Sabato, 04 Luglio 2020

Ultimo aggiornamento05:02:04 PM

  • Twitter
  • Info

Con “La Pinseria” Food & Drink a casa tua in un click! Scarica l’app e scopri le novità

Con “La Pinseria” Food & Drink a casa tua in un click! Scarica l’app e scopri le novità
La “Pinseria” sempre più a misura di cittadino anche in tempi di Coronavirus. Grazie alla propria App, fra le più scaricate nel comparto con oltre tremila download, è stato sviluppato un eccellente servizio di Food Delivery che copre tutto il territorio dei Castelli Romani facendo fronte alle normative imposte dal Governo per limitare il contagio da Coronavirus Covid-19. Un servizio, fortemente apprezzato dai cittadini castellani e che si rinnova adesso con originali e gustose possibilità.
“La Pinseria - spiegano i due soci Claudio Mancini e Simone Canestri - porta direttamente a casa tua e in pochissimo tempo pinse, fritti, dolci, vini, birre e bevande”. Oltre alle recente novità del servizio “Alimentari”, con cui si possono acquistare capsule del caffè, olio extravergine di oliva, pasta, latticini, passata di pomodoro, latte, uova e salumi, poi, “La Pinseria” ha ampliato la sua gamma di scelta, mettendo a disposizione dei propri clienti anche la Pasticceria e la Pinsa cruda, che si può cucinare in un forno domestico in soli sette minuti.
Insomma, chiunque, in pochi click e direttamente da casa, con un computer, un clapinseriaellulare o altro dispositivo con una connessione a internet, può fare la spesa in modo istantaneo e comodo sull’App de La Pinseria, che giusto in queste settimane ha triplicato l’impegno con consegne a colazione, pranzo e cena. Con un occhio alla qualità, e l’altro alla ecosostenibilità: “Le consegne a domicilio - ricordano Claudio e Simone - oltre ad essere puntuali e precise, avvengono anche con biciclette elettriche, in dotazione ai nostri ragazzi”.
Freschissima novità è, infine, la possibilità per il cliente di acquistare, sempre tramite applicazione, una torta regalo e farla recapitare direttamente a casa del festeggiato/a, di un amico/a o di un familiare. Basta scaricare l’App de “La Pinseria”, disponibile sia iOS che per Android o chiamare i numeri 0687729051/0693660002.

Coronavirus, Assotutela: "Bonus sostegno sia in base a studio settore"

“Nelle misure economiche, previste dal governo Conte, per contrastare la crisi di famiglie e imprese in emergenza Covid - 19, ce ne sono alcune che non convincono assolutamente e sulle quali questa associazione ha ricevuto numerose segnalazioni cittadine. Ad esempio, sul sostegno da 600 euro per i lavoratori autonomi e partite Iva senza cassa. Ricordiamo che nel nostro Paese vige il principio dell’equità impositiva, e tutti coloro che beneficiano dei servizi dello Stato e hanno capacità contributiva sono tenuti al pagamento dei tributi e non sono ammessi né privilegi né esclusioni da tale dovere. Nelle dichiarazioni fiscali, dunque, un soggetto, magari proprietario di una azienda con un determinato fatturato, dovrà versare dei contributi (magari anche se non ha guadagnato) in presunzione dello studio di settore. E, se non adempie, rischia di essere perseguito dall’agenzia delle entrate. Ci chiediamo perchè il governo Conte non abbia applicato lo stesso principio anche per il noto bonus di sostegno, previsto dal Cura Italia: in tal modo, infatti, l’indennità, legata all’emergenza Covid - 19, se in regime di studio di settore, sarebbe uniformata al reddito del contribuente e quindi economicamente più calzante alle sue esigenze in questi tempi di crisi. E, invece, niente, al massimo ci si dovrà accontentare dei 600 euro. Reputiamo tutto questo assolutamente illogico e inammissibile: ci auguriamo lo Stato italiano apporti delle correzioni al decreto altrimenti potremmo procedere tramite il nostro legale Massimo Baldi con un esposto alla Procura della Repubblica”.
Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Emi Maritato.asso1

Rivoluzione Animalista, consulenze per cittadini a tutela animale

lovellicaramanicaDa oggi Rivoluzione Animalista fa un ulteriore passo in avanti nella tutela e nella difesa degli animali,

mettendo a disposizione dei propri tesserati di tutta Italia uno studio legale, a cui rivolgersi per chiedere consulenze,

intraprendere giudizi in sede civile e penale,

formulare richieste risarcitorie e tutto quanto concerne la tutela legale e

giuridica degli animali”. Ad affermarlo, in una nota, è il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica. Nello specifico, lo studio legale, guidato dall’avvocato Annamaria Lovelli, metterà a disposizione la sua pluriennale esperienza in campo penalistico, offrendo gratuitamente agli iscritti al partito politico la sola consulenza.
“Sono molto contenta di questa partnership – continua la Caramanica -, l’avvocato Annamaria Lovelli è un professionista straordinario, competente e grande amante degli animali”. Sulla falsariga l’avvocato Lovelli: “Conosco Gabriella Caramanica da anni e insieme abbiamo seguito casi giudiziari, legati al diritto animale, molto spinosi e complicati. Per me è un grande piacere mettere a disposizione i nostri mezzi legali a tutela degli animali”. La mail di riferimento per chiedere una consulenza al partito Rivoluzione Animalista è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , a cui potranno essere indirizzate tutte le richieste in materia giuridica.

Pensioni di reversibilità tra fake news e polemiche

carmelatiso“La riduzione delle pensioni dei superstiti ci sarà anche nel 2020.

Così come nel 2019 e in tutti gli anni passati, a partire dal 1996,

da quando cioè esiste la pensione di reversibilità, introdotta con la riforma Dini del 1995”.

Questo il commento di Carmela Tiso, presidente del patronato Labor, con una rete di centinaia

di sedi in tutta Italia, promosso e sostenuto dalla Confeuro, la Confederazione degli agricoltori europei e del mondo.
Carmela Tiso aggiunge: “Sono stati numerosi i cittadini che si sono rivolti al nostro patronato, chiedendo delucidazioni sulle pensioni di reversibilità. Le fake news e polemiche di queste settimane non hanno fatto altro che ingenerare confusione nelle teste dei percettori italiani. La pensione di reversibilità, infatti, ha sempre avuto un taglio percentuale nel caso in cui la persona superstite percepisce altro reddito con decurtazioni percentuali che variano dal 25% al 50% dell’importo pensionistico spettante. Ma questa situazione sostanzialmente c’è sempre stata, dunque alcune dichiarazioni di queste settimane risultano prive di fondamento, visto e considerato che i tagli non avverranno sic et simpliciter nel 2020. Inoltre - continua Carmela Tiso -, come ogni anno, la circolare dell’Inps, in fase di perequazione delle pensioni, non fa altro che ristabilire i limiti di reddito in cui scattano i tagli degli importi di reversibilità ai superstiti. Le decurtazioni sono sempre esistite da quando è legiferato questo strumento normativo. Alla luce di tutto questo, dunque, ci auguriamo maggior buonsenso istituzionale al fine di non confondere ulteriormente la comunità su una materia, quella fiscale e pensionistica, già di per sé complessa e di difficile comprensione. Chiaramente le sedi del nostro patronato, con tutto il proprio personale, rimangono a disposizione per qualsiasi chiarimento in materia”, conclude la presidente di Labor.

Sperimentazione su animali, "Dal governo così non va bene"

sperimentazione-animale“Ci saranno due anni in più, fino al 2022, per poter condurre sperimentazioni di stupefacenti,

alcool e tabacco sugli animali. La proroga è contenuta nel decreto “Milleproroghe” e

si riferisce ai test sulle sostanze da abuso e gli studi sui trapianti di tessuti o organi da animale a uomo.

L’obiettivo, a quanto pare, sarebbe anche quello di dare il tempo necessario agli scienziati di studiare metodi

alternativi all'utilizzo degli animali. Si tratta di un provvedimento vergognoso, che condanniamo con assoluta fermezza visto e considerato che non tutela i diritti animali. “Rivoluzione Animalista”, infatti, considera la sperimentazione una pratica obsoleta e pericolosa. Tutto questo dimostra il falso moralismo del governo, composto da Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle, che in campagna elettorale sono i più grandi difensori degli animali, pur di racimolare qualche voto, e una volta alla guida del Paese, magicamente si dimenticano della tutela animale. Un comportamento scandaloso, che i cittadini italiani non possono e non devono più accettare”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito politico “Rivoluzione Animalista”, Gabriella Caramanica.

Lutto e cordoglio per la scomparsa della mamma di Albano

albanocarrisi“La presidenza dell’associazione Assotutela insieme al Consiglio Direttivo ed i soci tutti,

si stringe all’amico Albano Carrisi per la scomparsa della cara mamma. Tutti noi, da sempre,

abbiamo apprezzato, con sentimenti di sincera stima ed amicizia, il senso di attaccamento ed il bene

che il noto cantante pugliese, da sempre ha nutrito ed esternato pubblicamente per la sua adorata congiunta. Questo esempio ha da sempre contraddistinto la grandezza e l’umiltà della persona che il mondo intero ha da sempre apprezzato. CI stringiamo dunque alla famiglia Carrisi”.

Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Emi Maritato, e le vicepresidenti dell’associazione, Emanuela e Carol Maritato.

"Fuori gli animali dagli spettacoli circensi"

circo“Continuano in Senato le audizioni sulla nuova legge e sulla richiesta di dismissione di tutti gli animali dei circhi incentrata m maniera particolare sulla richiesta del taglio del Fus, il Fondo unico per lo spettacolo. Sul tema, assai delicato e dibattuto, Rivoluzione Animalista è dell’opinione che serva una normativa più severa e stringente, lasciando fuori dai finanziamenti governativi tutti quegli spettacoli circensi che utilizzano animali. Sarebbe una scelta di civiltà e di buonsenso. Ricordiamo, infatti, che sono migliaia gli animali, impiegati nei circhi italiani: animali che provano sofferenza, animali nati in cattività e presi dagli esseri umani mentre vivevano liberi in natura. Nei circhi, infatti, essi vengono continuamente soggiogati al volere dell’uomo e, al contempo, privati dei loro comportamenti e dei loro istinti naturali. A differenza degli essere umani, gli animali non scelgono di esibirsi, non scelgono di essere messi in gabbia. Il paradosso è che troppo spesso la legislazione nazionale permette quello che può definirsi un vero e proprio sfruttamento degli animali. Per questa ragione appare necessaria e improcrastinabile una riforma normativa che disciplini le attività circensi e tuteli maggiormente gli animali”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

 

Emozionante ricordo della strage di Nassirya

nassirya“Il 12 novembre 2003, un automezzo carico di esplosivo esplode

di fronte la base dei Carabinieri nella città di Nassirya, in Iraq: muoiono 19 italiani e 9 iracheni.

Sono passati tanti anni ma quel giorno è ancora indelebile nella memoria collettiva:

una dramma nazionale, un lutto per il nostro Paese che ci ha insegnato a lottare

con impegno e determinazione contro l’azione delirante del terrorismo internazionale. Il mio pensiero e la mia vicinanza vanno alle famiglie dei militari e dei civili della tragedia irachena. Persone coraggiose, che affrontarono con grande compostezza il dolore per la perdita subita. Adesso come allora, dunque, stringiamoci intorno a loro e ringraziamo al contempo tutti i nostri soldati italiani che hanno combattuto e combattono quotidianamente per affermare la pace e la democrazia”.

Così in una nota il vicepresidente Assotutela e cantautrice romana, Carol Maritato.

Ardea, Giordani lascia FdI e aderisce a Cambiamo

ARDEA, MASSIMILIANO GIORDANI LASCIA FDI E ADERISCE A “CAMBIAMO”
 
“Dopo una serena e attenta riflessione ho deciso di lasciare Fratelli d’Italia per aderire al Movimento politico Cambiamo”. Ad annunciarlo, in una nota, il consigliere comunale di Ardea ed ex candidato sindaco, Massimiliano Giordani, che poi sottolinea: “E’ un onore e un piacere entrare a far parte della grande famiglia di “Cambiamo” e ringrazio il presidente Giovanni Toti, il consigliere regionale Adriano Palozzi e il responsabile del comitato promotore regionale Cambiamo Lazio, Mario Abbruzzese, per la fiducia e la stima in me riposta”. Massimiliano Giordani, infatti, andrà a svolgere l’incarico di responsabile del comitato promotore Cambiamo Provincia di Roma: “Si tratta di un incarico autorevole, all’interno di un grande percorso di radicamento e rinnovamento che ci porterà nei prossimi mesi ai congressi territoriali. Insieme a tutti i membri del comitato promotore provinciale, in accordo con il regionale di “Cambiamo” Lazio stiamo operando sul territorio metropolitano di Roma per coinvolgere cittadini, amministratori ed esponenti locali nel nostro progetto, nella assoluta convinzione che “Cambiamo” rappresenti una novità importante, inclusiva e meritocratica nel panorama del centrodestra locale e nazionale”.giordani3