Martedì, 20 Febbraio 2018

Ultimo aggiornamento12:47:50 PM

  • Twitter
  • Info

Regione Lazio

I geologi tra aggiornamento professionale e nuove tecnologie

ORDINEGEOLOGILAZIOI Geologi del Lazio tra aggiornamento e nuove tecnologie. Per l’Ordine guidato dal presidente Roberto Troncarelli, infatti, la formazione rappresenta uno strumento fondamentale per aggiornare, incrementare e specializzare le competenze professionali. “Partendo da questi importanti principi - sottolinea Troncarelli - operiamo quotidianamente per promuovere lo svolgimento della formazione su tutto il territorio regionale, mettendo a disposizione dei nostri iscritti una variegata offerta formativa mediante l’organizzazione di numerosi corsi di studio e attività, nella consapevolezza maturata che quella del geologo è una figura sempre più richiesta sia nell’ambito pubblico sia privato”. Il 2018, dunque, si è aperto così come si era chiuso l’anno precedente: con la realizzazione di eventi, lezioni, giornate di studio al fine di implementare le conoscenze e le capacità dei professionisti che compongono l’Ordine. "Questa settimana - porta ad esempio la coordinatrice della Commissione Aggiornamento Professionale Continuo dell'Ordine, Giuseppina Bianchini - i Geologi del Lazio hanno organizzato un corso di Qgis base-avanzato, software molto utile per la gestione spaziale dei dati e finalizzato alla analisi e alla gestione dei dati territoriali. Il corso è stato tenuto dal geologo Giuseppe Cosentino, tecnologo presso il CNR, specializzato nei sistemi informativi territoriali per la gestione delle pericolosità geologiche e nella geologia applicata, e sarà replicato nella seconda metà di marzo a Roma e Fiuggi (FR)".

L’impegno dell’OGL è quello di offrire ai propri iscritti opportunità di approfondimento con proposte diverse e variegate che vorrebbero coprire tutte le specializzazioni delle scienze della Terra, privilegiando tematiche che volta per volta si propongono all’attenzione della categoria per aggiornamenti legislativi o per nuovi progressi della scienza e della tecnica. Cura, peraltro, direttamente gli aspetti organizzativi e operativi degli eventi al fine di permettere il contenimento dei costi di gestione e conseguentemente stabilire quote di partecipazione molto contenute se non addirittura nulle. "L’OGL - aggiunge il consigliere Gianluigi Giannella - è inoltre attento all’aggiornamento del quadro normativo, offrendo ai propri iscritti giornate di approfondimento che riguardano sia direttamente le nuove leggi emanate, sia le ricadute applicative che queste producono in ambito professionale”. Oltre ai corsi di aggiornamento, è ormai consueto e consolidato l’impegno dell’OGL nel proporre semestralmente ai neolaureati esercitazioni di preparazione agli Esami di Stato per l’abilitazione alla Professione di Geologo, con esempi pratici su casi di studio e chiarimenti sulla normativa vigente, coinvolgendo direttamente i professionisti come docenti al fine di cercare di ridurre il gap che purtroppo esiste tra Università e professione.

Regionali, Palozzi e Cartaginese fanno tappa a Marino

adriano palozziLa campagna elettorale entra nel vivo. Lunedì 19 febbraio, a partire dalle ore 18, il candidato di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio in vista delle elezioni del 4 marzo prossimo, Adriano Palozzi, farà tappa a Villa Appia, in via Appia Nuova 244, nel territorio comunale di Marino. All’iniziativa parteciperanno il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, il senatore Francesco Aracri, l’europarlamentare Alessandra Mussolini, l’esponente forzista Giorgio Simeoni, i candidati alla Camera, Maria Spena, e al Senato, Antonio Saccone, e il candidato di Forza Italia per il Consiglio regionale del Lazio, Laura Cartaginese, in tandem elettorale con Adriano Palozzi. Saranno presenti, inoltre, simpatizzanti, amministratori e quadri locali di Forza Italia Marino, guidato dal coordinatore Roberto Grossi. Cittadini e stampa sono invitati a partecipare.

Politica e professionisti a confronto sulla Sanità sociale

sanitasocialefordellonePolitica, istituzioni e professionisti a confronto su un settore chiave della nostra regione: la sanità. A organizzarlo Filippo Fordellone, noto odontoiatra e uomo impegnato nel sociale. “Sanità sociale. Una rete di servizi complementari al SSN”, il titolo del convegno andato in scena ieri pomeriggio in zona Appio, a cui hanno preso parte tanti cittadini ed esperti di settore. Presenti, inoltre, il consigliere regionale uscente e candidato in Consiglio regionale nella lista FI, Adriano Palozzi, accompagnato dall’altra candidata in quota FI, Laura Cartaginese, e dal senatore di Forza Italia, Francesco Aracri “Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato al dibattito, dove sono state esposte le idee ed i progetti dei due candidati al consiglio regionale del Lazio, Adriano Palozzi e Laura Cartaginese – ha sottolineato soddisfatto Fordellone - Un ringraziamento va anche al senatore Francesco Aracri. Si ringraziano inoltre, per i loro interessantissimi interventi, ricchi di spunti da cui poter trarre idee per nuove prospettive dal punto di vista sanitario, la dottoressa Federica Rendo, con la sua tematica sui giovani medici e la professione, la dottoressa Patrizia Pellegrini che ha introdotto la tematica sui nuovi fragili e il dottor Alessandro Spalletta che ha parlato degli strumenti a sostegno di una sanità sociale”.

Il convegno, ben diretto dal giornalista Daniele Imperiale, dopo gli interventi tecnici, ha affrontato gli aspetti politici con Palozzi, Cartaginese e Aracri che hanno fatto il punto sulla sanità laziale: “un tema che nel Lazio presenta diverse criticità – ha spiegato Aracri -. Liste d'attesa interminabili, mancanza di medicinali e i nostri malati costretti a cercare cure e interventi in strutture fuori dalla Regione Lazio. Questo è uno dei motivi per cambiare rotta il 4 Marzo rispetto alle politiche della sinistra che hanno messo in ginocchio un comparto importante come quello della Sanità”.

Sulla stessa linea pure la Cartaginese, che ha sottolineato come, nei suoi sopraluoghi negli ospedali della provincia di Roma, ha visto le problematiche che sono costretti ad affrontare medici ed infermieri, che nonostante tutto fanno un lavoro quotidiano di assoluto livello e professionalità. Così, invece, Palozzi: “Le politiche del centrosinistra, fatte di tagli lineari e riduzioni delle prestazioni, non hanno portato a nulla: non a caso, per la prima volta nella storia della Regione, i cittadini pagano 300 mln di euro di mobilità passiva. Combattere gli sprechi e investire sono le parole d’ordine: sblocco del turnover, ottimizzazione dei servizi ospedalieri, riduzione delle liste d’attesa, rafforzamento dei presidi territoriali, accesso semplificato alle cure per i soggetti con disabilità. Questo sarà possibile anche stimolando un'integrazione parziale e controllata di una sanità integrativa, privata, complementare e non antagonista al servizio sanitario”.

Politiche, appello di “Iniziativa Comune” ai partiti

roccotisoDopo le elezioni del 4 marzo 2018, rinnovato il Parlamento, l'Italia andrà incontro alla XVIII legislatura e ci sarà un nuovo governo. “Forse, ci saranno nuovi ministri e amministratori che non conosciamo e forse conosceremo solo dopo che il presidente della Repubblica avrà affidato l'incarico di formare il nuovo Esecutivo. Siamo dunque chiamati alle urne, ma conosciamo solo in parte i propositi delle forze politiche candidate al governo del Paese”. A parlare è Rocco Tiso, portavoce di “Iniziativa Comune”, neonato gruppo di Cooperazione e Proposte, composto da “Radici” (Raggruppamento corpi intermedi nessuno tocchi le radici), “Confeuro” (Confederazione degli agricoltori europei e del mondo) e “Soggetto giuridico” (Organismo di aggregazione intercategoriale e coinvolgimento dei cittadini). Iniziativa Comune, dunque, nasce per analizzare nel concreto le condizioni politiche, economiche e sociali in cui si ritrova il sistema Italia e per approfondire gli aspetti che riguardano il sistema delle piccole e medie imprese, in particolare del mondo dell’agricoltura, artigianato e commercio. “Settori nevralgici della nostra economia, motore del Belpaese che il nostro Stato - sottolinea Tiso - troppo spesso sottovaluta, se non trascura. Per questa ragione, abbiamo deciso di creare un soggetto civico, non ideologizzato né politicizzato, che nel rispetto dei valori fondamentali della Carta Costituzionale, cementifichi il pluralismo, le libertà associative, i diritti delle minoranze. E tuteli le migliaia di aziende italiane. Aziende, di cui “Iniziativa Comune” si fa portatore, proponendo alle forze politiche, in lizza alle elezioni del 4 marzo prossimo, un documento con le priorità del Paese.

Sul tema Ricco Tiso premette: “Da troppo tempo la politica è impegnata in schermaglie che sembrano avere l’obiettivo di stabilire chi, tra i partiti, sia il più accreditato per avere il privilegio di Governare lo Stivale, atteso che per celebrare la Democrazia non occorrono chissà quali grandi uomini. L'Italia ha bisogno solo di più gente onesta. La politica sembra non avere ritegno, spregiudicata fino a trasformare una competizione libera e democratica in un incomprensibile commercio del vento”, commenta preoccupato il portavoce di Iniziativa Comune. Che, quindi, detta la linea per ripartire: “Al fine di rappresentare le priorità, che a nostro avviso necessitano al Paese, abbiamo inviato un documento, approvato congiuntamente nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 25 gennaio scorso, nella convinzione maturata che l'Italia abbia bisogno del contributo di tutti, per riportarla nei margini di quella democrazia che abbiamo ereditato da quanti, per Lei, hanno dato la vita”. Sviluppando forme di crescente cooperazione e collaborazione-partnership tra istituzioni e comunità nei diversi comparti: agricoltura, artigianato, commercio, trasporti, ricerca, scuola, comunicazione, cultura. “Noi ci siamo, Iniziativa Comune c’è, ci auguriamo che anche i partiti ci siano, inserendo nella loro azione di governo tutte quelle sinergie continuative e stabili, sulla base di un programma condiviso di processi formativi e di comunicazione, dedicati all’eccellenza del Sistema delle medie e piccole imprese”, conclude Rocco Tiso. 

AslRm5, la questione personale "è nostra priorità"

aslrm5In relazione ad alcuni articoli pubblicati sulla stampa che descrivono “Una drammatica carenza di infermieri” presso l’ospedale di Tivoli e una paventata “Emergenza nel blocco operatorio” presso il nosocomio di Palestrina, la Asl Roma 5, ribadisce, come già fatto tempestivamente ed ufficialmente alle sigle sindacali che ha prontamente voluto incontrare, che l’Azienda si sta già adoperando con grande impegno e risultati soddisfacenti, seppur perfettibili, sulla questione della lamentata carenza di personale. Non a caso è stato deliberato il concorso per OSS e sono in arrivo nuove unità di personale infermieristico e medico. C’è quindi stupore e sorpresa nei confronti di queste azioni urlate. La Direzione strategica ritiene che la vera ricchezza dell’azienda sia costituita dal personale tutto delle varie professionalità e specialità e ne apprezza quotidianamente l’impegno e l’attaccamento ai propri doveri istituzionali e non mancherà di supportare con ogni giusta iniziativa il personale che in questi anni ha vissuto un periodo di grandi sacrifici per la progressiva riduzione dello stesso a causa del piano di rientro dal deficit. Questa Direzione è quindi aperta ad un confronto leale. Le azioni dell’Azienda devono e sono volte a rispondere alle aspettative dei cittadini in merito ad un servizio efficace ed efficiente in grado di rispondere alla domanda di sanità nella sua interezza. Sulla situazione dell’ospedale di Tivoli, in particolare del Pronto Soccorso, si precisa, contro ogni strumentalizzazione, che il personale già assunto da tempo per prestare servizio all’SPDC di Monterotondo sarà assegnato alla struttura di destinazione di prossima apertura e rimpiazzato “in maniera contestuale” dai candidati risultati idonei nella graduatoria formulata a seguito dell’avviso di mobilità espletato da questa Azienda. Si sta inoltre lavorando per redigere un nuovo progetto per il restyling del DEA tiburtino. In risposta ad una presunta situazione di emergenza nel blocco operatorio di Palestrina il Commissario straordinario e il Direttore Sanitario Aziendale della Asl Roma 5 ritengono doveroso ribadire ancora una volta che, seppure a pochi giorni dalla presa di servizio della nuova amministrazione, le problematiche rappresentate dalle sigle sindacali in relazione alle carenze di personale sono ben presenti e costituiscono per la direzione un impegno prioritario. Risulta peraltro da incontestabili ed oggettivi dati che le sedute operatorie presso l’ospedale di Palestrina non hanno subito interruzioni. Dal 31 gennaio al 9 febbraio presso l’ospedale di Palestrina sono stati effettuati 12 interventi di elezione, 5 urgenze e 9 APA. Elezione: 7 colecisti in laparoscopia 2 ernie 3 varici Urgenze: 4 occlusioni intestinali di cui 3 tumori e 1 volvolo 1 ernia strozzata. 9 APA. La Direzione strategica intende proseguire nella già avviata fase di rilancio delle attività globali della Asl Roma 5 altresì incrementando i punti di offerta assistenziale. Non chiudendo strutture e servizi, bensì offrendo alla popolazione ulteriori attività. Nessun “collasso” per l’ospedale Coniugi Bernardini di Palestrina ma una seria e progressiva azione di rilancio.