Giovedì, 21 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento10:50:53 AM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

La Geotermia: Energia rinnovabile o speculazione pericolosa?”, Geologi del Lazio ai Castelli

geologigenericoLo studio, lo sfruttamento e la quantificazione delle risorse sotterranee disponibili, con particolare riferimento alle acque ed al calore prodotto dalla terra, sono diventati in questi ultimi anni materie di interesse sempre crescente. Anche la normativa, in applicazione di direttive di più ampio respiro, ha dato sempre più importanza a sistemi di produzione di energia che risultino da un lato meno legate ai combustibili fossili e dall'altro di sempre minor impatto ambientale. Un tema delicato e attuale, quello della Geotermia, molto dibattuto sui territori. Per questa ragione, l’Ordine dei Geologi ha accettato volentieri l'invito ad intervenire all'evento “La Geotermia: Energia rinnovabile o speculazione pericolosa?”, svoltosi nel pomeriggio di venerdì 18 maggio, nell’aula consiliare del Comune di Rocca di Papa. “Sappiamo bene che nessuna risorsa rinnovabile può arrivare, da sola, a produrre tutta l’energia necessaria - ha detto il vicepresidente dell'Ordine dei Geologi del Lazio, Tiziana Guida, in apertura di intervento -. Per soddisfare il fabbisogno energetico è necessario quindi trovare una giusta combinazione tra risorse rinnovabili e, soprattutto, efficienza energetica”. La Guida ha, poi, aggiunto: “Il nostro Paese, giovane dal punto di vista geologico e ancora in piena evoluzione, presenta per questo molte aree in cui può essere utilizzata la geotermia, per produrre calore e fornire energia elettrica. Tuttavia, soprattutto per quella a media e alta entalpia, ovvero ad alte temperature, occorre fare molta attenzione nello sfruttamento per non andare a stravolgere i delicati equilibri naturali esistenti. Solo se si riesce a preservare l'equilibrio ambientale nel suo complesso durante lo sfruttamento della risorsa, il sistema può essere definito sostenibile".

Durante l'evento è stata illustrata dal coordinatore della Commissione Energia dell'Ordine, Roberto Spalvieri, la netta differenza esistente tra le tecnologie del geoscambio, noto come “geotermia a bassa entalpia” e la geotermia tradizionale: “Con le prime - ha sottolineato Spalvieri - non si produce energia elettrica mediante lo sfruttamento diretto del calore, bensì si sfruttano le temperature costanti del sottosuolo per la climatizzazione dei diversi ambienti. Si tratta, dunque, di una tipologia di fonte energetica pulita e rinnovabile, indispensabile per avvicinarsi agli obiettivi strategici regionali, nazionali e comunitari prefissati dai rispettivi Piani energetici”. Spalvieri ha, inoltre, spiegato come “questa tecnologia accoppia gli indubbi vantaggi energetici delle moderne pompe di calore allo sfruttamento dell’energia termica immagazzinata a bassa temperatura nel sottosuolo. Visto che il calore della terra è costante durante tutto l’arco dell’anno, le prestazioni di un impianto geotermico hanno l’ulteriore pregio di non dipendere dalle condizioni metereologiche o da variazioni stagionali. Il risparmio energetico ottenibile grazie a tale tecnologia, unito alle agevolazioni fiscali previste per tali impianti, determina rientri economici veramente interessanti”. Tornando sulla questione, il vicepresidente Guida ha ricordato che “per utilizzare nel modo più efficiente ed efficace questa nuova energia pulita, è indispensabile provvedere quanto prima alla emanazione da parte del Ministero per lo Sviluppo Economico del cosiddetto Decreto Posa Sonde (previsto dal D.Lgs. n. 22/2010) e, da parte della Regione Lazio, alla emissione dei regolamenti attuativi della Legge regionale numero 3 dell’aprile 2016, con i relativi strumenti di attuazione, ovvero il Registro Impianti Geotermici e la Carta Idro-geotermica regionale". Il sottosuolo italiano, ricordano dall’Ordine dei Geologi, è ricco di risorse geotermiche, ma c'è ancora molta diffidenza nel loro utilizzo, per timore che gli impianti costituiscano un rischio per l'ambiente e il territorio. Nel corso dell'evento, i Geologi del Lazio hanno sottolineato la necessità, dunque, che la normativa in materia “dia garanzie in questo senso ai cittadini, consentendo di evidenziare chiaramente qualsiasi criticità legata allo sfruttamento di questa risorsa e ampliando il dibattito pubblico con i territori interessati, fornendo la possibilità ai cittadini di accedere a tutti i dati rilevati e allo svolgimento delle attività previste, ma anche di intervenire se si presentano problematiche”.

“Un'altra azione importante per assicurarsi l'accettazione da parte dei territori dei nuovi impianti - ha concluso la vicepresidente Guida - è quella di mettere a disposizione un chiaro ed esaustivo rapporto costi/benefici dell'impianto, comprensivo del numero degli occupati, del bilancio economico complessivo del proponente e del territorio, delle esternalità negative e dei risparmi energetici ed ambientali che ne conseguono. Perché è doveroso dare voce al cittadino-utente nelle scelte di trasformazione territoriale, intensificando le occasioni di incontro e dibattito costruttivo come quella odierna, per ricostruire la fiducia nelle istituzioni e mettere i cittadini nella condizione di poter distinguere i fatti, basati su dati oggettivi, dalle opinioni”.

Comunali a Sacrofano, Palozzi: "FI sostiene Tommaso Luzzi"

luzzi“In merito a quanto riportato da un autorevole quotidiano romano sulle elezioni comunali di Sacrofano, ci teniamo a sottolineare che l’unica candidatura a sindaco, appoggiata da Forza Italia, è quella di Tommaso Luzzi, primo cittadino uscente che in questi anni ha dato un grande esempio di buongoverno e stabilità amministrativa alla città di Sacrofano. Forza Italia, dunque, sostiene con forza il suo progetto politico, sicuri che si rivelerà alternativa vincente alla incompetenza della sinistra”. Così, in una nota, il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

Comunali a Velletri, Fi nel caos. Quadri locali contro il coordinatore regionale

forzaitaliabandierasingola“Dopo mesi di percorso politico fatto di riunioni, manifestazioni, incontri con gli alleati, stesura del programma e quanto altro necessario ad una coalizione che voglia realmente vincere le elezioni, a poche ore dalle presentazione delle liste per le Comunali di Velletri, siamo ancora nelle condizioni di dover capire se Forza Italia si presenterà al fianco del candidato Giorgio Greci, con il quale da ormai due anni va avanti un proficuo percorso, o farà scelte diverse che, allo stato attuale, sarebbero incomprensibili e inaccettabili. Qualora, infatti, la scelta del coordinamento regionale FI Lazio fosse quella di non sostenere Greci, l’unica strada che perseguiremo, saranno le dimissioni da Forza Italia, aprendo all’opportunità di aderire ad altre liste a sostegno di Greci. Una decisione, la nostra, che si rivelerebbe dolorosa ma inevitabile, e per la quale non potremmo che “ringraziare” il coordinamento regionale FI. Ci auguriamo, tuttavia, che questo scenario rimanga nell’alveo delle indiscrezioni e che in Forza Italia prevalgano, alla fine, buonsenso e condivisione di intenti su logiche di spaccatura e ambizioni personali”. Così, in una nota, Riccardo Iannuzzi, Coordinatore comunale FI Velletri, Gianni Cerini, Consigliere comunale, Priscilla Zamboni, Presidente Club Forza Silvio, Mirella Proietto, Coordinatrice Donne FI, Giovanni Marchioni, Coordinatore Senior FI, Paolo Isca, Coordinatore Giovani FI.

Bandiere blu a Trevignano. Fi plaude la sindaca Maciucchi

FotoMaciucchi“Rivolgiamo un grandissimo plauso a Claudia Maciucchi, sindaco di Trevignano, e alla sua amministrazione, per l'assegnazione della Bandiera Blu, edizione 2018, alla spiaggia di via della Rena. Un risultato sorprendente solo per chi non conosce il senso del dovere e la perizia con cui la prima cittadina di Trevignano si è da sempre impegnata e distinta nel valorizzare il proprio territorio; un amministratore cui ci sentiamo oltre modo riconoscente per il consenso che ha saputo esprimerci nell’ultima competizione elettorale regionale. Dunque, ancora vivi complimenti per il traguardo raggiunto, con la promessa di tornare personalmente a godere quanto prima delle meraviglie naturali che distinguono Trevignano”. Così, in una nota, il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi, e il consigliere regionale di Forza Italia, Laura Cartaginese.

Marcellina, Valeria Fabiani nuovo portabandiera FI

forzaitaliabandierasingolaValeria Fabiani è il nuovo portabandiera di Forza Italia a Marcellina. La decisione è giunta in queste ore a firma del coordinatore provinciale FI, Adriano Palozzi. Commenti di congratulazioni sono giunti dall’esponente locale Marco Bottani, che ha creduto fortemente nella competenza e nella professionalità della Fabiani. Spiega Bottani: “Ho sempre sostenuto che la politica debba essere inclusiva e basarsi su tre aspetti fondamentali: merito, consenso e competenza. Dopo 3 da portabandiera di FI per il Comune di Marcellina ed in seguito al conseguimento di ottimi risultati in termini di aggregazione e percentuali elettorali al di sopra delle medie nazionali, come accaduto nelle ultime elezioni politiche e regionali, dove FI con il 21% è risultato il partito più votato in assoluto, in accordo con il coordinatore provinciale di FI e Vicepresidente del Consiglio Regionale del Lazio, Adriano Palozzi e al Consigliere Regionale Laura Cartaginese, lascio il timone del coordinamento del partito a Valeria Fabiani, figura di spessore, competente, capace e che ha dimostrato sul campo di avere anche consenso elettorale”.

A esprimere soddisfazione, anche il consigliere Laura Cartaginese: “Faccio i miei complimenti alla nostra Valeria per il nuovo incarico che sono certa saprà gestire con spirito di servizio e passione. Ringrazio ancora una volta il mio amico Marco Bottani per il grande lavoro che sta facendo sul territorio. Questa è la forza del nostro gruppo!”. 

Albano Laziale, gas-serra: 40% di riduzioni entro il 2030

albano4L’Amministrazione Comunale con delibera di Giunta n. 61 del  26 marzo 2018 ha preso atto del rapporto di monitoraggio completo del P.A.E.S. – Piano di Azione per l’Energia Ecosostenibile, avviato nel 2013. Il P.A.E.S. prevede un processo virtuoso per ridurre le emissioni di gas-serra. Questo ultimo rapporto è in linea con le previsioni iniziali per il raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle emissioni pro capite pari ad almeno il 20% entro il 2020. Ciò consentirà di porsi conseguentemente obiettivi più ambiziosi come il 40% di riduzione da ottenersi entro il 2030, indicato dal nuovo Patto dei Sindaci. L’Assessore all’Ambiente Aldo Oroccini ha commentato: «Prendiamo atto di questi risultati positivi, frutto di un efficace sistema di rendicontazione energetico a partire da tutte le utenze comunali. L’Amministrazione Comunale ha messo in campo una sistematica e attenta contabilità energetico – ambientale». Soddisfatto anche il Sindaco Nicola Marini: «In questi anni abbiamo intrapreso numerose attività di efficientamento energetico del nostro patrimonio edilizio, come il campo sportivo di Via Trento a Pavona e la scuola media “Antonio Gramsci” sempre a Pavona. Inoltre è stato finanziato l’efficientamento energetico del Palazzo di Giustizia, dove sono riprese le attività del Giudice di Pace e della Media Conciliazione del Tribunale di Velletri. L’impegno dell’Amministrazione Comunale si conferma anche nell’attività attualmente in corso di definire l’audit energetico di tutte le scuole comunali e di tutti gli edifici di proprietà comunale».

Frascati, al teatro Villa Sora grande partecipazione al convegno “Giovani Violenti”

villasora“Giovani Violenti: Bullismo, Baby Gang e Violenza di genere” è il titolo di un convegno tenutosi ieri, sabato 14 aprile, al Teatro Villa Sora. Un evento estremamente attuale, un approfondimento da un punto di vista giuridico, psicologico e pedagogico dei comportamenti violenti di adolescenti in coppia e in gruppo. Sono state trattate e analizzate tematiche importanti come il bullismo, le baby gang, la violenza di genere e tutte le condotte adolescenziali diffuse tra strada, scuola e web.  Proprio per comprendere l’importanza di un approccio multidisciplinare alla problematica della violenza giovanile, l’Osservatorio Nazionale Adolescenza ha organizzato questo evento formativo rivolto a genitori, insegnanti, ragazzi e a tutti i professionisti del settore, per comprendere le dinamiche, le motivazioni e le strategie di intervento. Hanno sviscerato questi delicati temi: Maura Manca, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Ciro Nutello, Coordinatore del Progetto “Scuole Sicure” della Questura di Roma, Andrea Labasi, Avvocato, Don Francesco Marcoccio e Gianni Torroni, Dirigenti scolastici, Marcella Ciapetti, Pedagogista, Chiara Antonini, Psicoterapeuta dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Simone Barraco, il Direttore Artistico del Centro Internazionale “Il Girasole”. L’aspetto della violenza giovanile sembra sia un’emergenza sociale data da l’incremento dei comportamenti legati alla microcriminalità e la violenza rivolta verso le persone da parte di ragazzini sempre più piccoli. Infatti, secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, su un campione di 11.500 adolescenti, dagli 11 ai 19 anni, che non vivono in condizioni di rischio: il 24% dei ragazzi ha partecipato a risse, il 22% ha commesso atti vandalici, il 6,5% fa parte di una gang e 1 su 10 dichiara di aver aggredito un coetaneo senza motivo.

Si tratta di comportamenti di una gravità estrema, apparentemente immotivati, un agire impulsivo, quasi in preda ai propri impulsi aggressivi in un apparente escalation di violenza. Il problema di questi adolescenti che agiscono in branco o in bande, è che non hanno più paura dell’autorità in generale, sia scolastica o genitoriale. Il fatto di non avere più timore delle conseguenze delle proprie azioni, delle sanzioni e di far del male, li fa sentire onnipotenti e li porta a sfidare, attraverso tutta una serie di comportamenti antisociali.  Ciò che, inoltre, è stato messo in luce dal convegno, è che non si deve fare l’errore di confondere questi comportamenti criminali con il bullismo, come purtroppo spesso accade. Il bullismo, infatti, prevede una ripetitività dei comportamenti rivolti intenzionalmente nei confronti di una vittima, bambino o adolescente che sia, presa di mira per alcune sue specifiche caratteristiche o fisiche o di personalità, in cui c’è una asimmetria di potere, ossia uno è più debole fisicamente e psicologicamente dell’altro. È emerso che, nella fascia tra i 14 e i 18 anni, il 28% dei ragazzi è stato vittima di bullismo mentre, nella fascia tra gli 11 e i 13 anni, i numeri salgono fino al 30%. Inoltre, è stato approfondito poco il tema della violenza di genere tra gli adolescenti, fenomeno troppo spesso sottovalutato, sebbene sia molto diffuso anche tra i più piccoli. Infine, durante l’evento, è stato sottolineato come la tecnologia, soprattutto all’interno delle coppie, sia diventata un amplificatore costante delle violenze che tanti ragazzi subiscono. Per tale ragione, non dobbiamo sottovalutare le violenze digitali perché le chat e i social network vengono usati come vere e proprie armi per soffocare l’altro: il 16% degli adolescenti è stato obbligato a cancellare amici/amiche su Facebook o su altri social network e 7 su 100 sono stati addirittura obbligati a dare la password, così da essere costantemente monitorati. Si tratta di persone che, per paura di essere tradite, lasciate e abbandonate, utilizzano queste modalità controllanti ed intrusive, violando la libertà e la privacy del partner, superando ogni limite.

Allarme La Barbuta, Gabriella Sisti scrive al Parlamento Europeo

campo nomadi“E’ di oggi l’articolo pubblicato dal Messaggero e da altri giornali locali sul bonus affitto a rom clandestini.

Centinaia di articoli, manifestazioni, raccolte di firme e sit in sotto il ministero dell’Interno non sono serviti a far sentire il dissenso e la preoccupazione sui roghi tossici che ogni giorno minano la nostra salute.

La notizia più sconfortante riportata oggi da Il Messaggero è lo slittamento della data di chiusura del campo nomadi La Barbuta ; non più 2020 ma Giugno 2021 per una serie di problemi burocratici e procedurali.

Nonostante i 3,8 milioni di Euro stanziati dall’Unione Europea per il superamento dei campi rom,  il bonus affitto per i rom, la faccenda appare ancora lunga e complicata, afferma Gabriella Sisti Esponente del Centrodestra ciampinese e Presidente della Consulta per la Tutela dei diritti del malato e del Disabile.

Per non parlare della beffa nei confronti dei tanti cittadini in attesa di un alloggio che osservano basiti come l’Unione Europea si sia dimenticata di chi da una vita è in attesa di una casa e dorme in situazioni o stalli di emergenza.

In queste ore, abbiamo come Consulta, afferma la Sisti, protocollato una lettera al Presidente Tajani affinchè si prenda a cuore la situazione dell’emergenza abitativa nel Lazio che è la terza regione per numero di sfratti e solleciti la chiusura dei campi in tempi brevi onde evitare i continui avvelenamenti a cui alcuni ignoti  residenti del campo ci sottopongono oramai quasi tutti i giorni”.

Pd Frascati su scritte antisemite: "Gesto assurdo"

frascati"Il Partito Democratico di Frascati esprime sgomento in merito alla scritta apparsa l’altra notte nella saracinesca di un esercizio nel centro della città. Assurdi quanto stupidi gesti di questo tipo devono allarmarci perché esprimono una chiara ignoranza riportando a pagine della nostra storia più buia. Gesti, già accaduti in passato, che condanniamo con forza e che ci fanno comprendere ancora oggi, quanto sia importante non abbassare la guardia verso i fascismi che rimangono una costante minaccia della democrazia e della nostra civiltà". Dichiara in una nota il Circolo del Partito Democratico di Frascati