Sabato, 23 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento05:55:40 PM

  • Twitter
  • Info

La NIA-PAC (National Italian American Political Action Committee) con sede in Philadelphia

ciaoneby Valentina Cimina

La NIA-PAC (National Italian American Political Action Committee) con sede in Philadelphia, Pennsylvania (USA),

è l’espressione politica ai più alti livelli della volontà del suo fondatore, un imprenditore di grande successo di origini Italiane

che risponde al nome di Amato Berardi. Ha voluto, attraverso la NIA-PAC,

assistere e supportare nella loro carriera tutti i giovani italo-americani a raggiungere posizioni di prestigio in campo statale, federale e governativo. Inoltre e soprattutto sostenere con forza tutte quelle legislazioni che vengono presentate e che rispondono ai bisogni della collettività italo-americana. È stato anche eletto quale Deputato al Parlamento Italiano nella legislazione 2008-2013 e da questa posizione privilegiata ha potuto continuare la sua opera di assistenza e salvaguardia degli interessi degli Italo Americani nel Nord e Centro America.

Sue sono molte proposte di legge che hanno migliorato le condizioni degli Italiani all’estero. Infaticabile nella sua “missione” diretta al miglioramento, sia politico sia commerciale, dei rapporti tra Italia e gli USA, ha recentemente fondato anche la NIA-PAC Italia con sede in Roma. La NIA-PAC Italia rappresenta una naturale evoluzione a completamento della organizzazione Statunitense. Diretta da un team di esperti professionisti Italiani, sempre in coordinamento con la NIA-PAC USA, svolge funzioni di “scouting” per individuare e segnalare delle opportunità commerciali. Tra i suoi compiti ci sono anche la promozione di eventi, la organizzazione di scambi culturali e imprenditoriali attraverso la creazione di delegazioni composte da politici e imprenditori di ambedue i Paesi e favorire nuove iniziative a tutto campo. L’augurio è che la lodevole iniziativa intrapresa dalla NIA-PAC sia sempre più imitata e presa d’esempio da altri organismi.

Casapound e Picariello a Radio Italia Anni '60

Martedì 19 febbraio Carol Maritato intervisterà grandi personaggi sulle frequenze di Radio Italia Anni ’60. La nota speaker radiofonica e cantautrice romana, che recentemente ha presentato il suo singolo, è alla conduzione di “Dimmi di Te”, trasmissione di attualità e approfondimento sui temi giudiziari, politici, sociali, economici e culturali. Un format radiofonico innovativo e ambizioso, che vede settimana per settimana ospiti ed esperti di levatura nazionale e internazionale. “Dimmi di te” va in onda tutti i martedì, dalle ore 14 alle ore 15 su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a Roma sui 100.50 Fm e in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili, sul sito www.radioitaliaanni60roma.it e sul sitowww.radiosanremoweb.it.

Importante new entry alla conduzione della trasmissione saranno Andrea Titti, insieme al prezioso della collega giornalista Morena Mancinelli. Rilevanti gli ospiti della prossima puntata di “Dimmi di Te”, quella di martedì 19 febbraio. E’ prevista la doppia intervista al vicepresidente di Casapound Italia, Simone di Stefano, e a Mauro Antonini, segretario regionale Cpi Lazio, con i quali sarà l’occasione per dibattere sui temi politici e sociali, nazionali e regionali più scottanti del momento. A seguire sarà il turno di Antonella Picariello, organizzatore dell’evento “Le malattie rare e la disabilità”, che si terrà il prossimo 28 febbraio presso la sala monumentale della presidenza del Consiglio dei Ministri, a Roma.

Europa, “no ad attacchi a Conte ma governo conta sempre meno”

europa“Reputiamo scorrette e fuori luogo l’aggressività e la scompostezza con cui alcuni parlamentari europei hanno attaccato

in queste ore il primo ministro Conte nell’aula di Strasburgo, perché prima di essere di destra, sinistra, centristi o cinque stelle, siamo cittadini italiani.

Dunque la critica è legittima, l’aggressione verbale e l’offesa mai. Tuttavia,

oltre alla riscoperta dell’orgoglio nazionale e dell’amor di patria, questa triste vicenda europea mette a nudo tutti i limiti del governo giallo-verde, tutta la debolezza di certe politiche sociali ed estere – quelle del trio Conte, Di Maio,
Salvini - totalmente contrarie ai principi del nostro paese. E non deve sorprendere che anche l’Europa se ne sia accorta. Europa di cui siamo sempre più il fanalino di coda. Che finaccia”.

Così, in una nota, il portavoce nazionale di Iniziativa Comune, Rocco Tiso.

Europee. Berlusconi annuncia: “mi candido alle elezioni”

berlusca"Ho deciso di presentarmi alle Europee per portare la mia voce in un'Europa che va cambiata:

ho deciso per senso di responsabilita' di andare in Europa

dove manca il pensiero profondo del mondo" e "per fermare i comunisti".

Lo ha detto Silvio Berlusconi, a margine di un comizio a Quartu Sant'Elena, in Sardagne.
"Il centrodestra unito e' vincente in Italia- aggiunge- e' il futuro dell'Italia, dell'Europa, del mondo, con i suoi valori e le sue idealita' (Fonte: Dire)

"Salvini mangia Nutella e gli italiani masticano amaro"

MatteoSalvini5“Reputiamo fuori luogo e illogico il "cinguettio" del ministro Salvini che su Twitter

ha postato un selfie con la sua colazione: "Il mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella, il vostro?".

Un gesto poco elegante per chi ricopre un incarico istituzionale delicato, come il suo, reso ancora più inopportuno perchè

, proprio in quelle ore, il nostro paese era stato sconvolto da due notizie terribili: la forte scossa di terremoto a Catania
e l'omicidio del fratello di un collaboratore di giustizia a Pesaro. Dunque, mentre il ministro dell'Interno mangia Nutella, gli italiani masticano amaro, soggetti a un governo tutto social e poco vicino alle reali istanze della popolazione. Come peraltro dimostra la recente approvazione della manovra di governo, che appare essere lontana dal rilanciare il sistema economico del nostro Paese. Ma tant'è, buone feste a tutti. Soprattutto a Salvini”.

Veneto, Rivoluzione Animalista contro presidente Zaia su caccia

caccia“Siamo sconcertati e arrabbiati per il voltafaccia del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che prima vieta la caccia, in seguito all’emergenza maltempo che ha colpito nei giorni scorsi il territorio, e poi, quasi folgorato sulla via di Damasco, si rimangia tutto e revoca il provvedimento con la sola esclusione dell’alto vicentino e del bellunese. Si tratta di un cambio decisionale vergognoso e illogico, che colloca l’amministrazione regionale come nemica degli animali selvatici e amica delle lobby venatorie, che adesso staranno stappando lo champagne per la scelta del presidente della Regione Veneto. Insomma, Zaia getta la maschera ma Rivoluzione Animalista continuerà a opporsi a simili prese di posizione, dannose per gli animali e per la pubblica incolumità”. Così, in una nota, il segretario nazionale del partito “Rivoluzione Animalista”, Gabriella Caramanica.

Caccia, Rivoluzione Animalista: "Preoccupati per due provvedimenti sulla caccia"

gabriellacaramanica“Siamo molto indignati per quanto è accaduto nelle ultime ore in commissione Agricoltura, Caccia e Pesca del consiglio regionale del Veneto, dove sarebbero passati due provvedimenti a favore delle lobby dei cacciatori e contro la tutela animale e ambientale. Il primo andrebbe, infatti, a introdurre tutta una serie di deroghe al divieto di transito sui sentieri da parte dei mezzi motorizzati dei cacciatori, mentre il secondo è relativo alla caccia al lupo e presenterebbe alcuni vizi di forma, che potrebbero generare palesi ricorsi anche da parte di altre istituzioni. Siamo, dunque, d'accordo con tutti coloro che hanno sollevato obiezioni a questa manovra e invitiamo il Consiglio regionale a riflettere sull'opportunità di non approvare questi due provvedimenti inutili e dannosi”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Falso allarme, volo Lufthansa Malaga-Monaco fatto atterrare a Barcellona

aeroportofiumicino45Falso allarme per un display dei sistemi di controllo nella cabina di pilotaggio erroneamente visualizzato dal pilota,

ha costretto domenica pomeriggio il volo Lufthansa  partito da Malaga e diretto a Monaco di Baviera

a deviare a Barcellona dov'è atterrato. L'incredibile fatto è stato confermato anche da Lufthansa.

Inizialmente su Twitter era stata ipotizzata un'emergenza medica o tecnica, ma questa volta non è stata confermata
dalla compagnia aerea. Inizialmente, non ci sono state ulteriori informazioni. Più tardi è seguìta una nota dell'incidente da Lufthansa: "A causa di un errore di visualizzazione di un display nella cabina di pilotaggio" è stato deviato il volo. Il pilota del volo LH1835 delle 15:57 partito da Malaga e diretto a Monaco di Baviera con arrivo previsto alle ore 18:10 ora locale, ha erroneamente visualizzato un segnale del display dei sistemi di controllo nella cabina di pilotaggio  decidendo la deviazione allo scalo più vicino. Il volo è atterrato in un'area isolata dell'aeroporto di Barcellona. Lo scalo, messo in allarme, ha atteso il velivolo con tutte le misure di sicurezza per simili situazioni di emergenza. Una volta a terra, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “http://www.sportellodeidiritti.org/">Sportello dei Diritti”, il velivolo è stato ispezionato per diversi minuti da tecnici della compagnia aerea senza che venisse trovata alcuna minaccia alla sicurezza. Un portavoce della Lufthansa ha definito l’incidente un falso allarme.

Iniziativa Comune critica con l'attuale governo giallo-verde

tisotiso"Il mio santo non ha trovato posto in Paradiso! Gli hanno detto che era chiuso ma zeppo di anime. Ci siamo domandati: come mai nell'immenso regno dei cieli, non c'è posto per le anime beate? Un cartello recitava: “il regno è aperto a tutti”, chi non trova posto: è un bugiardo, uno che mente che non ha rispetto per il prossimo, bensì pensa solo a se stesso! Forse è opportuno che anche i nostri "Santi", che sono al governo, facessero una riflessione, un "mea culpa" valutando come hanno speso i primi 100 giorni nei palazzi. Messe da parte ripicche, vendette, caccia alle streghe, stringendo-stringendo, di succo solo l'ombra. Disgrazie e guai non sono mancati, ma hanno tenuto banco "ostaggi", navi di migranti, porti chiusi e, più di ogni superiore evento, lo scontro con l'Europa. Siamo costretti a dedurre che dei problemi eche ancora mortificano la crescita del Paese, i nostri uomini al comando non hanno ritenuto fossero prioritari. L'Esecutivo ormai è fantasma! Con Salvini che continua a mettere in saccoccia i consensi costruiti attraverso una campagna elettorale mai finita e i sondaggi lo premiano permanentemente. Ci sono solo gli slogan che fanno presa sul popolo. Onde evitare pericolose "derive", M5S non può lasciarsi logorare da un partner che non ha alcuna intenzione di governare e ogni giorno cinicamente “li sputtana”. Qui non si tratta più di populismo, ma di nascita di una nuova destra italiana, nazionalista e statalista. Una destra che Salvini riesce a configurare facendo qua è là come la "quaglia". Intanto i problemi restano, nulla è cambiato: mancanza di lavoro, precariato, povertà, evasione fiscale. Per un Paese che vuole migliorarsi, non è sostenibile un governo dove tutti annuiscono e poi a decidere è solo il portabandiera delle nuove, vecchie "destre". Iniziativa Comune è lontana anni luce dalle "elucubrazioni nostalgiche". Bisogna raccogliere tutte le energie e costruire un'altra linea del Piave. Questa parte di "Storia nera" va rigettata con decisione. Resta viva una riluttanza per chiunque semina vento e produce tempeste. Figuriamoci per quelli che vogliono accartocciare la Costituzione. Il Piave mormorò: "Non passa lo straniero".

Così, in una nota, il portavoce di Iniziativa Comune, Rocco Tiso.