Sabato, 20 Luglio 2019

Ultimo aggiornamento05:45:22 PM

  • Twitter
  • Info

ROMA CAPITALE

Ponte di Nona, casa popolare a pezzi: la denuncia di “Roma sei tu”

cannafumaria“Come associazione che difende i diritti dei cittadini di Roma, siamo qui a denunciare una situazione difficile nel quartiere di Ponte di Nona,

periferia della Capitale. I residenti della palazzina popolare di via Raoul Follerau, infatti, sono molto preoccupati per i danni provocati

dalla scossa di terremoto di qualche giorno fa, avvertita anche nella Capitale: danni visibili in prossimità della canna fumaria del muro perimetrale dell’edificio che contiene tubi del gas. Chiediamo dunque agli organi competenti di intervenire immediatamente al fine di ripristinare lo stato dei luoghi e mettere in completa sicurezza lo stabile. Noi rimarremmo vigili e attenti sulla delicata vicenda”. Lo afferma Fabio Fiesole, presidente dell’associazione “Roma Sei Tu”.

Caos rifiuti, "class action dei cittadini" contro il Comune di Roma

rifiutimalagrotta 200 200“La Capitale d’Italia continua a vivere una emergenza rifiuti senza fine apparente e i suoi cittadini continuano a pagare una tari tra le più alte del Paese senza aver corrisposto un servizio quanto meno dignitoso.

D’altronde, il degrado di Roma parla da solo, tra cassonetti stracolmi di immondizia, sporcizia diffusa e rischio igienico

sanitario. Per questa ragione, dopo aver presentato un esposto alla procura della Repubblica,

la nostra associazione ha deciso di promuovere una class action – a cui hanno aderito già numerosi romani –

contro il Comune di Roma e la sindaca Virginia Raggi al fine di chiedere il rimborso della Tari, pagata nell’ultimo anno solare dalle famiglie capitoline. A nostro giudizio, infatti, è il minimo che l’amministrazione grillina possa fare per ripagare la pazienza dei cittadini, oltre ad essere un diritto per gli stessi la restituzione di soldi pubblici per un servizio pubblico mai espletato con efficienza ed efficacia. Per tutti i romani che volessero aderire alla nostra iniziativa, dunque, mettiamo a disposizione il nostro staff e la nostra squadra: per tutte le info potete recarvi su appuntamento alla sede di Assotutela, in viale Castrense 31”.

Così, in una nota, il presidente nazionale di Assotutela, Michel Emi Maritato.

Ok del Tar alle botticelle a Roma. Polemica animalista

botticelle roma coloss“Siamo assolutamente contrariati per la recente decisione del Tribunale amministrativo del Lazio che ha temporaneamente

sospeso l'ordinanza con la quale il Comune di Roma ha stabilito il divieto di circolazione delle botticelle

quando si verificano ondate di calore in città. Si tratta di una decisione discutibile, che rischia di incidere negativamente

sulla condizione fisica dei cavalli, impiegati in questa orribile pratica di mobilità. I giudici amministrativi, infatti, hanno sospeso il divieto di circolazione qualora la temperatura risulti anche pari o superiore ai 30 gradi centigradi:

in questo modo si dà sostanzialmente ampio utilizzo delle botticelle, visto e considerato che nel periodo estivo le temperature sono assai elevate. Non accettiamo comunque che i cavalli continuino a soffrire. Il tribunale ha perso una buona occasione per tutelare i diritti animali”.

Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

"A Roma raccolta rifiuti precaria ma cittadini pagano Tari"

rifiutimalagrotta“In questi giorni vediamo una città assediata dai rifiuti, conquistata dagli animali e coperta di incuria e degrado.

Eppure i cittadini romani continuano a pagare una tassa sull’immondizia per avere in cambio un servizio di igiene ambientale insufficiente e inadeguato. Allo stato attuale, questa associazione dunque reputa illegittimo pagare la Tari per un servizio pubblico assente. Per questa regione presenteremo nelle prossime ore un esposto alla Procura della Repubblica di Roma”.
Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela, Michel Emi Maritato, ex candidato sindaco al Comune di Roma.

"Ancora orrore a via Lavinio. Dove sono le istituzioni?"

vialavinio“Siamo inorriditi di fronte alla notizia del ritrovamento di alcuni gattini in precarie condizioni igieniche e fisiche

all’interno del mestamente noto appartamento di via Lavinio, a Roma, dove già due anni fa furono rinvenute tonnellate

di immondizia e le carcasse di alcuni felini. Un episodio che all’epoca aveva indignato le coscienze e che adesso si ripete.

Una realtà ingiustificabile e atroce, finalmente smascherata grazie all’interessamento di alcuni coraggiosi cittadini e dei volontari, lasciati soli dalle istituzioni competenti
che avrebbero dovuto evitare che tale scempio si ripetesse per la seconda volta. Perché queste ultime non sono intervenute prima nella casa della cosiddetta serial killer di gatti, nonostante sapessero che la signora è affetta da gravi disturbi mentali? Perché questa inerzia? Siamo sollevati che i gattini siano salvi ma servono chiarimenti istituzionali immediati”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Caos sui bus israeliani noleggiati da Atac

ataclogo“Quello che temevamo si è purtroppo realizzato: i 70 pullman israeliani noleggiati da Atac, non sono mai stati utilizzati,

né messi su strada. Davvero un bello spreco di denaro pubblico,

condita da una serie di incongruenze amministrative che oggi stesso la nostra associazione ha portato alla attenzione della Procura della Repubblica, denunciando il Comune di Roma e la municipalizzata Atac.

Ricordiamo, infatti, che i bus, presi a noleggio dall’azienda di trasporto pubblico capitolino  dovevano essere in strada mesi fa, ma non è stata possibile la loro immatricolazione, comportando un danno economico economico e di immagine, di cui la sindaca Raggi non vuole assumersi la responsabilità politica. Un atteggiamento presuntuoso e imbarazzante, quello della prima cittadina di Roma, che continua a prendere in giro i cittadini romani, ormai stanchi di una capitale allo sbando”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

Dopo 246 giorni riapre a Roma la fermata metro di Repubblica

metropolitana-romaDopo 246 giorni riapre a Roma la fermata metro di Repubblica.

Questa mattina alle 5.30 il cancello della stazione ha riaperto i battenti,

dopo otto mesi di lavori a causa del crollo della scala mobile il 23 ottobre scorso, durante il quale furono feriti

diversi tifosi del Cska Mosca che erano in trasferta nella Capitale per seguire la loro squadra in Champions contro la Roma. Ora si aspetta la riapertura di un'altra fermata quella di piazza Barberini,

a un passo da via Veneto e da Fontana di Trevi chiusa dal 21 marzo per un altro guasto alle scale mobili. La stazione di Spagna era stata rimessa in funzione lo scorso 16 aprile dopo un mese e mezzo di blocco.
(Lapresse)

Realizzarti e il sociale, binomio vincente per il Tulipano Bianco

giordanifrancescoE’ stato un successo di partecipazione la festa di chiusura estiva di “RealizzArti”,

il progetto al suo terzo anno di vita fortemente voluto dall’associazione “Il Tulipano Bianco”

e che si articola in laboratori gratuiti di musica, teatro e motricità, per minori e adulti con diverse abilità.

L’evento, svoltosi nel pomeriggio di ieri nello splendido giardino del plesso G.G. Badini presso l’I.C. Regina Margherita - in zona Aventino, a Roma -, ha visto tra gli altri la presenza di autorevoli esponenti del mondo istituzionale e associativo: Marta Bonafoni, Consigliere regioanle del Lazio, Emiliano Monteverde,

 

Assessore alle Politiche Sociali e dei Servizi alla Persona del I Municipio, e Roberto Diana, Vice Presidente “Oltre Coop Soc”.

Questo il commento del presidente de “Il Tulipano Bianco”, Francesco Giordani: “Siamo davvero felici per la riuscita del progetto Realizzarti. E' la dimostrazione lampante che il lavoro di squadra, quello vero basato su impegno, volontariato e solidarietà, puo' portare davvero a grandissimi risultati. Per la nostra associazione, questo è un anno molto importante visto e considerato che abbiamo portato avanti numerosi progetti, a Roma come nel resto del territorio italiano, sempre con il fondamentale obiettivo di operare in al fianco delle categorie più deboli e disagiate Abbiamo fortemente voluto la realizzazione di questa terza edizione, un percorso partito con grande successo già due anni fa. Ora ripartiremo a settembre”.

RealizzARTI, infatti, vede tra le sue basi portanti l'inclusione sociale delle persone disabili attraverso attività di gruppo che promuovano le capacità creative, facilitino l'apprendimento di risorse emotive e comunicative inesplorate, contribuendo così a una più concreta realizzazione della persona: “In questo contesto – continua il presidente Giordani -, dunque, il sottoscritto e il Tulipano Bianco vogliono ringraziare di vero cuore tutti coloro che sono venuti qui oggi, tutti gli operatori e tutti gli enti con cui abbiamo collaborato, in particolare I Municipio (che ha messo a disposizione la sede) e la cooperativa “Oltre”. Ma soprattutto – conclude Giordani - ci teniamo a ringraziare tutti quei cittadini che, destinando il loro5x1000 alla nostra associazione, ci hanno permesso di investire su Realizzarti 2019, regalando momenti di serenità a tanti ragazzi e alle loro famiglie”.

Caos rifiuti, "Amministrazione Raggi fallimentare"

rifiutimalagrotta“Quanto sta accadendo con l’emergenza rifiuti nella Capitale d’Italia è la cartina di tornasole del fallimento amministrativo della

sindaca Raggi e del Movimento Cinque Stelle. Un governo da bocciare su tutti i fronti, dopo appena tre anni di mandato

popolare. Siamo di fronte a un Campidoglio, lontano dalle esigenze del cittadino, incapace di rilanciare una città che

ha bisogno di sviluppo infrastrutturale e investimenti. Stadio, servizi sociali, strade, mobilità, ambiente, decoro urbano: Virginia Raggi ha steccato su tutti i fronti, come peraltro dimostrano le numerose lamentele giunte a questa associazioni da tantissimi cittadini. Alla sindaca, dunque, non resta che lasciare la poltrona: sarebbe un grande gesto nei confronti dei romani”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato