Mercoledì, 29 Gennaio 2020

Ultimo aggiornamento05:38:26 PM

  • Twitter
  • Info

ROMA CAPITALE

"Caos altalene a Roma. Bisogna agire per la sicurezza"

campidoglio4“Non bastassero le criticità dilaganti nei delicati settori dell’ambiente e del decoro

urbano, apprendiamo che Roma è attanagliata da una altra grave e pesante problematica:

i numerosi parchi gioco e le aree verdi nell’incuria e nell’oblio. Una situazione dalle molteplici conseguenze

negative perché potrebbe incidere sulla sicurezza pubblica e limitare un servizio pubblico per tanti bambini.

Il Comune di Roma starebbe già disponendo progettualità amministrativa per la manutenzione di queste aree abbandonate ma la nostra paura è che debba passare ancora troppo tempo prima che i parchi gioco siano rimessi a nuovo. Per questa ragione, ci chiediamo perché il Campidoglio non si sia mosso prima e, in nome della sicurezza di bambini e famiglie, abbiamo intenzione di presentare un apposito esposto presso la procura della Repubblica”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

Roma, Amico in riunione: un 2020 di grandi progetti

amicoDopo l’insediamento ufficiale del coordinamento nazionale, datato lo scorso 12 dicembre

, a Roma, nei locali della Sede Nazionale della Forza Politica “Associati in Movimento Iniziativa Comune”,

Amico inizia il suo 2020 all’insegna della concretezza e del radicamento sui territori.

Il coordinamento nazionale, il cui responsabile è Attilio Arbia, coadiuvato dai coordinatori

aggiunti Massimo Ferrante, Giovanni Mainardi e Leo Catalano, venerdì 24 gennaio, insieme al presidente Rocco Tiso ha fatto il punto sulle attività presenti e future: “Dai punti programmatici ai principi ispiratori, dalla strutturazione sui territori alle prossime azioni pratiche. È stata una riunione importante e fruttuosa. Stiamo delineando il nostro operato politico, sociale e culturale, e quelle iniziative a tutela e difesa delle istanze delle famiglie italiane”, sottolineano dal coordinamento nazionale di Amico. Che, poi, spiega: “La nostra cabina di regia è costantemente in contatto con attivisti, quadri dirigenti ed esponenti locali. È nostra intenzione operare in sinergia con i territori e i cittadini, su principi di trasparenza, professionalità e competenza al fine di rilanciare la nostra azione. Ci aspetta un 2020 di grandi prospettive. Vogliamo diventare punto di riferimento politico e sociale della comunità”.

De Gioia al convegno sui diritti umani a Roma

DEGIOIAIl prossimo venerdì 24 gennaio, nella sede nazionale della LIDU in Piazza d'Aracoeli numero 12, nei di pressi di Piazza Venezia, prestigiosa location nel cuore di Roma, si terrà un convegno sui diritti umani promosso dall’Associazione Alere, in collaborazione con la Lidu, la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo. Un evento importante e interessante, in cui verranno evidenziate le criticità dei diritti dell'uomo nell'epoca moderna, cercando di dare risposte e possibili soluzioni. L’evento sarà moderato dalla criminologa Imma Giuliani e vedrà gli interventi di illustri personaggi ed esperti di settore come Valerio de Gioia, giudice penale del Tribunale di Roma, che sottolinea : “L’ordinamento italiano deve ormai fare i conti con le fondamentali indicazioni che provengono a livello sovranazionale così da conseguire una uniformità di applicazione delle norme e di tutela a livello europeo”

Allarme vandalismo a Roma. Si chiede uso di telecamere

romabynight“Condanniamo con forza il vigliacco gesto di ignoti, che hanno

imbrattato il sottopasso adiacente alla fermata San Paolo della Metro B

che nei giorni scorsi era stato ripulito dall'Ufficio Decoro del Campidoglio.

Ma non possiamo far passare sotto silenzio le parole della Raggi che, oltre a esprimere il proprio legittimo sdegno, dovrebbe ricordarsi di essere la sindaca di Roma e quindi il primo difensore del decoro

della Capitale d’Italia, dove ancora troppe aree rimangono preda di vandalismo e microcriminalità. Una insicurezza diffusa, quella dei cittadini romani, che potrebbe essere lenita con un maggior utilizzo di sistemi di videosorveglianza e con l’implementazione di pattuglie della Polizia locale per il controllo del territorio”.
Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio e uno dei fondatori nazionali di “Cambiamo” con Toti, Adriano Palozzi.

Roma, voragine in zona Colosseo. Evacuata una palazzina

vigili del fuoco“Assotutela reputa estremamente allarmante e preoccupante quanto accaduto in queste ore

in via Marco Aurelio, in zona Colosseo, dove si è aperta una ampia voragine e un edificio di quattro piani con una ventina appartamenti

e' stato

evacuato. Ringraziando per l’immediato intervento vigili del fuoco e polizia locale, ci auguriamo sia fatta immediata chiarezza sull’accaduto dagli enti competenti. Da parte nostra, abbiamo intenzione di depositare un esposto alla Procura della Repubblica per accertare eventuali responsabilità relative al cedimento della sede stradale. L’importante in questo momento è che la macchina del sostegno agli sfollati sia stata avviata: in tal senso, attendiamo di capire nello specifico come il Campidoglio si sta muovendo per l’assistenza e l’accoglienza delle persone evacuate”.
Così in una nota il presidente della associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

Continua l'emergenza smog a Roma: 11 su 13 le centraline oltre limite

Roma2“Nelle scorse ore Assotutela ha deciso di promuovere una class-action

contro l’ordinanza della sindaca Virginia Raggi che limita la circolazione veicolare

privata dentro la Ztl Fascia Verde della Capitale d’Italia. Alla luce dei nuovi dati sullo smog –

che dicono come su 13 centraline 11 siano risultate sopra il limite

dei 50 microgrammi al metro cubo – questa associazione ha stabilito altresì di depositare un esposto in Procura della Repubblica al fine di comprendere nello specifico le eventuali mancanze e le eventuali responsabilità della amministrazione di Roma Capitale nel contrasto agli alti valori delle PM 10 a Roma. Oltre a considerare un inutile palliativo l’ordinanza della Raggi, siamo dell’opinione che la sindaca in questi mesi non abbia pianificato provvedimenti di lungo respiro e concreti a contrasto dell’emergenza ambientale in atto. Vedremo adesso cosa ne penseranno le competenti autorità giudiziarie”.

Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela Michel Emi Maritato

Smog, l'ordinanza della sindaca Raggi finisce in tribunale

smog45“Alla luce delle segnalazioni cittadine e delle contestazioni di numerosi automobilisti in transito in queste ore a Roma,

Assotutela ha deciso di promuovere una class-action contro l’ordinanza della sindaca Virginia

Raggi che limita la circolazione veicolare privata dentro la Ztl Fascia Verde della Capitale d’Italia.

A nostro giudizio, infatti, esistono le basi legali per fare causa al Campidoglio e ottenere i risarcimenti

per le multe elevate ieri e l’altro ieri. L’ordinanza antismog del Comune, infatti, oltre a essere inutile e palliativa, appare tardiva e illegittima, cagionando così un danno ai poveri automobilisti, transitanti nella Fascia Verde. Comprendiamo la volontà amministrativa di tutelare ambiente e salute, ma il provvedimento della Raggi risulta molto limitativo, anche in considerazione del fatto che è mancata e sta mancando qualsiasivoglia pianificazione di alternativa sostenibile in città. Dunque, Assotutela è a disposizione dei cittadini e tutti insieme ci rivolgeremo agli enti giudiziari competenti per vedere rispettato il diritto alla libera circolazione”.
Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

Questione Rom, opposizioni all'attacco

Quanto sta emergendo in queste ore certifica il totale fallimento del Piano Rom

del M5S capitolino, un fallimento che avevamo annunciato sin dal giorno della presentazione.

Con arroganza e non poche polemiche il M5S bocciò la nostra delibera di iniziativa popolare

per la chiusura dei campi rom, la motivazione fu “abbiamo il nostro piano”, perfetto, ora i romani sanno che quel piano non solo è fallito ma è irrealizzabile.

Dichiara Federico Rocca responsabile degli enti locali di Fratelli d’Italia.

Prevedevano buoni casa, mental coach, inserimenti lavorativi e l’obbligo dei genitori rom di mandare i figli scuola. Nulla di tutto ciò è accaduto anzi, i bambini rom che vanno a scuola sono diminuiti del 56% in 2 anni.


Federico RoccaNel frattempo in città oltre ai campi regolari e tollerati, sono sorte circa 300 baraccopoli e per la rimozione di alcune di queste sono stati spesi oltre 3 milioni di € ed inoltre sono stati spesi dopo due anni e mezzo 30 mln di € (dati forniti dall’Associazione 21 Luglio). Non si vedeva un quadro simile dai tempi di Rutelli sindaco.

Un piano fallito e 4 anni di tempo persi per dare delle regole e riordinare un quadro delle presenze dei rom nella città di Roma, infatti, preso atto di tutto ciò alla Raggi non resta che stanziare soldi per fare degli sgomberi, un disperato tentativo di recuperare qualche voto ma che non produrrà nessun miglioramento della situazione.

Dalle politiche abitative, ai rom, alla mobilità, al tema rifiuti, non c’è un problema risolto o che abbia visto l’inizio di un programma realizzabile, è un fallimento su tutta la linea – conclude Rocca - la Raggi e il M5S dovrebbero prenderne atto e avere la dignità di dimettersi, invece di continuare a fare danni.

Hobby FLora sotto sfratto. La gente del IX Municipio alza le barricate

campidoglio4“Anche la nostra Associazione firmerà la petizione per salvare la storica “Hobby Flora”,

costretta a sgomberare per le insensate scelte dell’amministrazione grillina del IX Municipio.

Una ipotesi illogica e scriteriata che rischia di portare sul lastrico una azienda con oltre

30 anni di esperienza e i suoi 18 dipendenti. Ci teniamo a ricordare, infatti,

la funziona sociale del garden del Torrino che ha investito tanti soldi sulla valorizzazione dell’area del Parco delle Costellazioni, consegnando alla comunità un luogo ameno, curato e sicuro. Auspichiamo dunque che la sindaca Raggi e il Dipartimento Patrimonio del Comune di Roma intervengano lì dove il Municipio sta sbagliando, nella consapevolezza che la chiusura di Hobby Flora può essere evitata e la vertenza risolta in altra maniera. Noi siamo dalla parte dei cittadini e dell’azienda e faremo quanto in nostro potere per difenderne i diritti”.

Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Emi Maritato.