Martedì, 26 Maggio 2020

Ultimo aggiornamento04:56:27 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

Direzione Ares 118 revoca bando su gestione ambulanze

nicola zingaretti“La scelta della direzione di Ares 118 di revocare il bando di affidamento per selezione,

ad associazioni, istituzioni ed enti di volontariato di 116 ambulanze è certamente una ottima notizia.

Ci auguriamo che non rimanga solamente un annuncio per guadagnare tempo

ma si concretizzi in tempi stretti con uno specifico provvedimento amministrativo.

Da parte nostra, come associazione che tutela i diritti dei cittadini, chiediamo con forza l’internalizzazione dei lavoratori al fine di difendere i posti di lavoro di centinaia di famiglia e siamo pronti a tutelare gli operatori politicamente e legalmente, se dovrà servire. Siamo dell’opinione infatti che il servizio di emergenza extra ospedaliera non possa essere affidato indiscriminatamente in mano del volontariato ma si necessitano di competenze e professionalità che svolgono queste prestazioni da anni. Inoltre, sollecitiamo la Regione Lazio ad adottare politiche maggiormente incisive sul fronte dell’operatività dei pronto soccorso e della risoluzione delle criticità legate al blocco delle barelle fuori dai Ps”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

La linea Roma-Viterbo nel mirino delle polemiche

romaviterboferrovia“Come recentemente avvenuto per la Roma-Lido, Assotutela ha intenzione di portare all’attenzione della Procura della Repubblica

i disagi e i disservizi che ormai da tempi sono protagonisti sulla Roma-Viterbo, conosciuta anche come Roma Nord, linea di proprietà della

Regione Lazio ma attualmente gestita dalla municipalizzata capitolina Atac. Anche in questi giorni sono partite le denunce mediatiche

sul trasporto a singhiozzo su una delle peggiori linee del territorio regionale: in tal senso, esprimiamo vicinanza

ai cittadini e, nell’azione a difesa dei loro diritti, abbiamo deciso di depositare un esposto in Procura per comprendere le esatte e specifiche dinamiche che causano disagi sulla Roma-Viterbo. E’ infatti inammissibile che i pendolari siano costretti a una tale odissea, nonostante paghino il biglietto con la speranza di avere un servizio efficiente ed efficace. Speranza ad oggi assolutamente disattesa”.
Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato


“Quanto da noi dichiarato in merito alla Roma-Lido, vale esattamente anche per la Roma-Viterbo. I continui disservizi sulla linea di proprietà regionale ma gestita da Atac, non sono più accettabili poiché creano disagi a migliaia di pendolari, già abituati a fare i conti con un trasporto pubblico capitolino da terzo mondo. È imbarazzante vedere una Capitale d’Italia così in basso in materia di mobilità e trasporti: che sia su ferro o su gomma, purtroppo poco cambia, le criticità e le soppressioni delle corse sono all’ordine del giorno. Nonostante i tanti annunci della sindaca, l’inefficienza di Campidoglio e Atac è ormai sotto gli occhi di tutti”.
Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio e uno dei fondatori nazionali di “Cambiamo” con Toti, Adriano Palozzi.

Rivoluzione Animalista appoggia Madeo in regione Calabria

gabriellacaramanicaiiiAnche “Rivoluzione Animalista”, guidata dal segretario nazionale Gabriella Caramanica e spazio politico dedicato ai volontari storici e cittadini italiani che vogliono portare all'interno delle istituzioni pubbliche la passione acquisita sulle strade per la tutela e la protezione degli animali, appoggia la candidatura di Francesco Madeo - lista “Io resto in Calabria” - al Consiglio regionale della Calabria, in occasioni delle prossime elezioni regionali. Un’importante manifestazione di fiducia incassata da Madeo espressa direttamente dal coordinatore regionale di Rivoluzione Animalista, Stefano Lioi, e condivisa dal segretario nazionale Gabriella Caramanica:

«Abbiamo deciso come gruppo di sposare la visione politica di Francesco Madeo perché in questi mesi è stato l’unico a mostrare attenzione e sensibilità verso le storiche istanze di tutela degli animali, che i partiti storici hanno sempre ignorato. Le nostre battaglie - sottolinea Lioi - sono diventate per lui un progetto politico da portare avanti nei territori».

Sanità del Lazio, crescono i Lea. A quando la fine del commissariamento?

sanità dottore“Apprendiamo che il sistema sanitario del Lazio ha ottenuto nella griglia Lea,

i Livelli essenziali di assistenza in ambito sanitario, 190 punti. Ed è la Regione

che ha ottenuto il maggior aumento: dieci punti in più rispetto all'anno precedente.

Si tratta senza dubbio di una buona notizia per il nostro territorio e auspichiamo sia solamente il primo

passo per il ritorno a una offerta sanitaria di qualità. Sono troppi anni, infatti, che la sanità del Lazio vive una crisi profonda, tra disagi e disservizi, ed è urgentemente necessario un salto di qualità. Con il commissariamento quasi alle spalle, l’auspicio è che si torni a investire risorse pubbliche, ad assumere sempre più medici ed infermieri nei nostri ospedali e nei nostri pronto soccorso. I cittadini meritano una sanità di assoluto livello”.

Così, in una nota, l’associazione Assotutela.

Botti di Capodanno. I numeri: anche quest'anno un bollettino di guerra

capodannoaroma“A leggere i dati e i numeri relativi ai botti di Capodanno

e, più in generale, delle festività natalizie, sembra di essere di fronte a un vero e proprio bollettino di guerra.

Seppur con proporzioni leggermente in controtendenza rispetto all’anno precedente la notte

di San Silvestro ha significato la fuga di migliaia di cani e gatti, e la morte o il ferimento di alcuni di loro

a causa dei botti di Capodanno: i cani scappati sono stimati intorno alle 1800 unità, mentre diverse centinaia anche i felini scappati sempre a causa dei fuochi pirotecnici. I quadrupedi deceduti o scomparsi sono stati oltre trecento. Non va meglio tra gli esseri umani, dove il bilancio conta un morto e 204 feriti. Siamo di fronte a una realtà disastrosa, devastante, che preoccupa moltissimo “Rivoluzione Animalista”, che già nei giorni scorsi aveva lanciato il monito contro i botti di Capodanno: monito ascoltato da molte istituzioni ma caduto invano in molti altri casi. Ci auguriamo che qualcosa cambi, è necessario lavorare sulla prevenzione e sulla sensibilizzazione, far comprendere alla comunità che i botti sono una piaga sociale illegale e dannosa per animali ed esseri umani. Solo così si potranno evitare nuovi spargimenti di sangue”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.