Martedì, 26 Settembre 2017

Ultimo aggiornamento07:46:11 PM

  • Twitter
  • Info

LITORALE

Ostia, tante opportunità per tutelare pesca e bellezze del mare

ostianuova
Tante iniziative e opportunità per sviluppare l’economia del mare  sono state presentate oggi presso la Casa del Mare di Ostia di RomaNatura. Una giornata di studio e confronto sui temi legati allo sviluppo sostenibile, ambientale ed economico delle risorse legate al mare: dalle opportunità del Fondo europeo Affari marittimi e Pesca (Feamp) alla pianificazione dello spazio marittimo, dall’Area marina protetta delle Secche di Tor Paterno al progetto Pesce a miglio zero e Slow Food.

“Attivare l’economia del mare può contribuire a offrire una reale opportunità di sviluppo, di occupazione e di coesione sociale”, ha dichiarato Carlo Hausmann, assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca. Il rilancio del settore della pesca e dell’acquacoltura avviene su più fronti. Il primo fra tutti è l’utilizzo del Feamp, che prevede circa 16 milioni di euro, e su cui siamo a un ottimo punto grazie alla proficua collaborazione con il Mipaaf. A oggi abbiamo aperto i bandi più importanti, per un impegno di spesa complessivo di circa 7,7 milioni di euro, quasi la metà dell’intera dotazione.

Gli investimenti attivati riguarderanno: attività dei Gruppi di Azione locale del settore Pesca (Flag), con oltre 2,1 milioni di euro; trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura con 2,2 milioni di euro; miglioramento dei porti, dei luoghi di sbarco, delle sale per la vendita all’asta e dei ripari di pesca con circa 1,3 milioni di euro;

investimenti produttivi per il settore acquacoltura con 1,7 milioni di euro; commercializzazione e promozione sui prodotti sostenibili della pesca e dell’acquacoltura con circa 350mila euro.

“Si tratta di aiuti – ha spiegato Hausmann – che sostengono progetti innovativi, capaci di mettere in moto un sistema integrato di sviluppo in chiave sostenibile, ambientale e soprattutto economico. Naturalmente per giungere a questi obiettivi fondamentale è il ruolo delle imprese, la loro capacità di lavorare in un’ottica multifunzionale e collettiva. Dobbiamo immaginare il settore della pesca non come un comparto a sé stante, ma come parte di un sistema capace di comunicare con altri settori come l’acquacoltura, il turismo, l’offerta enogastronomica, i servizi locali, le infrastrutture. Su questa strategia – ha concluso – siamo tutti chiamati a lavorare”.

“Chi pensa bene, mangia bene e viceversa. L’Arsial – spiega Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial – come braccio operativo dell’assessorato ha il compito di promuovere le eccellenze. L’economia del mare nel suo complesso vale nel Lazio 17,5 miliardi di euro, occupa 114mila persone e coinvolge 31mila aziende, di cui 3.253 nella filiera corta. Amo parlare di “economia di prossimità”, quello che Papa Francesco chiama nuovo umanesimo, nel settore della pesca come in tutti i settori agroalimentari. Il nostro obiettivo – ha aggiunto Rosati – è mettere in rete le donne e gli uomini, che sono parte del sistema a diversi livelli, per cooperare per competere”.