Martedì, 20 Febbraio 2018

Ultimo aggiornamento12:47:50 PM

  • Twitter
  • Info

LITORALE

Acquisizioni immobili abusivi, Carabella: "Stiamo lavorando ad un disegno di legge"

carabellaaaaContinua il tour di Simone Carabella, candidato al Consiglio Regionale del Lazio con Fratelli d'Italia, nella Capitale e nei Comuni della Provincia. La squadra del candidato si sta muovendo a bordo del comitato mobile, con il quale si è cercato di concretizzare nella maniera più efficace l'obiettivo di incontrare tantissime persone per condividere esigenze e progetti. "Uno dei problemi maggiormente sentiti è quello della casa - ha commentato Carabella, a seguito della tappa a Rocca di Papa, all'interno dei festeggiamenti per il Carnevale -. Sono tantissime le persone che vivono nella paura di vedere acquisite al patrimonio pubblico le proprie abitazioni, a causa di scelte malsane della politica che sta tentando di affrontare il problema dell'abusivismo facendolo ricadere sulla povera gente".
"Al centro del nostro progetto c'è proprio il diritto alla casa - ha aggiunto Carabella -, stiamo preparando un disegno di legge regionale sulla inalienabilità delle prime abitazioni e per riformulare i criteri di aggiudicazione delle case popolari, che devono necessariamente vedere ai primi posti i cittadini italiani". 

Cosentino-Sacchetto (LeU): "Al fianco i piccoli commercianti"

artigianato'Pensiamo ad un tavolo tecnico per porre regole certe che tutelino i piccoli commercianti dalla giungla dei venditori on line. Innanzi tutto rispetto delle norme fiscali (tra dazi d'importazione ed IVA evasa le differenze di prezzo arrivano al 40%); estensione anche ad altre categorie merceologiche del reverse charge, che, se applicato congiuntamente ad una severa politica comunitaria in materia di dumping, potrebbe portare risultati positivi; infine utilizzo dello split payment tra gli anelli della filiera caricando unicamente il cliente finale dell'Iva. Discutiamo queste proposte con le associazioni di categoria e lavoriamo insieme per una valida stragegia da sottoporre ai governi nazionale e territoriale, anche per fermare questa guerra commerciale gli uni con gli altri che non giova a nessuno, tanto meno ai cittadini, che vogliono continuare a percepire l'ospitalitá e la cortesia dei piccoli esercenti che colorano le vie delle nostre cittá'.

Lo dichiarano in una nota Danilo Cosentino e Costantino Sacchetto, candidati rispettivamente alla Regione Lazio e alla Camera con Liberi e Uguali, rispondendo alle sollecitazioni di alcuni esercenti commerciali locali.

Simone Carabella si presenta al grido di 'Prima gli Italian

carabellaaaaSono accorsi in tanti all'Aran Blu Hotel di Ostia per l'apertura della campagna elettorale di Simone Carabella, candidato alle elezioni regionali del Lazio con Fratelli d'Italia. Tanti i cittadini che hanno voluto far sentire il loro sostegno, molti dei quali con una storia di difficoltà e disagio da raccontare, che ha visto Simone adoperarsi in prima persona in loro aiuto. Persone vittime del vuoto amministrativo e politico, dell'indifferenza verso i più deboli, di una ingiustizia sociale che penalizza le famiglie italiane. Sono questi i fronti di azione in cui Carabella si è speso negli anni, riuscendo a costruire intorno a sé una squadra operativa in grado di fornire risposte e soluzioni lì dove regna il silenzio degli Enti preposti. Con determinazione e sguardo fiero Simone Carabella ha snocciolato, uno dopo l'altro, tutti i temi a lui più cari, circondato dall'affetto dei suoi tanti sostenitori, e preceduto dal dirigente nazionale di Fratelli d'Italia, Francesco Lollobrigida, dal presidente F.I.L.P., Salvetore Ronghi e da Maricetta Tirrito, presidente dell'associazione nazionale Laboratorio Una Donna.

"Do il benvenuto a Simone che lancia la sua candidatura per la conquista della Regione Lazio - ha detto Lollobrigida -, e potrà quindi dare il suo contributo al nostro dovere di riprenderci un Lazio allo sbando, con una sanità in crisi, trasporti invivibili, e nessun risultato concreto ottenuto. Noi sosteniamo alle Politiche Giorgia Meloni, unica donna in corsa, una persona sincera e che sta dalla parte dei cittadini, e sopratutto competente. Con lei portiamo avanti i nostri temi cardine che sono la necessità di far tornare ad essere i cittadini italiani una priorità assoluta, non vogliamo più sentirci ospiti nella nostra Nazione. Ci sentiamo dire che gli immigrati sono per noi una risorsa, perchè noi non facciamo più figli, senza pensare che così si stanno gettando le basi per una sostituzione etnica. Ci vuole un piano della natalità, bisogna investire sulla famiglia, perchè noi vogliamo che delle nostre risorse, create dai nostri padri, ne godano i nostri figli.  Dobbiamo restituire a questa Nazione la serenità - ha continuato Lollobrigida -, e questa si raggiunge con la legalità e  l'ordine.
Abbiamo bisogno di uno stato più leggero, con una defiscalizzazione che permetta ai cittadini di respirare, e soprattutto di trasformare le tasse in servizi di cui tutti possono godere".

"Simone rappresenta quella parte dello Stato che ora manca - ha detto Ronghi -, perchè c'è un grande problema sociale di cui gli Enti non si preoccupano. Con Simone saremo imbattibili perchè abbiamo la forza, l'entusiasmo e gli strumenti giusti per andare a moltiplicare i successi ottenuti fino ad oggi. Simone per noi è una garanzia perchè ha lottato per i più deboli quando ancora non era candidato, ed ora è venuto il momento di concretizzare questo impegno. Sarà importante però il messaggio di ognuno di noi, perché dobbiamo essere portavoce con la gente di un messaggio finalmente diverso".

Un grande applauso ha incorniciato l'intervento di Simone Carabella, che è partito da quella maratona per disabili a Roma in cui, spingendo per 42 km la carrozzina di un amico, si è visto superare da un ragazzo con un braccio solo. "In quel momento ho visto l'Italia - ha detto nella commozione Carabella -. Quel momento mi ha dato la speranza che tutto è possibile, dipende solo da noi. Noi crediamo che ricostruire il Lazio sia possibile" ha detto il candidato parlando di una sanità con tempi di attesa lunghissimi, del problema delle acquisizioni e demolizioni della prima casa, delle case popolari assegnate o addirittura occupate abusivamente da stranieri, del problema dei trasporti pubblici, presi d'assalto dagli immigrati che non pagano il biglietto, del problema della sicurezza.
"Lo sport è una soluzione sociale - ha detto Carabella, puntando su uno dei suoi baluardi -. Quanti ragazzi potremmo aiutare se lo sport fosse veramente accessibile a tutti, disabili compresi. Ma per farlo bisogna abbattere non solo le barriere architettoniche ma sopratutto quelle mentali".
"Dobbiamo pretendere un nuovo censimento per ripristinare la legalità e per modificare i criteri di assegnazione degli alloggi - ha aggiunto Carabella -, che devono vedere al primo posto gli italiani. Gli aiuti nel sociale sono viziati da una politica perbenista che pensa prima ad aiutare chi vine da fuori piuttosto che gli italiani. Io non ho paura a gridare con forza che gli Italiani devono venire prima, e che essere di destra per me vuol dire amare l'Italia e mantenere intatte le nostre tradizioni, le nostre radici e la nostra cultura, che devono tornare a sventolare sul tetto del mondo. E' giunto il momento, andiamo a riprenderci tutto".

Politiche, Costantino Sacchetto(LeU) scende in campo

costantinosacchettoCostantino Sacchetto, candidato nel collegio Lazio 01 - 03, Lista Liberi e Uguali. Responsabile del Dipartimento Esteri di Sinistra Italiana, per cinque anni è stato collaboratore di Claudio Fava, vice presidente della Commissione Antimafia, curandone le relazioni istituzionali, politiche e mediatiche.
Accettando la sfida di queste elezioni, ho deciso di mettere a disposizione della collettività la mia più che ventennale esperienza politica, in Italia e in Europa. Candidarsi nel collegio plurinominale Lazio 01 - 03 per la Camera dei Deputati in un territorio vasto e complesso, che va da Roma Sud a Tivoli, passando per i Castelli Romani fino a Nettuno, per me significa rivendicare quei cambiamenti che possono migliorare la vita quotidiana della nostra comunità rispondendo ai bisogni comuni di tutti i nostri cittadini, sia in termini di servizi e strumenti concreti, che di rispetto dei diritti. Questo vuol dire anche farsi portavoce delle esperienze, delle specificità e delle molteplici differenze ed istanze espresse da questo territorio, che meritano ascolto e soluzioni. Molte poi sono le buone pratiche da valorizzare e da cui ripartire insieme per cambiare un sistema economico e sociale sempre più distorto, che sta sgretolando le relazioni umane in modo direttamente proporzionale all'impoverimento economico, in assenza di investimenti, di piani di sviluppo a lungo termine, di opportunità future: queste sono le cause che hanno spinto migliaia di donne e uomini ad abbandonare il nostro territorio e la speranza di un futuro. 

È in uno scenario come questo che hanno attecchito le mafie. Nei Comuni di Anzio, Ardea, Nettuno, le organizzazioni criminali sono presenti da decenni, ma la crisi economica e l'insufficienza delle forze sentinella della legalità ne hanno visto una proliferazione senza precedenti. Per questo, forte anche della mia esperienza professionale, sarà una mia priorità l'impegno per la legalità e la lotta alle mafie nel nostro territorio. Sarò in prima linea affinché vengano rafforzati i presidi delle forze dell’ordine, in primis il nucleo investigativo del gruppo dei carabinieri di Frascati, competente per il litorale a sud di Roma, i Castelli romani, La Romanina, La Borghesiana e Tor Bella Monaca, tutte aree sensibili per la presenza di consorterie criminali. Oggi più che mai l’attività investigativa delle forze dell’ordine e della procura distrettuale antimafia di Roma hanno disvelato i poteri criminali nella capitale e nella nostra regione. Credo fermamente che la lotta alle mafie non possa essere delegata solo a magistratura e forze dell’ordine, ma debba essere un imperativo morale anche della politica e della cittadinanza, come ho appreso attraverso la mia esperienza di collaborazione con il vice presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Claudio Fava. Contro le mafie dobbiamo tornare a valorizzare i nostri territori, combattendo la paura, riannodando il tessuto delle relazioni economiche ed umane. Iniziamo dal restituire centralità alla fruizione dei beni paesaggistici, ambientali e culturali, che costituiscono il nostro patrimonio da valorizzare per attrarre nuovi flussi turistici e concretizzare opportunità di lavoro attraverso la vocazione di questo territorio ai servizi ricettivi, commerciali, residenziali e di intrattenimento. Altra questione alla quale porre mano con urgenza, vero dilemma per tutti noi, il potenziamento dei trasporti, come la linea ferroviaria tra Roma e Nettuno, la messa in sicurezza della Pontina e le criticità di quelli locali.
Infine le politiche abitative, strettamente collegate a quelle del lavoro. Anche nel nostro territorio la crisi economica ha colpito duro e ha comportato un forte aumento della precarietà abitativa, che si è caratterizzata nella difficoltà nel pagare i canoni di locazione o i ratei dei mutui, difficoltà aggravate dall'insufficienza di alloggi a costo sostenibile, in particolare pubblici. Uno sforzo va compiuto per affrontare la questione in maniera strutturale, attraverso il riuso degli immobili oggi inutilizzati e con il sostegno ancora più forte alle famiglie in difficoltà. Il mio impegno andrà quindi nella direzione di coniugare insieme diritto al lavoro, diritto ad un reddito adeguato, aumento dell’offerta di alloggi sociali ed un maggiore intervento a sostegno delle famiglie che rischiano l’esproprio a causa di mutui insostenibili.
Sarà difficile, ma non impossibile. Questo territorio mi appartiene e farò di tutto per restituire alle persone che ne fanno parte opportunità di sviluppo, migliori condizioni di vita, speranza per il futuro. 
 Se mi vorrete parlare, mi troverete anche sul treno - stazione Campo di Carne - dalle 7.00 del mattino, in direzione Roma, tutti i giorni.

Cotral, due verificatori aggrediti e spintonati a Sabaudia

cotral 4La Presidente e i vertici dell’azienda esprimono solidarietà ai verificatori aggrediti mentre facevano il proprio lavoro su una corsa San Felice Circeo - Roma.

Poco dopo le 15 a Sabaudia in località Bella Farnia, due agenti, un uomo e una donna, durante l’attività di controllo, sono stati spintonati e colpiti con due pugni al volto da passeggero privo del titolo di viaggio.

L’uomo è stato fermato dalle Forze dell’Ordine tempestivamente intervenute sul posto. 

Alitalia, lavoratori e sviluppo. Le priorità dell’aeroporto di Fiumicino

aeroportofiumicino45Si è svolto, presso la sede del Consiglio comunale, il convegno sull’aeroporto di Fiumicino nel quale è stata presa in esame la situazione presente e futura del principale scalo italiano e del Comune che lo ospita. Un incontro che ha approfondito le questioni legate al Leonardo Da Vinci, con particolare attenzione agli aspetti infrastrutturali, sociali e occupazionali. Tra i presenti il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, la Presidente del Consiglio comunale, Michela Califano, l’assessore regionale alle Politiche del Territorio e Mobilità Michele Civita, il deputato Emiliano Minnucci, l’Amministratore delegato di Aeroporti di Roma, Ugo De Carolis. Il convegno ha ospitato gli interventi dei professori Apolloni, Intrieri e Filippi, esperti di tematiche legate al sistema aeroportuale, alla questione Alitalia e all’impatto acustico. Contributi di rilievo anche da alcuni rappresentanti delle sigle sindacali e dal Comitato Fuoripista.

“Oggi è stata un’occasione importante per ribadire che l’aeroporto rappresenta una grande e importante realtà – dichiara il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino -  Non siamo mai stati contro lo sviluppo di Fiumicino sud, ma contrari all’idea di uno scalo sradicato dal territorio che lo ospita. Il nostro riferimento rimane il sedime attuale. Non possiamo continuare a parlare di quantità delle piste, ma dobbiamo invece migliorare la qualità dei servizi che lo scalo offre al suo interno, attraverso una riorganizzazione degli spazi, abbandonando l’idea di un secondo aeroporto per una riorganizzazione completa anche in termini di mobilità e infrastrutture con adeguati collegamenti viari e su ferro. Non possiamo poi ignorare i problemi legati all’occupazione. Assistiamo ad aziende legate all’indotto che vanno in crisi, falliscono e a subentri societari dove a pagare sono sempre i lavoratori. Bisogna creare le condizioni per un bacino unico aeroportuale – continua Montino -  ragionare per un tavolo ministeriale, alla presenza della Regione e degli attori principali dell’aeroporto, per un reimpiego, anche attraverso un processo formativo, che tuteli centinaia di professionalità che vivono nel precariato e nell’incertezza. Ultimi, ma non meno importanti, gli aspetti industriali. Mi riferisco soprattutto alla questione Alitalia e alla necessità di un suo rilancio. Il Comune di Fiumicino ha messo in campo una proposta di risanamento che chiama in causa le grandi aziende a partecipazione dello Stato che si occupano di trasporto, energia e manutenzione. Le ipotesi di un’acquisizione da parte di compagnie straniere rischia di veder disperdere la ex compagnia di bandiera, far scomparire un asset importante della nostra economia. Ci concentriamo sugli esuberi, su piani lacrime e sangue senza pensare a mettere in campo soluzioni per eliminare sprechi e inefficienze.

Non dobbiamo dimenticare che l’hub internazionale è il più grande e importante polo industriale del centro-sud. Oggi, in questo convegno, ne abbiamo ribadito il ruolo centrale per il nostro territorio ma anche per la Regione Lazio e – conclude il sindaco - per tutto il sistema Paese”

Litorale, politica e stampa a confronto su corruzione e mafia

locandinamafiaSabato 13 gennaio - Ore 16.00

“I N F I L T R A Z I O N I  M A F I O S E   E  C O R R U Z I O N E   N E L  L I T O R A L E  R O M A N O”

Una risposta politica

INTRODUZIONE DEI LAVORI: Enzo Toselli – MDP Anzio

“Esperienze e testimonianze”:

Parteciperanno:

Simonetta Pagliaricci – SI Anzio;

Maurizio Carrozzi – SI Ostia;

Elisabetta Bonanni, redattrice ‘Il Clandestino’;

Maurizio Marinozzi - Aprilia; Linda Di Benedetto, redattrice ‘L’Eco del Litorale’;

Alessandro Magliozzi – Reti di Giustizia Anzio-Nettuno 'Don Cesare Boschin';

Francesca Cavallin, collaboratrice ‘Latina Oggi’ e ‘Il Pontino’;

Edoardo Levantini – Associazione Coordinamento Antimafia Anzio-Nettuno;

Marcello Bartoli, collaboratore ‘Il Caffè’;

Claudio Pelagallo – Responsabile Legalità e Antimafia Federazione SI;

Roberta Sciamanna, redattrice 'In Libera Uscita'; Angelo Perfetti, direttore ‘Il Faro on line’. 

Tavola rotonda "Lo stato della lotta alle organizzazioni criminali mafiose nel litorale sud romano e pontino"

Modera: Luca Brignone – SI Anzio 

Partecipano:

Corradino Mineo – Senatore e membro Commissione Antimafia SI - Lista Liberi e Uguali

Nicola Stumpo – Deputato Art. 1 - MDP - Lista Liberi e Uguali

Federica Angeli – Giornalista di inchiesta “La Repubblica”

Massimo Cervellini – Senatore SI - Lista Liberi e Uguali

Sono invitati a partecipare tutte le associazioni, i comitati e le forze politiche del territorio   
Hotel Lido Garda – Largo Caboto, 8 - Anzio


Nettuno, Verrelli: "Fabio Amati nuovo coordinatore FI Giovani"

finettunosmallÈ Fabio Amati il nuovo coordinatore di Forza Italia Giovani Nettuno. Il giovane azzurro, fresco di incarico, ha dichiarato: "Ringrazio il coordinatore Provinciale Alessandro Verrelli per la fiducia e per la stima dimostrata dandomi questo incarico. Lo onorerò lavorando al massimo per il bene del partito e di Nettuno tutta. In un periodo di grande distaccamento dei giovani dalla politica, Forza Italia Giovani ha il compito di riavvicinarli e di tornare a farli innamorare della cosa pubblica. Coinvolgere quanti più giovani possibile, questo è quanto ci prefiggiamo come movimento giovanile, grazie anche all'aiuto e al sostegno della nostra coordinatrice Enrica Vaccari, sempre presente sul territorio e guida sapiente per tutti noi." A seguire le parole di Alessandro Verrelli, coordinatore Forza Italia Giovani Provincia di Roma: "Fabio è un ragazzo capace, onosto, competente. Sono sicuro saprà essere un valore aggiunto per il movimento giovanile e per il partito tutto. A lui faccio i migliori auguri di buon lavoro, convinto che i risultati e le soddisfazioni non tarderanno ad arrivare."

Porti, Si rafforza l'asse tra Civitavecchia e Barcellona

civitavecchia2Si rafforza l'asse tra Civitavecchia e Barcellona: l'obiettivo e' integrare le catene logistiche tra i due porti nell'ambito delle Autostrade del Mare. Dall'Unione europea e' infatti arrivato il via libera al cofinanziamento del progetto 'BClink: Mos for the future', pari a oltre 21 milioni di euro complessivi, di cui 2,2 milioni costituiscono un contributo a fondo perduto per il solo porto di Civitavecchia. I dettagli sono stati presentati questa mattina a Roma, nella sede di Confitarma, dal presidente dell'Autorita' di Sistema portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo. "Questo progetto contribuira' a efficientare i collegamenti e a incrementare i traffici tra i due porti di Spagna e Italia- ha spiegato- grazie anche alla presenza di un armatore come Grimaldi, che da anni effettua un servizio regolare di linea tra i due porti del Mediterraneo e con cui proprio nei giorni scorsi abbiamo sottoscritto un protocollo d'intesa volto a potenziare la presenza del gruppo nel nostro scalo in una forma piu' strutturata con la definizione di target di traffico sia per l'automotive che per i passeggeri. (Dire).