Domenica, 18 Agosto 2019

Ultimo aggiornamento01:26:58 PM

  • Twitter
  • Info

LITORALE

“Emotional power” e il potere del coaching, evento clou a Pomezia

nlsOgni essere umano ha già dentro di se tutto ciò che gli serve per rendere la propria vita un capolavoro, ricca di successi e risultati straordinari. Perché allora soltanto alcuni riescono ad ottenere questi risultati e a realizzarsi veramente ed altri no? Semplice, ogni giorno viviamo esperienze, paure, fallimenti e false convinzioni che non ci fanno agire come dovremmo e che quindi  fanno prendere alla nostra vita una direzione diversa da quella che vorremmo. In questo contesto si inserisce e torna a grande richiesta il corso “Emotional Power”, tenuto dal grandissimo Matt Traverso e previsto per il prossimo 21 e 22 Aprile dalle ore 9:30 alle 19:30,  presso il Centro di Formazione NLS Academy, in Via Campo Selva 30, a Pomezia. Questo imperdibile evento sarà preceduto da un’anteprima che si terrà il 22 Marzo 2018 dalle 19:30 alle 23:30, sempre nella sede di Nls. L’emotional power è un corso che ha come scopo quello di fornire ai partecipanti strumenti e tecniche applicabili nella vita di tutti i giorni e indispensabili per risolvere conflitti interiori, creare condizioni ideali per vivere in armonia con la propria testa, il proprio spirito e il proprio cuore.  Il suo motto è “ Se vuoi essere eccezionale, sii un’eccezione”, ed è proprio questo che il personal coach mirerà a fare in questa full immersion che sarà un vero e proprio viaggio trasformazionale per tirare fuori e sviluppare al massimo il proprio potenziale, aumentare l’autostima, rimuovere i propri limiti e diventare consapevole delle proprie risorse.  Con questo metodo si crea per tutti l’opportunità di imparare a conoscersi, comprendendo come credenze, regole e valori, siano alla base delle decisioni e quindi di qualunque obiettivo o azione. Le strategie proposte in questo corso sono ideali per raggiungere in modo efficace e con meno stress i propri obiettivi rivelandosi una vera e propria palestra emozionale  che permette di trasformare desideri in risultati straordinari. Matt Traverso è uno dei formatori e motivatori più seguiti degli ultimi anni, lavora con società internazionali di formazione e conduce training individuali con personaggi che vanno dal mondo dello spettacolo a stilisti, imprenditori, dirigenti, avvocati, atleti, formatori e persone comuni.

Tra i suoi clienti, solo per citare qualche nome, si contano realtà aziendali del calibro di Telecom Italia, Tecnocasa, American Express, RAS, Monte dei Paschi, Lloyd Adriatico e le Nazioni Unite. Anche molti VIP del mondo dello showbiz si rivolgono a lui per le sue sessioni di coaching one-to-one. In vent’anni di carriera ha tenuto duemila eventi dal vivo formando più di 100 mila persone in cinque continenti e il 21 e 22 Aprile finalmente lo avremo per l’unica volta quest’anno con questo corso qui a Pomezia presso la Nls Academy. NLS è l’azienda leader nel ramo della formazione personale e professionale e a breve spalancherà le porte ad altre sedi in tutta Italia e non solo, grazie al progetto on line già funzionante dallo scorso settembre. Infatti, Nls Academy, ha sviluppato e portato avanti metodi all’avanguardia, affidabili ed innovativi, che permettono ai suoi clienti di abbattere la necessità degli spostamenti e connettersi direttamente da qualsiasi parte del mondo in live streaming o in on-demand, oltre che poter partecipare live in sala. Questa, si avvale per i suoi corsi e master, di docenti accuratamente selezionati e ben posizionati sull’intero panorama italiano e internazionale, motivo per cui il grande Matt Traverso, ha deciso di essere parte integrante di questo fantastico progetto e condividere e dare la totale esclusività di questo corso in Italia a questa azienda. Questo imperdibile evento sarà preceduto da un’anteprima che si terrà il 22 Marzo 2018 dalle 19:30 alle 23:30 , sempre nella sede di Nls in Via Campo selva 30, Pomezia. È risaputo che uno degli obiettivi che accomuna tutte le persone in questo mondo è quello di vivere felicemente la propria vita, e quale modo migliore se non imparando a conoscere se stessi e soprattutto direzionando le proprie emozioni per il raggiungimento dei risultati desiderati? Ora che sai dove e quando sarà possibile apprendere come far diventare la tua vita un capolavoro, ricca di successi e risultati straordinari, non puoi mancare!

Pomezia, Palozzi(FI): "Finisce l'era Fucci. Ora cxd unito per conquista Comune"

Pomezia mun“Si è finalmente chiusa la fallimentare esperienza dell’amministrazione Fucci a Pomezia. Una delle pagine più tristi della storia politica recente, una pagina fatta di litigi interni e ambiziosi personali, che ha gettato la città pometina nel degrado e nella paralisi amministrativa. E che dimostra, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la cialtroneria e l’inadeguatezza del Movimento 5 Stelle. Si apre, adesso, un momento di speranza e di grande aspettativa per la comunità locale, che tra nemmeno tre mesi sarà chiamata a scegliere un governo finalmente stabile e responsabile. In questo delicato contesto, tutte le forze civiche e politiche di centrodestra dovranno lavorare con impegno e umiltà per una causa comune, un progetto univoco che rimetta al centro i diritti e le istanze delle famiglie di Pomezia: Forza Italia, dunque, è fermamente disposto ad avviare, con spirito democratico, un percorso basato su unione, competenza, dialogo e condivisioni di intenti al fine di essere protagonisti delle imminenti elezioni comunali e tornare a ben governare uno dei Comuni più importanti della Provincia di Roma”. Così, in una nota, il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

“Danni da gelo a colture di ulivi. Vergognoso rigetto da parte della Regione”

agricoltura“Aziende agricole in ginocchio. Raccolti di pregio bruciati dall’ondata di gelo e neve che a fine febbraio ha devastato le colture di oliva itrana della provincia di Latina e del Lazio. E Zingaretti che fa? Si volta dall’altra parte. Risponde, tramite la direzione regionale agricoltura, con un gran rifiuto alla richiesta di stato di calamità naturale per gravi danni al settore agricolo e olivicolo conseguenti ad avversi eventi metereologici avanzata dal Comune di Rocca Massima. Pone un cavillo burocratico sull’interesse di cittadini e di imprese che chiedono supporto e si vedono rispondere con indifferenza e inerzia. Una situazione che non si può che definire preoccupante sia sul fronte politico che amministrativo e che mi ha portato immediatamente, dietro sollecito degli agricoltori e del sindaco di Rocca Massima, Angelo Tomei, a scrivere una nota al presidente Zingaretti nella quale chiedo, richiamandolo alla responsabilità che il ruolo istituzionale che ricopre impone, di superare i vincoli burocratici e di rivedere la risposta inoltrata dalla Direzione regionale agricoltura, mettendo la stessa fermezza che si legge nel diniego a supporto di un’azione incisiva per superare l’emergenza accogliendo la richiesta avanzata di riconoscimento dello stato di calamità naturale. La delicatissima situazione di emergenza in essere, infatti, doveva e deve trovare nella regione Lazio la massima e piena diponibilità ad intervenire per dare risposte tempestive al territorio e alle aziende che lo rappresentano. Invece quello che ci si trova di fronte è solo l’ennesimo, perdurante, disinteresse di questa Regione e di chi la governa rispetto alle esigenze reali delle comunità che dovrebbe rappresentare. Tanto è che la richiesta avanzata dal sindaco del Comune di Rocca Massima è stata liquidata, tra l’altro con quella che potrei definire una velocità anomala da parte degli uffici regionali, con venti righe scritte in burocratese stretto. Siamo di fronte a danni alle colture di oliva itrana che dai primi rilievi effettuati, nonché da quanto emerge dalle denunce presentate dalle associazioni di settore, ammontano a migliaia di euro. Siamo di fronte a mesi di lavoro andati in fumo, a fatturati cancellati, a decine e decine di imprese che rischiano la chiusura senza un intervento immediato perché la loro unica fonte di reddito è stata spazzata via dal gelo e dalla neve. Ma per questa Regione quello che conta è la successione dei giorni sul calendario, è andare a cercare una scusa per giustificare la propria inerzia. Di fronte a tutto questo, di fronte alle responsabilità, oggi, come accaduto in precedenza, siamo costretti a dire che Zingaretti si è voltato dall’altra parte abbandonando al proprio destino migliaia di persone. E’ scappato sottraendosi al dovere di agire, facendosi parte responsabile delle soluzioni, per dare risposte a cittadini ed imprese. Se questi sono i presupposti su cui il neo rieletto presidente e la sua giunta intende, sulla scia di quanto non fatto nei cinque anni precedenti, gestire la regione Lazio durante la nuova Legislatura che si appresta ad intraprendere un cammino già non facile siamo ben lontani da quello che dovrebbe essere un governo del territorio responsabile e concreto. Ci auguriamo che si tratti di una svista altrimenti dopo il gran rifiuto di Celestino V quello più celebre diventerà quello di Zingaretti rispetto alle emergenze dei territori”.

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Civitavecchia, identificati gli autori del furto in pizzeria

poliziaautoAvevano nottetempo saccheggiato una pizzeria i due giovani civitavecchiesi denunciati dalla Polizia di Stato della citta' portuale. Il furto era avvenuto nella notte tra sabato e domenica; i ladri, dopo aver tagliato una finestra, avevano rubato vari generi alimentari- per un valore di circa 2.200 euro- due televisori e l'incasso della serata. Gli investigatori del commissariato diretto da Nicola Regna, scorrendo le immagini della videosorveglianza, hanno riconosciuti i due giovani; perquisendo la loro abitazione sono stati trovati i televisori e parte dei generi alimentari. La merce e' stata restituita al titolare della pizzeria mentre i due giovani sono stati denunciati in stato di liberta'. Cosi' in un comunicato la Questura di Roma.

Pomezia, intervista al sindaco Fucci che si ricandida con la civica

Pomezia munFabio Fucci, sindaco di Pomezia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Fucci si ricandida alle prossime elezioni con una sua lista civica. “La regola dei due mandati del M5S è una regola miope e lo dico con le parole di Di Maio –ha affermato Fucci-. Con Di Maio abbiamo fatto la campagna elettorale insieme, lui andava in giro nei comuni a dire: vi porto l’esperienza di Fabio Fucci dove il M5S amministra da anni e c’è bisogno di tempo per i risultati. Ha chiuso questa campagna elettorale dicendo: noi siamo per la meritocrazia, chi è bravo deve andare avanti. Con questa regola però quando sei diventato bravo ad amministrare te ne devi andare”.

“E’ da un anno che tento di far ragionare i vertici del Movimento su questo aspetto che rischia di mettere a dura prova la tenuta del Movimento spesso –ha spiegato Fucci-. Un anno fa da Pomezia partirono il consigliere regionale Valentina Corrado e l’allora capogruppo in consiglio comunale in direzione Milano da Davide Casaleggio a dirgli: Pomezia vuole ricandidare il sindaco Fucci alle prossime elezioni, perché il suo primo mandato è durato poco più di anno e non deve essere considerato un mandato pieno. Inoltre, abbiamo ottenuto ottimi risultati, c’è bisogno di continuità e ci sono i consensi, quindi cambiate questa regola. La risposta di Davide Casaleggio fu categorica: ve lo scordate proprio. Ci ha detto che questo è uno dei cardini del M5S e non si può sconfessare. Uno vale uno è un concetto affascinante, però io mi sento di poter dire che non tutte le persone sono in grado di ricoprire ruoli delicati”.

“Alle prossime elezioni comunali da una parte ci sarà il sindaco uscente, che è stato portato a modello per i risultati che ha conseguito e dunque, fatti alla mano, dovrebbe essere premiato –ha dichiarato Fucci-. Oggi invece il messaggio che si vuol far passare: avanti il prossimo, si ricomincia tutto da capo. C’è questa visione romantica per cui un’altra persona riuscirebbe a fare le stesse cose, io invece dico che la macchina amministrativa è un mostro complesso e c’è bisogno di anni prima di raggiungere l’esperienza per farla funzionare”.

“All’interno del mondo grillino la mia decisione di candidarmi con una lista civica è stata presa non bene. Queste regole hanno scavato un solco negli attivisti del M5S e ci credono. E’ complicato far comprendere che la mia scelta è la più logica possibile. Grillo stesso diceva che il M5S nasce per sparire perché, una volta selezionata una classe politica onesta che tiene al bene comune, il Movimento non ha più ragione di esistere. E’ proprio quello che sto facendo. La mia lista civica ha un vantaggio: avere il sindaco uscente. I cittadini che si troveranno a votare per il prossimo sindaco potranno scegliere se promuovere il mio operato dei 5 anni passati o se affidarsi a persone nuove che ricominceranno tutto da capo”.

“L’impegno e l’intensità con cui ho vissuto i 5 anni da sindaco e con cui intendo passare i prossimi 5 anni mi fanno pensare che dopo sarò un po’ stanchino. Penso però che nel momento in cui si trovano dei sindaci interessati al bene comune, che riescono a ottenere risultati, perché non dovrebbero andare avanti? Sono i cittadini che dovrebbero decidere”.

“Ringrazio il M5S per quello che mi ha dato, ma credo anche di aver dato tanto al M5S, perché l’immagine del buon governo di Pomezia credo sia stato anche un traino per le vittorie a Roma e in altre città. In Sicilia il M5S prende il 40% e non governa, alle politiche prende il 32% e probabilmente non riuscirà a governare. Dovrebbe valutare alleanze. Dovrebbe prendere consapevolezza che lì fuori c’è un mondo variegato che ha bisogno di essere ascoltato. Al 50%+1 non ci si arriva, quindi bisognerebbe aprirsi. Questo regolamento ferreo e rigido è molto limitante e non guarda al futuro”.

Politiche, Sacchetto(Leu): "Non ce l'ho fatta, ma esperienza bellissima"

costantinosacchettoDa Costantino Sacchetto, candidatosi per il parlamento in occasione delle scorse elezioni del 4 marzo, riceviamo e pubblichiamo:

"Le elezioni sono ormai alle spalle. Le analisi politiche anche ed io desidero chiudere questa esperienza con alcune parole,  
Come candidato ho cercato di dare il massimo, sempre con il sorriso e consapevole che si può fare sempre di più e meglio. Ho raccolto molti attestati di stima, ho conosciuto persone meravigliose ed ho praticamente girato ogni paese – città del Lazio, ma non siamo riusciti a fare la differenza purtroppo a livello nazionale. Nonostante ciò, il fatto che il risultato elettorale sia stato piccolo in termini percentuali non diminuisce la mia gratitudine e la responsabilità che mi sono assunto candidandomi. Ringrazio gli elettori e le elettrici che mi hanno votato e hanno votato Liberi e Uguali.

Un ringraziamento particolare lo esprimo alle amiche e agli amici che mi hanno sostenuto mettendo a disposizione idee, lavoro, tempo e danaro per fare la campagna elettorale, a voi amici dell’informazione, che avete permesso di farmi conosce in questo territorio difficile tramite mezzi di stampa.
La mia candidatura aveva un significato collettivo e plurale, che andava al di là della mia persona.  

Il voto popolare è una delle espressioni fondamentali della democrazia e i cittadini lo hanno espresso eleggendo i loro rappresentanti. Leggendo il voto attraverso una semplificazione vedo che i cittadini che si sentono minacciati e assediati hanno votato a destra e hanno preferito la Lega. Questo anche qui nel nostro territorio , dove la Lega ha doppiato Liberi e Uguali ma nonostante ciò abbiamo duplicato i nostri voti ne territorio tenendo ancora  in vita la Sinistra.

 Liberi e Uguali avrà una rappresentanza parlamentare – e sono felice perché nonostante sia minima ci sarà un punto di riferimento fermo dove poter continuare 5 anni di battaglie parlamentari.

Tanti ormai hanno fatto analisi del voto e delle ragioni della sconfitta e non pretendo di aggiungere anche le mie. Voglio fare però qualcosa di diverso, da convinto democratico e tifoso dei principi della Costituzione. Auguro a chi ha vinto le elezioni di riuscire a formare un governo e di governare bene, perché le condizioni di vita e di lavoro di molte persone, specie al centro sud, sono intollerabili ormai da troppo tempo e occorre ristabilire i fondamentali a partire dalla redistribuzione della ricchezza e dal contrasto delle politiche liberiste. In questo augurio c’è anche il desiderio che nessuno speri, per il bene del Paese e dell’Europa, che il Movimento 5 Stelle vada tra le braccia della Lega.

All’indomani delle elezioni politiche del 2013 Stefano Rodotà scriveva su La Repubblica (01/03/2013) che la seconda Repubblica lasciava dietro di sé solo rovine e che per dare una minima credibilità ad una prospettiva di governo occorreva stabilire le giuste priorità per disinnescare le tensioni sociali; occorreva avanzare proposte che avessero uguaglianza e dignità come loro fulcro; occorreva scrivere nuove norme sulla partecipazione dei cittadini, per riaprire i canali necessari alla comunicazione tra società e politica. Quelle istanze sono tremendamente attuali per restituire agli italiani e a chiunque viva sulla nostra amata terra la libertà dal bisogno e dalla paura.

Io sono un uomo di sinistra. Sinistra nel mio vocabolario significa essere con gli ultimi non solo in senso morale, ma sporcandosi le mani e rimettendoci del proprio; essere dalla parte dei lavoratori e dei pensionati, combattendo ogni scelta che crea povertà ed esclusione sociale e sottrae libertà e dignità all’esistenza; battersi per i diritti che sono di tutti, quale che sia il luogo del mondo in cui la persona si trova, a partire dalla salute, l’istruzione, il lavoro, l’ambiente e l’abitazione, che passano anche per quel concetto di beni comuni, dall’acqua alla conoscenza, che sono necessari alla loro attuazione.

Non sono stato eletto, ma da questa esperienza ho imparato molte cose.

Continuerò a fare politica, continuerò ad essere nel gruppo parlamentare, a lavorare nel gruppo in parlamento nelle associazioni e oltre, per dare ogni giorno il mio personale contributo alla costruzione di un Paese migliore, più giusto e inclusivo.

Continuerò ad essere un vostro punto di riferimento per portare le istanze locali a livello nazionale.
Auguri a tutte le donne del mondo!

Nasce un cucciolo di delfino. Zoomarine in festa

zoomarine89Una Festa della donna speciale, all'insegna di due delfini,

una madre e una figlia. Fiocco rosa a Zoomarine,

il piu' grande Parco marino italiano, che festeggia la nascita di un cucciolo di delfino.
Il piccolo, una femmina, sta bene,

viene allattato dalla mamma, e' lungo poco piu' di un metro e viene monitorato 24/24 da un team di veterinari e biologi marini. I genitori, mamma Leah e papa' King, interagiscono con il cucciolo che inizia a familiarizzare anche con gli altri delfini del Parco. Zoomarine, alla vigilia della festa della donna, annuncia quindi la nascita di questo piccolo esemplare di delfino femmina e chiama a raccolta il suo pubblico per sceglierne il nome. Tre proposte - Luna, Gioia e Lavinia - oggetto di un concorso sul web, con la possibilita' di votare il nome preferito tramite il profilo facebook di Zoomarine e vincere subito ingressi omaggio e buoni sconto. L'esito del concorso sara' comunicato ad inizio aprile, con il battesimo ufficiale del cucciolo di delfino. E la nascita di un delfino e' sempre un evento molto speciale, un momento di grande festa per Zoomarine.


Mattina di traffico e disagi sulle strade

trafficopontinaTraffico molto congestionato. Sul Grande Raccordo Anulare la circolazione è fortemente rallentata sull'intero anello: in carreggiata interna ci sono code dalla Cassia alla Roma-Fiumicino mentre in esterna dalla Cassia alla Nomentana. 1 km di code anche sulla Diramazione Roma sud dell'A1, da Torrenova al Raccordo per un veicolo in fiamme. Molto congestionato tutto il Tratto urbano della A24: 7 km di code da Settecamini alla Tangenziale est in direzione del centro. Incidente sull'Aurelia, il traffico è bloccato da Malagrotta a Gregorio VII anche qui verso il centro. Sulla pontina si rallenta verso Roma: da Aprilia sud a Pomezia nord per cantieri di rifacimento del manto stradale e piu' avanti dal Raccordo a viale Europa per traffico intenso. Le consolari, tutte trafficate in entrata a Roma: sulla Cassia da La Storta alla Giustiniana, sulla Nomentana da Tor Lupara a Colleverde, con ripercussioni sulla Nomentana bis da Colleverde a Marco Simone. Il traffico e' intenso anche sulla Prenestina da Ponte di Nona a via dell'Acqua Vergine. Sull'Ardeatina il traffico e' molto congestionato da Santa Palomba al Raccordo. Rallentamenti, infine, anche sull'Appia da Santa Maria delle Mole a Capannelle. Lo comunicava stamattina, in una nota, Astral Infomobilità.

Da fiaba a realtà: Cenerentola esiste

russooooCenerentola è una fiaba popolare originaria probabilmente della Cina, o secondo altri dell'Antico Egitto. Narrata in centinaia di versioni in gran parte del mondo, è parte dell'eredità culturale di numerosi popoli. Il focus geografico moderno si sposta nel nord ovest dell’Italia, in Piemonte esattamente in Valle Antrona e la protagonista, appunto Cenerentola, è Selena Russo: 22enne di Domodossola (VB), alta 1.74cm, molto talentuosa, modella. La vita della giovane Cenerentola cambia quando giunge in tutta la città la notizia che il 3 marzo 2018 presso il Regina Palace Hotel di Stresa (VB) si sarebbe tenuto un ballo organizzato dall’associazione APEVCO, a cura della Presidente Giovanna Pratesi. Con l'aiuto magico di una fata, la sua "fata madrina", Iolanda Frisa, maestra ricamatrice, e grazie alla stilista Maria Grazia Regazzi, la ragazza viene vestita di un meraviglioso abito principesco con un dettaglio che fa la differenza: la Risela, tradizionale pizzo locale. La Trina della Risela viene eseguita solo in Valle Antrona e fa parte della storia: San Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano, nel 1615 venne vestito con una cotta dal bordo decorato da una alta fascia di Risela. Soddisfatti gli organizzatori della partecipazione di Selena in questo evento unico ed indimenticabile, il Ballo delle Debuttanti, Selena ringrazia sentitamente il sindaco di Valle Antrona Claudio Simona, il vicesindaco assessore al turismo Marcello Valterio, la Presidente Giovanna Pratesi, la sua Vice Elena Quarato e tutto il suo staff, Lucia e Massimo Gagliardini di Valleantrona.com, ma soprattutto papà Rocco, mamma Nadia e sua sorella Giulia che la sostengono e la seguono sempre.