Giovedì, 21 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento10:50:53 AM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

Rivoluzione Animalista critica con il sindaco di Cornuda

animalitutti“Consideriamo inaccettabili e illogiche le dichiarazioni di Claudio Sartor, sindaco di Cornuda, paese in provincia di Treviso, che all’alba del nuovo anno si è detto favorevole ai botti di Capodanno e alla promozione di fuochi e fontane, parlando al contempo di psicosi animalista. Sul tema, vorremmo ricordare allo smemorato primo cittadino che lui rappresenta il massimo responsabile del benessere degli animali presenti sul territorio comunale e che i fuochi pirotecnici, ogni anno, causano traumi da stress e decessi dei nostri amici animali, oltre a rappresentare un pericolo per gli essere umani e l’ambiente. Per questa ragione, “Rivoluzione Animalista” stigmatizza il comportamento del sindaco di Cornuda, esortandolo a lavorare davvero per il bene del territorio, attraverso atti di civiltà che tutelino gli animali. I botti di Capodanno non sono una tradizione da perpetrare nel tempo, come erroneamente crede Sartor, ma una pericolosa realtà da prevenire e debellare”.

Così, in una nota, il segretario nazionale di “Rivoluzione Animalista”, Gabriella Caramanica

L'INTERVISTA - Tullio Solenghi si confessa e parla della sua ultima fatica

solenghiPer l’ultimo appuntamento della Stagione 2018 de “I Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati”

i curatori della rassegna, Giovanna Manci e Giacomo Fasola, hanno chiamato Tullio Solenghi che proporrà,

a Palazzo Chigi ad Ariccia domenica 30 dicembre, alle ore 18, insieme al Trio d’Archi di Firenze il concerto/spettacolo

intitolato “Mittente: Wolfgang Amadé Mozart”.

Per l’occasione, che chiude la bellissima programmazione 2018 degli “Sfaccendati”, abbiamo chiesto a Tullio Solenghi qualche notizia sullo spettacolo.  “È uno spettacolo di Musica e Parole – ci ha detto Solenghi – che nasce da un’idea della violinista Patrizia Bettotti, componente del Trio d’Archi di Firenze, che ne ha curato anche la realizzazione letteraria. Io, diversi anni fa, avevo interpretato Salieri nella pièce teatrale Amadeus di Peter Shaffer e mi ero incuriosito e appassionato al personaggio Mozart quindi la proposta di Patrizia mi ha subito coinvolto”.

Com’è strutturato lo spettacolo ?

“Mozart ha lasciato un copioso epistolario e, partendo dalle sue lettere, io ho costruito una relazione emotiva tra i 5 movimenti in cui è suddiviso il meraviglioso Divertimento K563 per trio d’archi e 5 capitoli della vita di Amadé, come usava firmarsi, dalla giovinezza alle lettere più piccanti fino agli ultimi momenti di vita. Ne viene viene fuori un ritratto sfaccettato della sua personalità e del suo genio che passava dalla sublime bellezza compositiva, e il Divertimento che verrà eseguito al concerto ne è la dimostrazione più evidente perché è un capolavoro assoluto ed è l’unico trio d’archi che ci è rimasto di Mozart, a momenti di goliardia sfrenata o di rammarico dolente”.

Che rapporto ha con la Musica “classica” ?

“Ho sempre amato la musica anche se non l’ho mai studiata in modo approfondito. Se dovessi oggi dire un genere che più mi coinvolge direi la musica barocca anche se, anni fa, mi ero appassionato ai madrigali di Francesco Landini.

Poi nel corso della mia carriera ho anche preso lezioni di canto spinto dall’amico Sandro Massimini che mi suggerì di studiare canto vista la mia vocalità già allenata dal fare teatro pensando che potessi anche dedicarmi all’Operetta, repertorio di cui lui è stato un grandissimo organizzatore ed interprete. In realtà non ho mai fatto l’Operetta ma lo studio del canto mi ha ancor più appassionato alla musica e infatti ci sarà una “sorpresa canora” anche durante lo spettacolo”.

Lo spettacolo si terrà al Palazzo Chigi di Ariccia : lo conosce?

“Ho già avuto il piacere di visitarlo da turista ma è la prima volta che mi esibisco al Palazzo e ad Ariccia e ne sono veramente molto felice”.

 Appuntamento con Tullio Solenghi e il Trio d’Archi di Firenze, e il loro ritratto di Mozart, Domenica 30 dicembre, alle ore 18, al Palazzo Chigi di Ariccia, anche per augurarsi un Buon Anno 2019

La diocesi di Frascati tra presente e futuro

martinellidiocesiLa diocesi tuscolana tira le somme sull'anno che sta per chiudersi.

Lo scorso 14 dicembre si è svolta una apposita conferenza stampa a Villa Campitelli

con sua Eccellenza il vescovo Raffaello Martinelli per un bilancio del 2018 e le prospettive del 2019.

Presenti l’Economo della Curia Enrico Molinari, la dottoressa Styliani Fanou, della sede Enea Casaccia di Roma,
e la dottoressa Luisa Caneve dell’Enea di Frascati che ha testimoniato il fulcro della partnership tra Diocesi e l’Agenzia per le nuove tecnologie che va verso il recupero dei beni culturali della Curia tuscolana

“Deve passare il messaggio – ha detto Monsignor Martinelli – che i beni monumentali della Diocesi sono beni di tutti. Necessario l’accordo con l’Enea perché l’8×1000 è strumento importante, ma non bastevole per le necessità di strutture come la Chiesa di Monteporzio e di quella di Rocca di Papa per fare due esempi. Siamo orgogliosi di questo acccordo – aggiunge la Dottoressa Caneve – abbiamo cominicato operando proprio nei locali della Curia frascatana, ma non vogliamo fermarci e dare il nostro contributo fattivo per il bene della comunità. Occorre seminare sempre – ha aggiunto Martinelli – tante le esperienze importanti sul nostro territorio vedi l’Emporio frascatano, il dormitorio di Capocroce, ma anche la nuova edilizia nelle strutture religiose di Morena e di Tor Vergata. La Diocesi deve comportarsi come una buona madre di famiglia – ha chiosato il Dottor Molinari. Ai giornalisti chiedo – ho voluto concludere il Vescovo di Frascati – di diffondere la parola di Dio, ci sono tanti esempi positivi proprio come la struttura di Villa Campitelli che è aperta a chi con un contributo libero può accedere e vivere i locali per momenti o periodi di spiritualità. Abbiamo rifiutato il turismo religioso per dare a questo luogo un indirizzo di accoglienza per chi vuole fare un’esperienza di fede e non usare questi locali come un albergo, un punto di transito per visitare la Capitale”.

Apre l'ospedale dei Castelli. Al via i primi ricoveri

mediciromaTra polemiche e speranze, parte ufficialmente la nuova avventura dell'Ospedale dei Castelli,

ubicato nel tratto ariccino della via Nettunense.

Da ieri sera, infatti, sono ufficialmente operativi i turni del personale nel nuovo nosocomio – che mirà a servire il bacino castellano e parte del litorale provinciale
- così come comunicato dalla Asl Roma 6.
Da stamattina, inoltre, si stanno svolendo i primi ricoveri “programmati” per i pazienti, mentre a partire dalle ore 14 il nuovo ospedale dei Castelli entrerà a pieno titolo nella rete dell'emergenza dell'Ares 118. Ad annunciare il cronoprogramma è stato nelle scorse ore l'Assessore alla Sanità e all'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Mentre il presidente Nicola Zingaretti era intervenuto qualche giorno fa, ricordando che il “18 dicembre prossimo aprirà il nuovo Ospedale dei Castelli. Sarà un evento molto importante per la nostra regione e per tutto il Centro-Sud d'Italia".


Marino, "territorio abbandonato al proprio destino"

sergioambrogiani“Sento in queste ore senatori grillini, che per anni hanno abitato in alloggi popolari a prezzi stracciati, lodare l'autorevole operato dell'amministrazione comunale di Marino. Siamo contenti che gli echi di una città bella arrivino al di fuori dei nostri confini territoriali: peccato che chi vive a Marino non la pensi propriamente così. Ad esempio, sono davvero tante le segnalazioni di degrado e abbandono che giungono dalle nostre comunità grandi e piccole: strade dissestate, buche sull'asfalto, differenziata a singhiozzo, oasi di immondizie a cielo aperto, parchi nell'incuria. E' soprattutto questa la realtà di quella che una volta veniva chiamata la pianura di Marino, dove insistono Santa Maria delle Mole, Frattocchie, Cava dei Selci, Due Santi, Castelluccia e Fontana Sala. La verità è che, in questi due anni, il governo grillino del sindaco Colizza non ha inciso per nulla sul rilancio e sullo sviluppo delle ex circoscrizioni, nonostante avesse tutti gli strumenti e le risorse economiche per riuscirci. Ma, siccome la speranza è l'ultima a morire, siamo sicuri che Palazzo Colonna si ravvederà e donerà la giusta attenzione istituzionale e amministrativa al nostro territorio. In questo senso, il Partito Democratico continuerà nella sua azione di stretto controllo dell'operato comunale e ad essere difensore delle istanze delle famiglie del nostro Comune”. Così, in una nota, il segretario Pd Marino, Sergio Ambrogiani.

Il Natale si accende al Parco Chigi di Ariccia con il Parco delle Favole

luminarie1I Castelli Romani si illuminano d'immenso.

E' tutto pronto, infatti, per l'apertura del “Parco delle Favole Incantate”,

all'interno della meravigliosa e storica location del Parco Chigi di Ariccia. L'inaugurazione della rinnovata esposizione delle

luminarie artistiche si terrà sabato 24 novembre, a partire dalle ore 17.30, in via dell'Uccelliera 1.
Giochi, attrazioni, iniziative per grandi e piccini, le mascotte di Batman, Spiderman e Pikachu. Questo il gustoso menù del pomeriggio di divertimento che vedrà, inoltre, la presenza - direttamente dalla trasmissione televisiva “Colorado” - di Alberto Farina e Nduccio: i due noti comici sono pronti a far ridere i visitatori con le loro battute ironiche e spiritose. Dopo il successo dello scorso anno, che ha visto migliaia di persone giungere ad Ariccia da tutta Roma e da tutta Italia, dunque, torna lo splendido spettacolo di luci che sarà possibile ammirare fino al prossimo 20 gennaio 2019.

Il progetto, fanno sapere gli organizzatori della manifestazione, è stato realizzato appositamente per il Parco Chigi di Ariccia, risaltando le più belle favole della Walt Disney: da Frozen a Pinocchio e Babbo Natale, passando per tanti altri personaggi che hanno fatto la storia dei cartoni animati. All'ingresso della Piazza ariccina ci sarà un percorso illuminato da una stella cometa della lunghezza di sette metri, che indicherà a tutti i visitatori la strada da seguire sino al Parco Chigi. All'ingresso del Parco Chigi, tutti i personaggi saranno esposti con pannelli in forex illuminati, di misure variabili dai due ai sette metri. Inoltre, ogni fiaba avrà un libro che ne narrerà la storia, sagomato in forex di due metri per due, che aiuterà i visitatori a documentarsi e seguire il percorso. Insomma, sta per iniziare il fantastico viaggio nel “Parco delle Favole Incantate”, illuminato nel Natale e nell'universo dei cartoni animati, che sarà visitabile per tutto il periodo delle feste, e anche oltre.

Tivoli, preoccupazione e contrarietà per "declassamento" sede Inps

tivoli“In questi giorni non si fa che parlare dell’eventuale declassamento della sede Inps di Tivoli,

che abbraccia un bacino d’utenza di oltre 200mila cittadini e quasi 40 comuni.

Esprimiamo forte preoccupazione e contrarietà rispetto alla possobilità di declassare quella di Tivoli

da “agenzia complessa” ad “agenzia territoriale”,
visto e considerato che già nel lontano 2013 venne chiusa la sede Inps di Guidonia Montecelio per poi accorparla successivamente alla attuale di Tivoli, creando appunto un’unica sede territoriale. Se questo declassamento fosse confermato, dunque, i cittadini dell'area tiburtina si vedrebbero costretti a raggiungere la struttura di Roma Est, in prossimità di Montesacro, per la maggior parte dei servizi prestati dall'Istituto di previdenza nazionale, mentre la sede di Tivoli verrebbe ridotta a un ruolo marginale, con pochi dipendenti e funzioni pressoché nulle. Senza considerare che già oggi i servizi della sede tiburtina non sono così efficienti, a causa della cronica carenza di personale, con nefaste conseguenze per gli operatori di patronato, spesso in balia di pratiche in forte ritardo o per mancanze di risposte in merito a prestazioni richieste dai nostri assistiti. Iniziativa Comune auspica una convergenza di tutte le forze politiche, soprattutto quelle che oggi governano la città di Tivoli e Guidonia, per opporsi a una scelta illogica e fuoriluogo”.

Così, in una nota, il portavoce di Iniziativa Comune, Rocco Tiso, e il responsabile locale di Iniziativa Comune, Attilio Arbia.

Rivoluzione Animalista vicina ai giornalisti: "No al bavaglio"

giornalista“In queste ore tanti giornalisti sono in piazza per tutelare la libertà di stampa e contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce nei confronti di chi quotidianamente lavora per raccontare la società italiana. Un linguaggio illogico, fuori luogo, che Rivoluzione Animalista condanna con fermezza, esprimendo al contempo solidarietà ai tanti giornalisti italiani, molti dei quali impegnati a sviscerare storie di maltrattamenti nei confronti dei nostri amici animali. Noi siamo dalla parte della libertà di stampa, un principio costituzionalmente riconosciuto che va protetto e valorizzato”. Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Marino, il Pd incontra i cittadini per parlare di Appia Antica

appia antica“Non si fermano gli incontri, organizzati dal Partito Democratico di Marino, per sensibilizzare la comunità locale sui nuovi confini del Parco Regionale dell'Appia Antica. Un provvedimento diventato realtà grazie al lavoro e alla attenzione della giunta del presidente Nicola Zingaretti e di tutta la maggioranza di centrosinistra in Consiglio regionale del Lazio. Mercoledì 14 novembre, a partire dalle ore 18,30, dunque, chiamiamo i cittadini a raccolta presso la sede del Pd Marino, in via Silvio Pellico, 81, a Santa Maria delle Mole, per parlare ancora una volta del Parco dell'Appia Antica, alla presenza dell'assessore regionale all'Urbanistica, Massimiliano Valeriani, che spiegherà l'iter amministrativo che ha condotto all'approvazione di un atto che avrà benefici importanti ed effetti positivi sulla difesa paesaggistica, storica e archeologica del nostro meraviglioso territorio”.

Così, in una nota, il segretario Pd Marino, Sergio Ambrogiani, il presidente Pd Marino, Domenico Trabalza, e i consiglieri comunali Pd Marino, Franca Silvani e Gianfranco Venanzoni.