Domenica, 21 Luglio 2019

Ultimo aggiornamento05:45:22 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

Al via lavori per il nuovo ps del Campus Bio-medico

nicola zingarettiCon un colpo di piccone il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, insieme a Paolo Sormani, direttore generale Policlinico universitario Campus bio-medico, ha dato avvio ai lavori per la realizzazione del nuovo pronto soccorso. La struttura di via Alvaro del Portillo si inserira' nella rete dell'emergenza-urgenza come Dea di I livello e nelle reti tempo dipendenti (Trauma, Ictus e quella per l'Infarto e le emergenze cardiovascolari). Il nuovo Dea e' al centro di un bacino potenziale di circa 300mila residenti e si stima possa avere 45mila accessi annui. I lavori si concluderanno nel 2019 e l'attivazione del pronto soccorso e' prevista per i primi mesi del 2020. La struttura sara' realizzata con un investimento di 10 milioni di euro, derivanti prevalentemente da indebitamento e attivita' di fund raising dell'Universita' Campus Bio-Medico di Roma. Oltre a Nicola Zingaretti, alla cerimonia di avvio dei lavori hanno partecipato, tra gli altri, l'assessore alla Sanita' della Regione Lazio, Alessio D'amato, il direttore generale della Sanita' Renato Botti e la direttrice della Asl RM2 Flori Degrassi.

Lazio, presentato il Fondo per la Creativita 2019

regionelaziopalazzoE' stato presentato oggi all'Oratorio del Gonfalone di Roma dall'assessore regionale allo Sviluppo Economico, Gian Paolo Manzella, il Fondo per la Creativita
2019. Si tratta della quarta edizione del bando regionale pensato per sostenere la nascita e lo sviluppo di imprese nel settore delle attivita' culturali e creative (in particolare nei settori dell'audiovisivo, delle tecnologie applicate ai beni culturali, dell'artigianato artistico, del design, dell'architettura, della musica e, novita' di quest'anno, della comunicazione e del gaming) cofinanziandone i costi di avvio e di primo investimento.
All'evento erano presenti anche il presidente di Unioncamere Lazio, Lorenzo Tagliavanti, e tre 'creative' i cui progetti sono stati tra i vincitori delle precedenti edizioni del bando:
Chiara di Cillo, di Portatelovunque, una startup romana attiva nel campo degli accessori di abbigliamento in chiave di economia circolare; Angelica Pierri, di Liutertec, un'impresa anch'essa romana che offre servizi di avanguardia per i possessori di strumenti musicali rari e di alta fattura; e Luisa Tibaldi, di Terra Mia, realta' di Santi Cosma e Damiano che ha rilanciato l'utilizzo della stramma, una pianta tradizionale del territorio aurunco, a fini tessili. Alla fine dell'evento Alberto Castelvecchi ha tenuto una lectio magistralis sul tema: "Siamo tutti Millennials: creativita' e innovazione nell'impresa".

San Camillo, Assotutela solidale con direzione e personale

San Camillo“Siamo molto preoccupanti per la strumentalizzazione politica, messa in atto dalla ministra grillina Grillo che nelle scorse ore ha mandato i Nas all'ospedale San Camillo di Roma. Un vero e proprio atto propagandistico, forse perpetrato dall'esponente pentastellata nel suo ruolo istituzionale al fine di colpire politicamente il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Come associazione che tutela i diritti dei consumatori, siamo i primi a chiedere controlli e monitoraggi all'interno del comparto sanitario, ma vedere la ministra Grillo scagliarsi in tal maniera nei confronti del governatore ci fa pensare male: forse è peccato ma a volte ci si prende... Tanto è vero che, come afferma l'assessore regionale alla Sanità, dal verbale dei Nas al San Camillo non sarebbero emersi rilievi particolari circa l'assistenza sanitaria prestata ai pazienti, seppur in un momento di grande afflusso nel quale la privacy è subordinata all'assistenza sanitaria. Esprimiamo, dunque, la nostra piena solidarietà al direttore generale dell'azienda ospedaliera, Fabrizio D'Alba, e a tutto il personale del San Camillo per gli attacchi mediatici ricevuti: siamo vicini a loro, consapevoli dell'eccellenza sanitaria che rappresentano e del prezioso lavoro che quotidianamente svolgono a sostegno dei pazienti. Sollecitiamo, viceversa, il ministro Grillo ad evitare comportamenti da bambini arrabbiati e a lavorare con senso di responsabilità per il miglioramento della sanità italiana”.

Così, in una nota, il presidente nazionale di Assotutela, Michel Emi Maritato.

Rivoluzione Animalista attacca il ministro Salvini

MatteoSalvini5“Il ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha perso ancora una volta l’occasione per tacere: recentemente, infatti, il leader della Lega ha affermato che solo un matto potrebbe pensare di cancellare il Palio di Siena. Una offesa, quella di Salvini, a tutti coloro, animalisti e cittadini, che legittimamente e democraticamente hanno espresso il proprio pensiero sul Palio di Siena. Noi rispondiamo che il vero fuori di testa è proprio Matteo Salvini, incapace di accettare obiezioni e bravo solamente ad avallare una manifestazione sì storica ma che rappresenta un vero e proprio pericolo per l’incolumità dei cavalli e degli stessi fantini: ricordo, purtroppo, che molti sono stati gli incidenti – a volte mortali – che hanno coinvolto i puledri in gara. Rivoluzione Animalista, dunque, si opporrà con tutte le forze alle balzane idee e imprudenti valutazioni del ministro degli Interni”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito “Rivoluzione Animalista”, Gabriella Caramanica.

"Bene sospendere la revoca della scorta a Sandro Ruotolo"

Souad-Sbai«Apprezzo l’impegno giornalistico portato avanti in questi anni da Sandro Ruotolo e per questo reputo sacrosanta la decisione di sospendere la revoca della scorta assegnatagli in seguito alle minacce del boss Zagaria. Non si scherza con la vita di chi fa battaglie di civiltà. 

 Allo stesso modo, però, trovo ridicolo e scorretto il doppiopesismo con cui taluni personaggi intervengono a difesa solo di chi riconoscono come icona della loro parte politica. La sinistra è sempre pronta alla levata di scudi quando viene toccato un rappresentante della propria intellighenzia, ma lo stesso non accade quando questa viene tolta ad altre personalità a rischio. Una sorta di “soccorso rosso”, che a volte proviene da parte degli stessi che chiedono l’amnistia per terroristi come Cesare Battisti.

Dispiace farne una polemica politica, ma certe cose bisogna dirle: non possono esserci figli e figliastri. Ripeto, riassegnare la protezione a Ruotolo è sacrosanto, ma la revoca del servizio di scorta non può fare scandalo solo quando va bene alla sinistra. Fa specie che meno clamore mediatico abbia fatto l’assunzione dello stesso provvedimento a danno del colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo, colui che arrestò Totò Riina e che ha dovuto ricorrere al Tar nel quasi totale silenzio generale. A me hanno tolto la scorta nonostante le minacce dall’Isis e dai terroristi islamici. Evidentemente nessuno si scandalizza se ad essere in pericolo è una donna di destra che cerca di far aprire gli occhi all’Italia sul radicalismo islamico».

È quanto dichiara la giornalista ed ex parlamentare del Pdl Souad Sbai, Presidente dell’Associazione Donne Marocchine in Italia (ACMID).