Marino Alessandro Ricotti ( nella foto) deceduto in seguito ad violento incidente stradale in cui è rimasta coinvolta anche la fidanzata, la quale secondo alcune voci non confermate sarebbe incinta, che avrebbe riportato diverse fratture e ferite profonde.

RICOSTRUZIONE – A scatenare il tutto sarebbe stato tale Luca Petrocchi che, alla guida del suo Ducato, non avrebbe rispettato uno Stop travolgendo così la Fiat Punto alla cui guida c’erano appunto i due fidanzati. L’autista del furgone avrebbe cominciato la sua folle corsa poco prima di fronte ad un bar di San Basilio dove pare aver urtato una macchina in sosta. Dopo una breve discussione con il proprietario della vettura danneggiata, Petrocchi si allontana per poi essere rintracciato in via Fiuminata.

LA TRAGEDIA E LA TENTATA FUGA – Tirocchi non accenna a fermarsi e arrivato all’incrocio tra via Pieve Bovigliana, via Fiuminata e via Morrovalle non rispetta lo stop travolgendo di fatto il malcapitato Ricotti con la sua fidanzata. L’uomo alla guida del Ducato, nonostante l’evidente gravità dei fatti, non si ferma proseguendo in una fuga che, poco dopo, verrà interrotta dalla Polstrada. Le forze dell’ordine fanno sapere che Tirocchi risulterà positivo ai test di droga e alcol, nel suo sangue sono state infatti rinvenute tracce di alcol oltre che di marijuana e cocaina. Attualmente per l’uomo è stata formalizzata l’accusa di omicidio colposo, assieme all’omissione di soccorso e alle lesioni colpose.

Campo de’ Fiori, al via il progetto "Movida Sicura"

cocktailPartita da Campo de' Fiori la sperimentazione Movida Sicura, prima applicazione del protocollo d'intesa firmato lo scorso 15 ottobre tra le associazioni di categoria dei pubblici esercizi e Roma Capitale per contrastare i ricorrenti episodi di disturbo alla quiete pubblica e i comportamenti violenti causati dal consumo di bevande alcoliche. La sperimentazione proseguirà fino al 6 gennaio 2013. Il progetto, presentato in Campidoglio dal sindaco, Gianni Alemanno, dal delegato alla Sicurezza, Giorgio Ciardi, e dal presidente della Commissione Commercio, Ugo Cassone, prevede non solo l’impegno da parte dell'amministrazione capitolina ad effettuare i controlli, ma anche il coinvolgimento degli esercenti pubblici. In particolare questi ultimi dovranno: sensibilizzare i frequentatori della movida a mantenere un comportamento decoroso e non violento all’uscita dei locali; svolgere attività di informazione e prevenzione sugli effetti dell'abuso di alcolici; formare personale che svolga una regolare attività d’impresa (che non partecipi ai cosiddetti “pub crawl” e che, in caso di vendita di alcolici, richieda il documento d’identità per verificare la maggiore età dell'acquirente). “Questo percorso- ha dichiarato il sindaco Gianni Alemanno- è nato dopo il non rinnovo dell'ordinanza antialcol. Il fine è stabilire una collaborazione con i pubblici esercizi per avere una movida sicura. Questo è il primo accordo e si parte da Campo de' Fiori”. “La città - ha aggiunto il Sindaco - deve essere viva e non abbandonata di notte, ma senza eccessi”.
Fino al 6 gennaio, a Campo de’ Fiori, la storica piazza capitolina che è diventata uno dei luoghi simbolo della movida romana, saranno presenti sette giorni su sette hostess e steward, che avranno il compito di distribuire materiale informativo ed etilometri usa e getta per sensibilizzare sul tema del “bere responsabile”.  Inoltre, tutte le sere gli addetti al decoro, assieme agli operatori Ama, contribuiranno alla pulizia dei luoghi.
Ventuno i locali coinvolti nel progetto, che sono stati forniti di alcol test funzionanti a gettone. All’interno degli esercizi saranno affissi cartelli informativi su norme di legge e su alcuni punti del progetto “Movida Sicura”. Saranno poi distribuite 10.000 brochure informative e 10.000 etilometri usa e getta. E infine, nel primo weekend, saranno consegnati gadget: magliette, cappellini, zainetti. Nel locale “The Drunken Ship” sarà presente anche un defibrillatore per eventuali emergenze sanitarie. Il progetto costa 74.000 euro, totalmente a carico delle Associazioni coinvolte. Roma Capitale ha contribuito attraverso lo stanziamento di 2.800 euro utilizzati per la stampa delle brochure. Il protocollo ha la durata di un anno e prevede la possibilità di prolungare ed estendere la sperimentazione al termine dei primi due mesi.

Manifestazioni: ecco gli autobus da evitare tra domani e sabato

busVenerdì 9 e sabato 10 sono in programma alcune manifestazioni, in particolare del mondo della scuola, con possibili ripercussioni su traffico e trasporto pubblico. Inoltre, la Questura ha disposto chiusure al traffico e divieti di sosta sui percorsi dei cortei, con rimozione dei cassonetti e dei veicoli. 

Venerdì 9 novembre Dalle 10 alle 14 manifestazione in largo Bernardino da Feltre, nei pressi del ministero dell'Istruzione, per protestare contro i tagli alla scuola pubblica, promossa dagli studenti del Liceo Artistico di via Sarandi. In caso di occupazione di viale Trastevere possibili deviazioni o limitazioni di percorso per le linee 3B, H, 8, 44, 75, 115 e 780.

 Nella stessa giornata di venerdì, dalle 9 alle 11, si svolge anche una manifestazione in zona Eur contro i tagli alla scuola. Il corteo, con partenza e arrivo in viale Beethoven, percorre viale Europa, viale Tupini, via Pasteur, viale Civiltà del lavoro. Possibili deviazioni per le linee 31, 708, 709sc, 762, 763, 764, 767, 777, 778, 779 e 780.

Dalle 9 alle 13 manifestazione promossa dagli studenti del Blocco studentesco in piazza Pier Carlo Talenti, altezza via Ettore Romagnoli. Le linee 60, 60L, 342, 343, 344 potrebbero subire deviazioni o rallentamenti.

Sabato 10 novembre
Dalle 9 alle 13 sit-in a piazza Santi Apostoli manifestazione Stipendio Day,  indetta dalla federazione Confasal-Unsa, per il rinnovo del contratto di categoria dei dipendenti pubblici. Possibili rallentamenti del traffico e deviazioni delle linee bus H, 40, 60, 64, 70, 117, 170 e 110 Open .

Sempre sabato, nel pomeriggio, dalle 15 alle 19 corteo da piazza dell'Esquilino a piazza Santi Apostoli indetto del Coordinamento Scuole di Roma. Questo il percorso previsto: via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia e via Cesare Battisti. Deviazioni o limitazioni per le linee C3, H, 16, 30, 40, 44, 46, 53, 60, 62, 63, 64, 70, 71, 75, 80, 80B, 81, 83, 85, 87, 117, 119, 160, 170, 175, 271, 360, 492, 571, 590, 628, 649, 714, 715, 716, 780, 781, 810, 916, 110 Open e Archeobus.

Ancora sabato, negli stessi orari è in programma anche un corteo in Prati da piazza Risorgimento a piazza Cavour, indetto dal Movimento Sociale per l'Europa. Le due piazze interdette al traffico, e limitazioni o deviazioni per le linee bus: 19, 23, 30, 32, 34, 49, 70, 81, 87, 224, 271, 280, 492, 590, 913, 926 e 990.