Martedì, 26 Maggio 2020

Ultimo aggiornamento04:56:27 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

Incontro Sindacati-Bondi: Regione metterà le risorse ma ancora troppe incertezze

idi"La Regione ci paghera' la produzione dal 24 ottobre (data della presentazione del concordato preventivo,ndr) in poi, ma e' tutto legato alla riunione della Camera di consiglio del Tribunale fallimentare, in programma stasera". E'questo l'impegno preso dal commissario regionale ad acta per la Sanita', Enrico Bondi, cheoggi al ministero dell'Economia ha incontrato i rappresentanti sindacali dei lavoratori del gruppo Idi, in 1.500 senza stipendio da agosto. A spiegarlo  e' stato il coordinatore dell'Ugl Sanita' Roma Nord, Antonino Gentile, che ha partecipato all'incontro.
Siamo usciti comunque con tanti condizionali e nessuna certezza", ha detto Gentile, sottolineando che "il commissario e il dottor Romano, dell'assessorato regionale alla Sanita', si sono impegnati a interessarsi della nostra situazione, dicendosi, tra mille condizionali, pronti a sbloccare alcune somme per il pagamento degli stipendi, rivelando pero' che prevedono tempi duri per il gruppo Idi, legati soprattutto all'accreditamento delle strutture e alla presentazione del piano industriale all'interno del concordato, con cui si rischia il ridimensionamento".
La situazione sembra quindi ancora molto lontana dalla soluzione, anche se "Bondi ha detto di tenere molto al Gruppo Idi e ha garantito di avere il massimo appoggio da parte della Regione per tutto il tempo di cui ci sara' bisogno", ha detto sempre il rappresentante Ugl Sanita' al San Carlo di Nancy, Emiliano Luciano. "Ci saranno tempi duri, ma dobbiamo produrre, e per farlo serve aiuto per far funzionare i macchinari, a partire dalle Tac".
Aiuto che "la Regione ci ha garantito in toto con l'erogazione di risorse straordinarie, tenendo conto ovviamente della situazione economica dell'amministrazione per non creare problemi con il piano di rientro". Insomma, ha aggiunto Luciano, "piu' produciamo, maggiori saranno le rimesse della Regione", che per una mensilita' di piena produzione eroga alle tre strutture del Gruppo Idi 6,9 milioni di euro.
ntanto Bondi, ha concluso Luciano, "ha chiesto ai sindacati di collaborare con la proprieta' e appoggiarla, ma noi appoggeremo solo le situazioni a favore dei lavoratori e che rispettano i livello occupazionali. La mobilitazione continua".

Cetica sullo Sviluppo: «Da Nieri solo cattivi esempi»

stefano cetica.pg“La razionalizzazione delle sedi delle società regionali ha già permesso un risparmio di sei milioni di euro alla Regione e, in qualche modo, ha attutito il grave danno economico arrecato dall’affitto della seconda inutile sede della società Lazio Service che la precedente Giunta di sinistra ha voluto con un contratto sottoscritto, a poche settimane dal voto, per oltre quattro milioni di euro l’anno”. È quanto dichiara l’assessore al Bilancio della Regione Lazio, Stefano Cetica.
“L’ex assessore al Bilancio, Luigi Nieri – che oggi muove critiche all’operato di Sviluppo Lazio -  all’epoca non solo non ha impedito che quell’atto fosse compiuto, - conclude - ma ha anche lasciato che si assumessero, sempre in piena campagna elettorale, trecento persone. Quello di Nieri è un pulpito da cui vengono solo cattivi esempi”.

Giornalismo, Zezza: la legge Equo compenso passo fondamentale

mariella zezza“Con l’approvazione in Parlamento della legge sull’equo compenso il settore dell’editoria e del giornalismo compie un fondamentale passo verso il riconoscimento dei diritti dei giornalisti e delle altre figure specializzate. L’informazione è un settore così strategico per la vita democratica del Paese che non era più accettabile l’assenza di una regolamentazione dignitosa delle retribuzioni”. È quanto dichiara l’assessore alle politiche del lavoro e formazione professionale,  istruzione e diritto allo studio della Regione Lazio, Mariella Zezza.
“Nel Lazio – prosegue – il comparto dell’editoria è un elemento importante per l’intera economia regionale ed è per questo che ci siamo fatti carico d insediare un tavolo di confronto specifico con tutti i soggetti coinvolti. Proprio nell’ultima riunione, tenutasi venti giorni fa, auspicando la definitiva approvazione del provvedimento sull’equo compenso, ci siamo aggiornati con la calendarizzazione di un prossimo incontro dedicato proprio al precariato giornalistico. Sarà quella l’occasione per fare il punto sugli strumenti e gli incentivi regionali messi a disposizione delle imprese e dei lavoratori del Lazio e per illustrare le nuove opportunità finalizzate a promuovere l’autoimpiego, a sostenere le assunzioni, ad incentivare l’acquisizione di nuove competenze e all’alta formazione”.

Tutto pronto per l'evento "Oltre" a Marino

oltre"Oltre" è il titolo dell'evento che si terrà l'8 dicembre, alle ore 10, nel Palazzetto dello Sport al km 19 di via Appia, a Marino (Rm), di fianco al Palaghiaccio. "Oltre" sarà diretto da Adriano Palozzi, attuale sindaco della città di Marino e presidente della Cotral Spa, che, con l'obiettivo di farsi interprete dei bisogni e delle istanze del nostro tempo, sarà affiancato da personaggi della società civile per discutere e trattare i temi più importanti del vivere quotidiano. Le tematiche che saranno trattate riguardano le sfere più importanti dell'attualità: cultura, economia, sociale, politica. Il proposito è quello di dare all'opinione pubblica la spinta per elaborare una nuova prospettiva, prendendo spunto dall'osservazione oggettiva della vita reale. 
Ė un evento dedicato a tutta la famiglia: per i più piccoli sarà allestita un'area giochi

INTERVERRANNO

PER LA CULTURA ARNALDO COLASANTI, critico letterario e giornalista

PER L'ECONOMIA GIANCARLO CREMONESI, presidente della Camera di Commercio di Roma e presidente di Acea MASSIMO GARGANO, presidente della Coldiretti Lazio PIERCAMILLO FALASCA, economista e fondatore dell'Associazione 0+ ALESSIO PECORARO, ideatore di "Prima l'Italia" UMBERTO CRIVELLONE, imprenditore

PER IL SOCIALE ALESSANDRO RIMASSA, autore di "Generazione mille euro" FLAVIO RONZI, responsabile provinciale della Croce Rossa Italiana DON MARIO PIERACCI, sacerdote cattolico CLAUDIA SEBASTIANELLI, vedova brigadiere Sciotti FAUSTO GIANNI, prefetto ALESSANDRA FRAIEGARI, magistrato

PER LA POLITICA FRANCESCO ARACRI, deputato RENATA POLVERINI, presidente della Regione Lazio .

Borse di studio, pagamento della prima rata entro dicembre

borse di studio“La Giunta Polverini ha sempre salvaguardato le esigenze dei giovani garantendo loro non solo il diritto allo studio,  ma soprattutto quello al lavoro, con azioni concrete mai attuate nel Lazio. Penso al “Piano giovani” che con 40 milioni di euro finanzia assunzioni e l’avvio di start-up, piuttosto che alle borse di studio integrative per i figli meritevoli di lavoratori svantaggiati”. E’ quanto dichiara l’assessore al Lavoro e Formazione, Istruzione e diritto allo studio della Regione Lazio, Mariella Zezza.
“Quanto agli impegni di Laziodisu – prosegue Zezza - ci sono garanzie per il pagamento della prima rata della borsa di studio entro queste mese, con un sensibile aumento degli studenti beneficiari per la seconda assegnazione, a partire da gennaio. Si tratta di un tassello importante in un panorama ben più ampio di interventi: infatti le politiche per l’istruzione e la formazione dei giovani di questa regione hanno impegnato, in soli 30 mesi di governo, circa 400milioni di euro fra obbligo formativo, voucher di alta formazione, Its, tirocini, borse di studio, master e tutti gli altri progetti formativi finalizzati – conclude Zezza - all’inserimento nel mercato del lavoro”.