Martedì, 26 Maggio 2020

Ultimo aggiornamento04:56:27 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

"Ok commissariamento ma sanità del Lazio ancora soffre

nicola zingaretti“Accogliamo con soddisfazione l’uscita dal commissariamento della sanità laziale, recentemente annunciata dalla Regione. Finalmente, dopo anni di sacrifici e tagli, si potrà ritornare a investire e a implementare l’offerta sanitaria in un territorio che ne ha disperato bisogno. Quello che vorremmo sapere è effettivamente con che tempistica la nostra sanità uscirà fuori dal tunnel: i pronto soccorso scoppiano, le liste di attesa sono lunghe, la desertificazione delle prestazioni è ancora realtà, la mobilità passiva pure, gli ospedali hanno sempre meno reparti. Ed è con tutto questo che i cittadini devono fare quotidianamente i conti, a prescindere da annunci e trionfalismi. Insomma, siamo consapevoli che la strada forse oggi è un pò più in discesa ma va imboccata quanto prima, per il bene della comunità territoriale”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.


GVM Care & Research: 45 anni di attività celebrati con l’udienza di Papa Francesco



papafrancescosanitaRoma, febbraio 2020 – Sabato 1° febbraio una delegazione di GVM Care & Research 

è stata ricevuta in udienza dal Papa, in occasione del 45° anno di attività del Gruppo. Papa Francesco
ha sottolineato alcuni principi fondamentali dell’assistenza al malato,

principi che guidano l’attività di GVM Care & Research fin dagli inizi: la prossimità e l’umanizzazione delle cure.

"È auspicabile che i luoghi di cura siano sempre più case di accoglienza e di conforto, dove il malato trovi amicizia, comprensione, gentilezza e carità - ha spiegato Papa Francesco nel suo discorso -. Insomma, trovi umanità. Il malato non è un numero: è una persona che ha bisogno di umanità.

A tale proposito, è necessario stimolare la collaborazione di tutti, per venire incontro alle esigenze dei malati con spirito di servizio e atteggiamento di generosità e di sensibilità”.

Papa Francesco ha riconosciuto le difficoltà nel sostenere i malati, ma ne ha ricordato l’importanza e l’urgenza. Ettore Sansavini, Presidente di GVM Care & Research, concorda con le parole del Santo Padre affermando che “dietro ogni stato di momentanea fragilità vi è una creatura unica ed irripetibile,

un essere umano, una famiglia, una comunità, un bisogno profondo di ascolto, di comprensione, il desiderio e il timore di dare la propria fiducia e il confidente abbandono al gesto terapeutico”.

Definito come un’avventura umana e professionale, il percorso di GVM Care & Research affonda le sue radici nell’impegno collettivo e del singolo dal 1973 e punta sempre a mettere “il paziente al centro perché, solo focalizzandoci su questo punto, riusciamo a definire l’ideale modello di cura,

credendo fermamente nel valore del reciproco scambio professionista-paziente come aspetto essenziale dell’atto terapeutico”, conclude Sansavini.

La solidarietà de Il Tulipano Bianco travalica i confini del Lazio

IMG-20200123-WA0007Non si ferma l’azione sociale e solidale de “Il Tulipano Bianco Aps” ad Esanatoglia,

uno dei comuni del maceratese colpito dal sisma del 2016. L’associazione rappresentata dal presidente

Francesco Giordani entra nel vivo con l’iniziativa di promozione sociale “Orto in Comune”, inaugurato lo scorso 24

settembre presso la Casa di riposo "Santa Maria Maddalena", alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Esanatoglia,

Luigi Nazareno Bartocci, dell’assessore ai Servizi Sociali e Formazione del Comune di Esanatoglia, Debora Brugnola, e del presidente dell’associazione “Il Tulipano Bianco”, Francesco Giordani. Che sottolinea soddisfatto: “Questa iniziativa per noi è molto importante perché promuove i diritti umani in tutti i suoi aspetti, in particolare negli ambiti relativi alla salute, integrazione, ambiente e lavoro. In particolare, si perseguono finalità di solidarietà sociale, ma soprattutto – dice Giordani - si stabiliscono rapporti personali capaci di educare e far crescere i cittadini in situazioni di particolare disagio soggettivo e sociale, avendo un’attenzione particolare verso situazioni di bisogno presenti sul territorio. I soggetti individuati per lo svolgimento del progetto sono due persone in una situazione di bisogno. Fin da subito c’è stato un grande riscontro positivo nell’attività svolta dai due operatori che si sono impegnati con precisione e spontaneità a curare l’orto e il giardino all’aria aperta”. Francesco Giordani, poi, continua: “Vorremmo ringraziare il Fondo di Beneficenza di Intesa San Paolo, che ha creduto come noi nel progetto riconoscendoci un contributo importante per la concretizzazione di Orto in Comune”.

Soddisfazione è stata espressa dalla amministrazione comunale di Esanatoglia: “Grazie all’importante contributo de “Il Tulipano Bianco” – aggiunge il vicesindaco Debora Brugnola -, è possibile oggi realizzare l’obiettivo che ha a cuore l’Amministrazione Comunale, vale a dire realizzare fattivamente la promozione dei diritti umani, la promozione dello sviluppo e della tutela dell’assistenza sociale, nonché della promozione di una cultura alla solidarietà e dell’agricoltura sociale. L’Orto che viene curato con perizia dai due operatori è bello e rigoglioso e ha anche un effetto positivo sugli ospiti della Casa di Riposo, i quali si dimostrano felici nel contatto con la natura. Il verde che circonda la struttura aiuta gli ospiti ad affrontare la giornata con serenità perché infonde coraggio e stimola l’ottimismo”. Anche il coinvolgimento delle scuole medie nell’esecuzione del Progetto sta rappresentando un ruolo importante, perché è stato possibile promuovere le attività progettuali, attraverso momenti di condivisione con gli operatori, con i bambini e con gli anziani. “L’orto è il luogo magico dove si imparano, senza accorgersene, la geometria, la botanica, la cucina, la pittura, l’ecologia e la gioia di vivere”, spiegano in coro l’amministrazione comunale di Esanatoglia e il Tulipano Bianco.

Rivoluzione Animalista, al via la campagna di tesseramento 2020

Copy-of-caramanica-animalista-1“Per tutelare e difendere i diritti animali “Rivoluzione Animalista” ha anche bisogno di voi”.

Con questo slogan, rivolto a tutti i cittadini italiani, partirà il prossimo Primo Febbraio la campagna di tesseramento 2020 del partito politico,

guidato dal segretario nazionale Gabriella Caramanica. “Il tesseramento significa partecipare alla vita di Rivoluzione Animalista,

ed essere al contempo protagonisti delle battaglie sociali, civili e territoriali, che stiamo portando avanti, ad esempio, in tutta Italia

contro il randagismo, la zoorestia, e la gestione criminale degli animali. Vere e proprie piaghe sociali che attanagliano il Paese, da nord a sud, contro le quali ci battiamo quotidianamente anche grazie al sostegno di tanti attivisti e tanti cittadini volenterosi”, ha sottolineato il segretario nazionale, Gabriella Caramanica.

Che, poi, continua: “In appena un anno dalla nostra nascita siamo cresciuti tantissimo, diventando il primo e unico partito animalista italiano, ci siamo strutturati in tutte le regioni con coordinatori regionali, provinciali e locali. Dunque, siamo un insieme di anime, di voci, che con un lavoro basato su principi di collaborazione e dialogo democratico, difendono i diritti dei nostri amici animali: lo stiamo facendo con un programma vasto, condiviso e con una struttura affiatata, trasparente e competente. Ma serve anche il vostro aiuto, il vostro sostegno: più siamo e più saremo forti. Per questa ragione, il tesseramento sarà un passo fondamentale per le nostre battaglie presenti e future”. Entrare nella squadra di “Rivoluzione Animalista” è facile: basta andare sul sito www.rivoluzioneanimalista.it e seguire il form dedicato. Mentre per maggiori informazioni si può inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure contattare il partito al 3456002941.

Protesta in campidoglio contro la discarica romana a Monte Carnevale

rifiutisindaco“La protesta di oggi in Campidoglio contro l’ipotesi di discarica capitolina

a Monte Carnevale è l’ennesima dimostrazione della confusione operativa della sindaca

Raggi nel delicato settore dei rifiuti. Promesse non mantenute, un’azione istituzionale inefficiente,

una Tari tra le più elevate d’Italia, cassonetti stracolmi e strade sporche, impiantistica incompleta e inefficace.

Sono tante le criticità che attanagliano il comparto ambientale della Capitale d’Italia. Una situazione grave e pesante che preoccupa molto la nostra associazione; che sminuisce l’immagine di Roma nel mondo e che consegna ai cittadini romani un servizio pubblico di igiene urbana ai minimi storici. Serve un tavolo istituzionale di confronto tra Comune di Roma, Regione Lazio, Ministero competente e rappresentanze della collettività per affrontare e risolvere in maniera definitiva condivisa il problema rifiuti a Roma”.
Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.