Giovedì, 21 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento10:50:53 AM

  • Twitter
  • Info

SPORT

L'INTERVISTA - Giovanni Malagò: "Per l'Italia ora basta passi falsi"

malagoIl presidente del Coni, Giovanni Malagò, è stato ospite questa mattina, con il popolare giornalista Marino Bartoletti,

della prima puntata stagionale di “Pezzi da 90” condotta da Massimo Boccucci sull’emittente umbra Radio Onda Libera.

Presidente Malagò, non ci sono mai mezze misure nel calcio di fronte a un risultato: entusiasmo o delusione. Le critiche in queste ore sono feroci. Quanto è dura da digerire la lezione degli spagnoli?

“Bisogna digerirla per forza, altrimenti una situazione complicata diventa esageratamente complicata. Si deve saper perdere e programmare subito il riscatto ripartendo dagli errori per non ripeterli”.

Cosa in particolare non l'ha convinta a Madrid?

“Non entro nel merito delle questioni tecniche, ma la verità è che purtroppo sugli episodi e sull'atteggiamento le cose non sono andate come dovevano andare. E' stata persa una battaglia, però la guerra sportiva continua e conta soprattutto quella. Ora basta con i passi falsi da qui a novembre. Dobbiamo prepararci bene anche per l'eventuale spareggio”.

In Europa sono stati spesi oltre 4.000 milioni in questa sessione estiva del calciomercato e l'Italia con 820 milioni è dietro alla sola Premier League inglese. Lei pensa che si è presa la direzione degli investimenti intelligenti o considera la spesa eccessiva?

“Le cifre sono considerevoli. L'aspetto fondamentale è il rispetto delle regole, cioè se tutto è stato fatto tenendo conto del fair play finanziario. Abbiamo visto che Roma e Inter sono state sottoposte a vincoli rigidi e si sono comportate di conseguenza. Il Milan è stato più libero di agire e ha ricostruito. Il fatto è che in generale ci sono dei club con dei proprietari ben definiti e ce ne sono altri in mano a uno Stato o a un fondo. Questa cosa non mi piace”.

Stadi da ammodernare o da rifare: le sfide vinte a Torino, Udine e prima ancora a Reggio Emilia fanno da traino?

“E' un processo obbligato, si deve partire da lì. Mi sono speso tantissimo su questo e non riguarda solo il calcio, perché una disciplina sportiva per essere competitiva e portata avanti al meglio deve avere gli impianti adeguati. E' come la casa per una famiglia. Sono stati bravi a Torino, così come Pozzo e Squinzi. Agli inizi degli anni '90 sono state fatte delle scelte sbagliate. Non solo noi nel tempo abbiamo commesso errori, penso alla Germania che prima del 2006 era depressa e non riusciva ad avere una Bundesliga appetibile. Poi i tedeschi hanno saputo valorizzare bene il proprio prodotto e gli impianti sono stati determinanti. Da noi c'è un discorso condizionato dalla proprietà degli stadi: sono dei Comuni che li danno in concessione alle società, per nulla propense a investire soldi su qualcosa che non è loro”.

Cresce l'attesa per il campionato di nuoto mezzo fondo

neminuotoCresce l’attesa per Domenica 3 settembre presso il lago di Nemi di una delle più importanti tappe del Campionato Italiano di Nuoto di Mezzo fondo organizzato dal Comune di Nemi insieme alla Federazione Nazionale di nuoto patrocinata dal Coni e con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio.

Oltre 300 atleti partecipanti. La giornata vedrà svolgersi una prima gara di mezzo fondo alle ore 10:30 ed una seconda di un Miglio Marino alle ore 14:30. Tra i partecipanti anche molti Atleti Paralimpici coinvolti grazie a Giorgio Carestia Delegato Regionale della  Finp insieme al Consigliere Gianluca Cacciamano che hanno scelto ilo scorso anno il lago di Nemi come campo di prova per le Olimpiadi svolte in Brasile.

Il Campionato, da giugno a settembre, interesserà cinque regioni italiane per altrettante tappe in mare o nei laghi: dopo Vietri sul mare in provincia di Salerno arriva la nostra Nemi sull’omonimo lago nel Lazio a pochi passi dalla capitale e poi ad Arona. 
 
Sul posto anche il sindaco Alberto Bertucci con l’amministrazione al completo in veste di volontari al servizio dell'organizzazione. Per la sicurezza dei nuotatori e dei numerosi spettatori attesi, opereranno  i Carabinieri della locale stazione, il reparto subacqueo dell'Arma, la Protezione Civile comunale  con il supporto dei colleghi del commissariato di Genzano e la Polizia Locale  

Il Centro ittico "Catarci"  ospiterà la partenza e l'arrivo dei centinaia di atleti di ogni età, bambini, giovani, mezza età e anche qualche nuotatore intorno ai sessanta. Tra gli atleti più importanti annoveriamo al momento Laura Palasciano,  Antonello La Veglia, Cristina Tarantino un doppio Record Europeo nei 1500 sfruttando anche il passaggio agli 800 stile e Tre Record alla prima dei Campionati Regionali Master Lazio.

Una bellissima maratona in acqua, lungo il perimetro del lago con un gran Finale in piazza Umberto Primo a Nemi, con la premiazione dei vincitori alla presenza del primo cittadino Bertucci alle ore 17.00.

Con piacere torniamo a riproporre una manifestazione di alto livello sportivo – ha dichiarato  Alberto Bertucci - che intende promuovere Nemi non solo per le famose fragoline, le  sue bellezze storiche e archeologiche, ma anche per l’importante patrimonio ambientale come il lago ormai di livello internazionale per le sue particolarità e bellezze. Anche – quest’anno – conclude Bertucci - è stata imponente la macchina organizzativa che conta decine di volontari e esperti del settore come  il tecnico federale Amedeo Spanò e il fiduciario Coni Pierpaolo Manzetti che ringrazio tutti per il lavoro svolto.

Var, l'ex arbitro De Santis: L'arbitro si sta rifugiando nel mezzo televisivo, così non si capisce più chi è bravo e chi è scarso

pallone"Fallo su Perotti? Se uno sbaglia pure rivedendo le immagini in tribuna tranquillo c'è da preoccuparsi. Bisognerebbe dare una possibilità per tempo alle due squadre e una all'arbitro di rivedere un episodio con il var, poi basta"

L'ex arbitro Massimo De Santis è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Sport Academy” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. 

"Il var nasce per dare sostegno all'arbitro in situazioni difficili -ha spiegato De Santis-. Il problema è che qui non si capisce più quali sono le situazioni difficili che un arbitro deve affrontare durante la gara. Mi sembra più che l'arbitro si stia rifugiando nel mezzo televisivo per cercare di portare a casa una partita senza errori. Oggi come faccio io a capire qual è l'arbitro più bravo o meno bravo al quale affidare una partita difficile se oggi le decisioni più complicate vengono fatte con l'ausilio del var. E soprattutto, se dopo l'ausilio del var l'arbitro prende una decisione sbagliata come è successo sabato a Genova, come faccio a capire se ha arbitrato bene o male? Così si va a perdere l'istintività, la personalità e la forza decisionale dell'arbitro, togliendo a questi arbitri la percezione del fallo che avviene dentro l'area di rigore. Mi sembra che gli arbitri si rifugino dietro il var".
 
Il fallo su Perotti in Roma-Inter. "Se oggi un arbitro che è in tribuna, in una posizione tranquilla, con un mezzo televisivo, sbaglia sul valutare l'intervento su Perotti io comincio a preoccuparmi. Significa che questi arbitri non sono più portati a prendere decisioni e a capire quello che succede in campo" ha osservato De Santis. 

Potremmo andare incontro a un problema –ha aggiunto De Santis-: il frame che io vado a vedere mi dice se c'è stato il tocco, ma l'entità del tocco la percepisco solo io che sono in campo. Altrimenti il tocco in area e la tirata di maglia saranno sempre rigore. Se il prossimo anno decidessero di togliere il var avremmo una classe arbitrale che non sa più decidere".

Soluzioni. "Bisognerebbe dare una possibilità per tempo alle due squadre e una all'arbitro di rivedere un episodio con il var, quindi sarebbero tre possibilità per tempo. Esaurite quelle tre, io non posso andare ad oltranza ad utilizzare il var" ha concluso De Santis.

Grigor Dimitrov trionfa nel 'Western&Southern Open' di Cincinnati

tennis678 IL ventiseienne bulgaro, numero undici della classifica mondiale, ha battuto in finale in due set, 6-3, 7-5, l'australiano Nick Kyrgios, numero 23 del ranking Atp, dopo un'ora e 25 minuti.
Lo scrive l'AdnKronos.

Chiave del successo sportivo puo' stare anche nell'intestino

allsportIl successo nello sport? E' anche questione di batteri nell'intestino. Ce ne sono alcuni specifici che possono aiutare le performance atletiche, smaltendo l'acido lattico che "affatica" i muscoli.

E' quanto emerge da una ricerca guidata da Jonathan Scheiman, della Harvard Medical School, presentata al 254/o National Meeting & Exposition dell'American Chemical Society.

Per lo studio sono stati raccolti su base giornaliera campioni fecali di 20 atleti che si allenavano per la maratona di Boston del 2015, una settimana prima dell'evento e una settimana dopo.
I ricercatori hanno sequenziato i genomi dei batteri delle feci, per capire quanti e quali tipi di microbi abitassero i campioni fecali. Quando hanno confrontato quelli prelevati pre e post gara, hanno riscontrato un picco improvviso di un particolare tipo di batteri dopo la maratona, quelli che scompongono l'acido lattico.
Durante l'esercizio intenso, il corpo produce piu' acido lattico del solito, cosa puo' portare ad affaticamento e dolore muscolare. La presenza di batteri che scompongono questo acido favorisce l'efficienza muscolare e quindi la prestazione sportiva. (ANSA).

Torre Angela calcio, è ufficiale: i 2002 faranno i regionali

pallaRoma – Il Comitato regionale del Lazio ha ufficializzato gli organici dei prossimi campionati giovanili e per il Torre Angela c’è stata una splendida notizia: il gruppo dei 2002, che nella passata stagione si è piazzato al secondo posto nel campionato Giovanissimi provinciali sotto la guida di mister Alessandro Villanucci e in seguito anche di Maurizio Sacconi, è stato ripescato tra i regionali. Una notizia storica per il Torre Angela che sublima i sette anni di lavoro fatti dal club capitolino nel nuovo centro sportivo di via Amico Aspertini. «Per la prima volta da quando siamo nel nuovo centro avremo la possibilità di giocare un campionato regionale – dice il presidente Roberto Ciani – Una notizia che ci riempie d’orgoglio e che è il giusto premio per un lungo e certosino lavoro fatto sul nostro settore giovanile. Non è un caso che quello dei 2002 è un gruppo “costruito dalle fondamenta” quasi totalmente all’interno del nostro club, partendo dalla Scuola calcio. Siamo davvero felici che i nostri ragazzi possano affrontare questa nuova sfida». Dunque il Torre Angela sarà presente ai nastri di partenza degli Allievi regionali fascia B: il via alla preparazione è fissato per il prossimo 30 agosto e il gruppo sarà guidato da mister Enzo Calvanese, uno dei tecnici di più lunga militanza nel club capitolino. E’ chiaro che il salto di categoria comporterà tutta una serie di difficoltà da affrontare, ma il Torre Angela è pronto a dare battaglia. «Non sono preoccupato – dice il presidente Ciani -, sono convinto che riusciremo ad allestire un buon gruppo perché la base dello scorso anno rappresenta una garanzia importante. Ci sarà da definire qualcosa e lo faremo in tempi rapidi, ma questa categoria regionale vogliamo tenercela stretta visto che abbiamo lavorato tantissimo per cercare di conquistarla». La nuova avventura sta per cominciare: il Torre Angela cercherà come sempre di curare i dettagli, affrontando a testa alta il campionato Allievi regionali fascia B.

Missione compiuta, la maglia di Francesco Totti nello spazio

tottifrancesco45"Occhi al cielo... magari si vede da quaggiu'! Grazie OfficialAsRoma e Avio_Group per questo omaggio 'spaziale'".

Cosi' Francesco Totti ringrazia con un cinguettio su Tweeter il regalo della Roma:

la sua maglia infatti è stata lanciata nello spazio grazie ad Avio, nel vettore Vega, progettato e realizzato in Italia, che e' partito dalla Guyana francese.

Fiumicino, calcio serie D: presentazione in grande stile per la Sff Atletico

palloneE’ stata presentata  ieri mattina, presso l’aula consiliare del Comune di Fiumicino, la SFF Atletico, squadra che disputerà il prossimo campionato di Serie D di calcio. Oltre ai dirigenti della società, allo staff tecnico e all’intera rosa, erano presenti diversi rappresentanti dell’Amministrazione comunale, tra cui il sindaco Esterino Montino, la vicesindaco Anna Maria Anselmi, la presidente del Consiglio Comunale Michela Califano, l’assessore allo Sport Paolo Calicchio.

“Il nostro territorio –ha affermato il sindaco Montino – è composto da tantissime realtà. L’esordio in questo campionato importante è un salto professionale molto impegnativo, un nuovo avvio che  guardiamo con interesse. Noi, come Comune, stiamo tentando di dare delle risposte e una certa prospettiva in termini strutturali. Le nostre località hanno spazi per lo sport ma stiamo facendo un lavoro per fare qualcosa di molto più consistente”.

“Faccio i miei complimenti ai ragazzi e a questa società –ha commentato la presidente Califano - nata dalla fusione di tre realtà diverse. E’ sintomo di una mentalità vincente e di un gruppo che punta a risultati di livello”.

“Siamo davvero felici –ha affermato l’assessore Calicchio – di aver ospitato la presentazione ufficiale della squadra in aula consiliare. E lo siamo ancora di più pensando a come è nata questa nuova società sportiva, all’impegno profuso dai dirigenti e a quello dei giocatori che compongono la rosa che, sono sicuro, non disattenderanno le aspettative. Un grande in bocca al lupo a tutti”

“La presenza di questa squadra in aula consiliare –ha spiegato la vicesindaco Anselmi – ha aggiunto un altro tassello al nostro palmares di Comune votato allo sport. E’ importante, anche per la salute, che lo sport venga praticato sul campo e non solo visto dalla tv”. 

Serie A, prima giornata: la Roma a Bergamo. Lazio in casa con la Spal

serieatim2018Serie A, ci siamo quasi. Queste le partite della prima giornata della stagione 2017/2018 del Campionato italiano,

in programma nel weekend del 19-20 agosto

come stabilito dal sorteggio effettuato nella sede di Sky, in quel di Milano:
Atalanta-Roma; 
Bologna-Torino;
Crotone-Milan;
Verona-Napoli;
Inter-Fiorentina; 
Juventus-Cagliari;
Lazio-Spal;
Sampdoria-Benevento;
Sassuolo-Genoa; 
Udinese-Chievo.