Lunedì, 16 Settembre 2019

Ultimo aggiornamento04:59:36 PM

  • Twitter
  • Info

Maritato sul Governo: "Conte marionetta dei poteri forti?"

michelmaritatoQuanto accaduto politicamente in questo ultimo mese, i fatti che hanno portato all’inciucio per il Conte Bis, oltre a dimostrare quanto grillini e dem siano attaccati alla poltrona, paleserebbero in maniera piuttosto chiara come dietro la caduta del governo gialloverde ci potrebbe essere stata la regia dell’Unione Europea e dei poteri forti internazionali, insofferenti alla presenza dell’ex ministro Salvini e pronte farlo fuori appena si fosse presentata l’occasione propizia. Il tutto dietro la regia dell’ex premier Renzi e l’ok di Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Fantapolitica? Utopia. A noi non sembra proprio. Quello che è certo è che questo governo non rappresenta il nostro popolo, è un governo che il popolo non ha scelto e che rischia di non rilanciare il sistema Italia. Chiediamo al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di fare chiarezza, di confermare o smentire che siamo le marionette dell’Europa. Siamo davvero molto preoccupati ma non ci abbattiamo: continueremo a difendere a spada tratta la sovranità e la comunità della nostra nazione”.

Così, in una nota, Michel Emi Maritato, già candidato sindaco al Comune di Roma.

Cittadini e centrodestra in piazza contro il "governo delle poltrone"

cacc“Diciamo basta a questo governo di cialtroni e incompetenti.

Questa mattina ho partecipato alla manifestazione in piazza Montecitorio, organizzata dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Eravamo in tantissimi in difesa della democrazia

e contro il “governo del poltronari” democratici e a cinque stelle, che stanno dando vita a un esecutivo inadeguato e

politicamente ambiguo, incapace di risolvere le criticità sociali ed economiche che attanagliano il nostro Paese.

E’ quanto mai chiaro che Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sono ben saldi e attaccati alle poltrone e, a colpi di inciucio, sono disposti a snaturare loro stessi pur di non ridare il voto agli italiani, che peraltro li boccerebbe senza mezza termini. Il monito della piazza, la piazza dei cittadini, non deve essere sottovalutato dal premier Conte, che oggi alla Camera ha snocciolato un discorso vuoto, aleatorio e privo di qualsivoglia peso politico. Noi, da parte nostra, faremo opposizione senza sconti, continueremo a difendere la nostra sovranità e a tutelare la nostra comunità”.

Così, in una nota, Michel Emi Maritato, già candidato sindaco del Comune di Roma.

Il Conte bis è realtà: al via l'avventura del governo giallorosso

dimaio2Il nuovo governo delle poltrone è ufficialmente nato. Il Movimento Cinque Stelle e il Partito Democratico

hanno dato vita al cosiddetto Conte bis, preferendo rimanere attaccati alle sedie del potere piuttosto che consegnare,

come logica e buonsenso vorrebbero, il voto ai cittadini italiani. Insomma, grillini e democratici si presentano alla grande,

con una truppa di pseudo ministri che, cosi di primo acchito, sembrano non essere assolutamente all’altezza del compito di rialzare il sistema Italia e rilanciarlo economicamente. Speriamo di cuore di sbagliarci.

Nel frattempo, vogliamo rivolgere i nostri auguri di buon lavoro ai ministri di questo grande bluff politico, nella speranza si possa tornare quanto prima alle urne”.

Così, in una nota, Michel Emi Maritato, già candidato sindaco al Comune di Roma.

EDITORIALE - Crisi di Governo, "siamo nelle mani del presidente Mattarella"

SergioMattarella“Il governo vacilla, la crisi è ufficiale con M5S al palo e la Lega che fa la parte del leone e reclama nuove elezioni.

A un anno e mezzo dalla nascita i gialloverdi sono ai titoli di coda. Lo avevamo ampiamente previsto e si lascia in eredità un

Paese a pezzi nelle economie e nei valori. Meno male, verrebbe da dire, che c’è il presidente della Repubblica Italiana,

Sergio Mattarella: il Paese è nelle sue mani, a lui spetterà trovare soluzioni istituzionali per dare all’Italia una guida equilibrata, a pochi mesi dal bilancio e dal rischio di aumento dell’Iva. Un momento assai delicato che siamo sicuri Mattarella saprà gestire nel migliore dei modi. Almeno lui”.

Così, in una nota, Rocco Tiso, portavoce nazionale di Amico, Forza Politica “Associati in Movimento Iniziativa Comune”

"Cambiamo" il centrodestra. Parte ufficialmente la sfida di Toti

palozzi-toti10Questa mattina a Roma abbiamo registrato il Comitato promotore di “Cambiamo” che sarà il nostro movimento per cambiare il centrodestra,

la politica e il Paese. Chi ha aderito al Comitato, parlamentari, amministratori locali e semplici cittadini, così come chi aderirà ai circoli lo farà senza ruolo,

gradi né mostrine del passato, ma da semplice militante.

Come capirete tutto è nato di fretta, questo è solo un primo atto, chiunque abbiavoglia di

cambiare può aggiungersi fin da ora. Il vero inizio della nostra avventura sarà a settembre, quando con il nostro tour presenteremo il nuovo movimento in tutte le regioni d’Italia e nasceranno i vari circoli, ognuno di voi potrà costituire il proprio secondo le regole che presto troverete nel sito internet che stiamo costruendo. Da adesso chi è interessato a far parte di questa avventura può scrivere a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e verrà contattato per conoscere tutti gli appuntamenti e le modalità con cui aderire al nostro progetto di cambiamento. Insieme, democraticamente, dal basso, siamo pronti per costruire una nuova casa per tutti coloro che delusi dalla politica vogliono impegnarsi di nuovo. Vi aspettiamo, abbiamo bisogno di voi".
Cosi su facebook il presidente della Regione Liiguria, Giovanni Toti

LA STORIA - Il caso "Chico Forti" tra attualità e contraddizione

CHICO FORTI, ASSOTUTELA A SALVINI: “MINISTRO SI OCCUPI DEL CASO”

chicoforti“Questa associazione sta seguendo con molta attenzione la delicata vicenda di Chico Forti, connazionale detenuto in un

carcere di massimo sicurezza in Florida da quasi 20 anni con l’accusa di omicidio: un caso su cui alleggiano molte

contraddizioni, tornato alla ribalta mediatica per via di alcune testimonianze che scagionerebbero Forti, che potrebbe essere

stato vittima di un errore giudiziario. In questo contesto, Assotutela si appella al ministro degli interni, Matteo Salvini, affinché sia fatta giustizia per Chico Forti e affinché solleciti l’ambasciata americana per il rilascio del cittadino italiano. E proprio in queste ore sarebbe venuta fuori l’ipotesi di “scambiare” Chico Forti con i due ragazzi americani, detenuti a Regina Coeli e accusati dell'omicidio del carabiniere Cerciello Rega: una ipotesi che Assotutela appoggia. Auspichiamo che anche Matteo Salvini la pensi allo stesso modo”.

Così, in una nota, il presidente nazionale dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

Palermo, Rivoluzione animalista: “canile a pezzi. Esposto in procura antimafia”

canilepalermo“Ancora silenzio istituzionale e ostruzionismo politico sulla vicenda del canile comunale di Palermo. Una questione delicata, preoccupante, ambigua, su cui “Rivoluzione Animalista” aveva rivolto precise e mirate domande al sindaco Orlando, che non si è degnato né di rispondere, né di accogliere la nostra richiesta di incontro. Una enorme mancanza di rispetto che stigmatizziamo con forza. In tutti i modi, quello che ci è maggiormente a cuore è la salute degli animali all’interno della struttura cittadina. Nulla si sa sulla modalità e sulla tempistica degli interventi di ristrutturazione del canile, mentre sono più che mai palesi le problematiche legate al sovraffollamento dei cani, detenuti in perniciose condizioni di malgoverno. Zero parole, inoltre, in merito alla sanificazione, alle mancate sterilizzazione dei cani e alla pulizia degli ambienti, al rispetto dei requisiti minimi di assistenza medico-veterinaria, e alle condizioni igienico-sanitarie del canile, le cui segnalazioni sono tutt’altro che rassicuranti. Il sindaco Orlando, poi, dovrebbe dire ai cittadini se è vero che il canile sembrerebbe “ostaggio” delle associazioni che si frappongono al trasferimento dei cani in luogo più idoneo. Cosa si nasconde dietro tutto ciò? Perché tutte queste ambiguità? Quali sono le associazioni di volontariato, legittimate ad entrare nella struttura comunale? “Rivoluzione Animalista” è a conoscenza di situazioni al limite della legalità che ha intenzione di portare all’attenzione della Procura Antimafia. Il tempo dei silenzi e delle ambiguità amministrative è ormai terminato, lo comprenda anche il sindaco Orlando e riceva una delegazione di “Rivoluzione Animalista”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Fi, Palozzi: “Altro che ‘Altra Italia’, oggi è nata ‘Farsa Italia’. Avanti con Toti’”

palozzi-toti10“Ieri “l’Altra Italia”, oggi “Farsa Italia”. L’odierno tavolo delle regole di FI e il conseguente pseudo coordinamento 

- che già perde i pezzi in seguito al rifiuto di Mara Carfagna - sono la dimostrazione lampante e impietosa di quello che

già da tempo diciamo insieme al presidente Giovanni Toti: Forza Italia è ormai ai titoli di coda e non intendiamo partecipare al de profundis di un partito che ha voluto suicidarsi, non accogliendo le istanze di rinnovamento richieste a gran voce dai territori.

E’ necessario guardare oltre, con l’obiettivo fondamentale di dare vita ad movimento che guarda solo al centrodestra, che metta al centro il cambiamento, la trasparenza, il consenso, i territori e una classe dirigente competente e professionale. Bisogna andare avanti, la realtà ha dimostrato che guardarsi indietro è inutile e pernicioso, cosi come tentare di rinnovare un partito, Forza Italia, ormai cristallizzato, preistorico, che ha nel suo dna solamente egoismi, conflitti e giochi di potere”.

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio, Adriano Palozzi.

Sicurezza, "Da Governo tutto fumo e niente arrosto"

salvinimatteo“Sul fronte sicurezza il governo gialloverde sta dimostrando di essere tutto fumo e niente arrosto,

con provvedimenti poco strutturati e fumosi. I dati dicono che dal 2014 i reati sono calati in modo costante

ma gli ultimi gravi fatti delinquenziali, accaduti Viterbo e Napoli, raccontano decisamente una storia diversa.

Non vorremmo infatti ritornare indietro: la cosa certa, ahinoi, è che lo stanziamento di pochi milioni di euro per le forze dell'ordine fatto da questo
Governo non placa assolutamente lo stato di insicurezza che si vive sul territorio, specialmente nelle periferie. Crediamo che la criminalità si combatte non solo incrementando le scorte per blindare i comizi di Salvini ma soprattutto investendo più fondi nelle periferie e nelle buste paga delle forze dell'ordine. Chissà se questo il ministro Salvini riesce a comprenderlo davvero: non bastano due post su facebook, infatti, per governare il Paese”.

Così, in una nota, il segretario Pd Marino, Sergio Ambrogiani.