Venerdì, 19 Ottobre 2018

Ultimo aggiornamento02:31:37 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

Parapiglia animalisti contro Regione, sotto accusa Albino Ruberti

ruberti“Siamo profondamente basiti e indignati per il comportamento di Albino Ruberti,

capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio profumatamente pagato con soldi pubblici,

che - come immortala un video sul web – ha strappato i manifesti dalle mani degli animalisti in protesta e avrebbe usato

anche le mani contro i manifestanti, durante la manifestazione Pd “Piazza Grande”. Un comportamento fuori luogo, illogico,
intimidatorio, perpetrato da un uomo che ricopre un incarico di così elevato profilo. Sollecitiamo il presidente Zingaretti a prendere posizione sull'accaduto e a valutare seriamente la possibilità di sollevare Ruberti dalla posizione di capo di gabinetto. Se questa è la sensibilità della Regione Lazio verso le istanze animaliste, allora siamo messi davvero male”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito politico Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Reddito di cittadinanza, "potrebbero rimetterci i giovani Neet"

Disoccupazione“Purtroppo lo diciamo da tempo: l’Italia non è un paese per giovani e la politica fa poco o nulla per farcelo diventare.

Si guardino gli ultimi eventi istituzionali e le ultime azioni del governo giallo-verde. Così tanto per dirne una.

E si prendano, ad esempio, i NEET, not engaged in education, employment or training,

che tradotto sarebbero coloro che non sono impegnati nello studio, nel lavoro e nella formazione. Ai più, resta facile chiamarli "scoraggiati".
Bisogna ammetterlo: siamo una nazione che colpevolizza il fallimento in ogni modo possibile, invece di considerarlo uno dei possibili passi della crescita. I giovani devono sognare ed avere gli strumenti per realizzare il sogno, mostrandogli anche i casi di successo per restituire fiducia. Con un patto chiaro: si può fare, ma occorre sangue e sudore. Alla luce di tutto questo ci chiediamo: uno Stato che non riesce a garantire il lavoro ma si preoccupa di assicurare il reddito di cittadinanza è un Paese che progetta il futuro? Ci assale il dubbio, speriamo non diventi certezza, i NEET sono una fascia così poco considerata che probabilmente non saranno nemmeno inclusi nel reddito di cittadinanza, essendo per lo più a carico dei genitori e se i genitori sono abbienti non gli spetta. In ogni caso siamo di fronte ad un palliativo per tenere buoni gli elettori”.

Rivoluzione Animalista contro l'apertura della stagione venatoria

cacciaDopo le pre-aperture in numerose regioni, nella giornata di ieri è ufficialmente partita la stagione venatoria sul territorio italiano. E con essa, una carneficina di fauna selvatica, su cui non vogliamo e non possiamo sottacere. Quello che ci preoccupa, infatti, è l'indifferenza istituzionale di partiti, regioni e governo che a parole si professano implacabili difensori degli animali, salvo poi essere smentiti dai fatti e dall'immobilismo amministrativo nei confronti di una materia che avrebbe, viceversa, estremo bisogno di modifiche legislative. E anche quest'anno, purtroppo, la musica non cambia con le istituzioni che sembrano aver ceduto il passo alle lobby dei cacciatori, pronti al massacro degli animali per hobby e divertimento. Questo non possiamo accettarlo: come unico partito animalista in Italia, appoggiamo e rilanciamo le istanze delle associazioni, nelle scorse ore in piazza contro la riapertura della caccia. Al contempo, chiediamo agli organi competenti di vigilare attentamente sull'applicazione e il rispetto delle regole venatorie e di reprimere con forza ogni forma di bracconaggio e abbattimento illecito di animali”.

Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Caramanica: "Certezza pena per chi commette maltrattamenti su animali"

gabriellacaramanicaiii“Lo avevano maltrattato e abbandonato per giorni su un terrazzo, sotto il sole, senza farlo bere e mangiare. E così si è consumata la tragedia, l’ennesima, nonostante i soccorritori lo avessero trovato e i veterinari avessero provato a curarlo: Rocky, il rottweiler di Trapani, purtroppo non c’è l’ha fatta. Rivoluzione Animalista è indignata per quanto accaduto. La morte del quattrozampe riaccende ancora una volta i fari mediatici, non solamente sul maltrattamento degli animali, ma anche sui tempi della giustizia, troppo spesso lenta poiché persa nei meandri della burocrazia amministrativa e giudiziaria. L’auspicio, adesso, è che l’autore dei maltrattamenti ai danni di Rocky sia condannato ad una pena esemplare e, soprattutto, in tempi rapidi e certi. Troppo spesso gli autori di simili deprecabili gesti restano impuniti: tutto questo non lo possiamo più permettere. Ci adoperemo acciocchè venga approvato un Testo Unico di legge, e possano essere così inflitte punizioni esemplari, come avviene in altri Paesi anche della Comunità Europea, per chi abbandona un animale o ne provochi dolore fisico e psichico”

Confeuro-Ic: "Al fianco dei piccoli contadini dimenticati"

agricoltura“Il maltempo che ha colpito il nostro Paese negli ultimi giorni ha causato ingenti danni al sistema agricolo italiano, riaccendendo - più in generale - i fari mediatici sulla condizione precaria dei piccoli contadini dimenticati, per i diritti dei quali Confeuro e Iniziativa Comune si battano ormai da tanti anni. Un vero e proprio esercito silenzioso, quello degli agricoltori, che lo Stato emargina e munge come una mucca, facendo pagare tasse e balzelli. E dimenticando, al contempo, che sono proprio loro a rappresentare il vero volano del nostro Paese. Per questa ragione, chiediamo all'attuale governo, in particolare al ministro Centinaio, da sempre sensibile alle istanze del mondo dell'agricoltura, di essere al fianco dei contadini dimenticati, di portare le loro richieste in Europa: un mercato più trasparente, prezzi equi alla produzione, redditi adeguati, maggiori controlli sui prodotti importati a prezzi stracciati, più attenzione, a fronte di una agricoltura pulita senza tracce, e infine etichette chiare. Confeuro e Iniziativa Comune, dunque, chiedono con forza, che si ponga un freno alla spesa agricola deviata nelle tasche degli “esportatori - importatori” di prodotti avariati camuffati e venduti come italiani: è necessario puntare a convertire le aziende al biologico, biodinamico, agroecologia. In una parola l'Ambiente. L'agricoltura contadina italiana dev'essere riconsiderata. La qualità e l'eccellenza nascono anche dal modo in cui si semina e crescono le piante”. Così, in una nota, il presidente di Confeuro, Andrea Michele Tiso, e il portavoce di Iniziativa Comune, Rocco Tiso.