Venerdì, 03 Aprile 2020

Ultimo aggiornamento03:12:09 PM

  • Twitter
  • Info

Sanità, Cambiamo chiede lumi su punti nascita di Nettuno e Anzio

58D5B637-D9A6-4DCF-93A8-2E2E4841F79B“Nelle ultime ore è giunta la comunicazione dell'Asl Roma 6 che conferma la chiusura della Pediatria e Ostetricia di Velletri e Anzio, trasferendo il reparto presso l’ospedale dei Castelli, dove sono stati allestiti 80 posti letto per l’emergenza Covid -19. Pur comprendendo la delicatezza di questa fase emergenziale, dobbiamo tuttavia esprimere la nostra massima preoccupazione: con Zingaretti presidente della Regione Lazio, infatti, le sospensioni temporanee diventano spesso e volentieri dismissioni definitive. E noi non vogliamo che sia il caso dei punti nascita dei nosocomi di Velletri e Anzio, il cui trasferimento è, a nostro giudizio, illogico e fuori luogo. Alla luce di questo contesto, dunque, ho intenzione di chiedere un incontro urgente alla direzione generale dell’Asl Roma 6 al fine di trovare una soluzione unitaria e condivisa, che tenga conto delle istanze del territorio, e che sopratutto tuteli il diritto alla salute di bambini e future mamme”.
Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio e uno dei fondatori nazionali di “Cambiamo” con Toti, Adriano Palozzi, e il consigliere comunale di Velletri in quota Cambiamo, Riccardo Iannuzzi.

In arrivò moratoria su mutui e prestiti. Assotutela gioisce

“Già operativo l'Accordo tra ABI e Associazioni di impresa, con cui è stata estesa ai prestiti concessi fino al 31 gennaio 2020 la possibilità di chiedere la sospensione o l'allungamento.
La moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese, danneggiate dall'emergenza epidemiologica Coronavirus COVID-19, riguarda la sospensione del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti può essere chiesta fino a un anno. In attesa di un riscontro totale da parte del governo, Assotutela si gode la sua parziale vittoria.
Ottenute in buona parte, le richieste lanciate al governo che si sta attivando,per una tutela adeguata e completa ai cittadini. La richiesta di Assotutela viene accolta dal premier Conte che sospende mutui e imposte per le imprese. Da la possibilità di sospendere l’accordo Abi, i mutui e i prestiti aziendali fino ad un anno. Si aspetta nelle prossime ore l’emendamento del premier Conte per la sospensione ai privati fino a data da destinarsi. Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela, sottolinea: “l’Italia ha bisogno di grandissimo sostegno in questo momento di difficoltà”.289FE7A6-3421-45AA-B89B-B239D5BE42FE

Torna la Rassegna Rosso Porpora. I diritti delle donne tra riflessioni e teatro

digioiabarTorna la Rassegna Rosso Porpora. I diritti delle donne tra riflessioni e teatro
Doppio appuntamento, il 28 e il 29 febbraio, con la Rassegna Rosso Porpora 2020 che, quest’anno, giunge alla terza edizione. L’auditorium del Museo diocesano ospiterà venerdì 28 febbraio, alle 19, “Codice Rosso. Le norme a tutela delle donne vittime di violenze e discriminazioni dopo la legge del 19 luglio 2019, n. 69” a cura del Magistrato Dott. Valerio de Gioia. L’argomento sarà approfondito dallo stesso dottor de Gioia insieme ad Adriana Pannitteri, scrittrice e giornalista Rai 1; e sabato 29 febbraio, alle 20, a cura dell’Associazione culturale Galleria Manfredi di Lucera, “Harem, le donne di Federico”, con Carla De Girolamo che ne cura anche la regia, un piccolo giallo storico in cui la figura di Federico II di Svevia è narrata attraverso tre figure femminili protagoniste: Bianca Lancia, sua figlia Violante e la sua balia. Le tre donne aspettano Federico che manca da due anni, ma la sparizione della collana che lui ha regalato a Bianca trasforma la festa che preparavano in un dramma imminente.
«L’universo femminile è sempre al centro di questa rassegna, ma con uno sguardo, quest’anno, ai diritti delle donne. Ne parleremo con il magistrato Valerio de Gioia e la scrittrice e giornalista Rai Adriana Pannitteri per un approfondimento sulla legge n. 69 del 2019 denominata “Codice Rosso” – sottolinea l’Assessore alla Cultura Sara Allegretta, che ha ideato la Rassegna — proseguiremo poi con il percorso artistico-letterario, intrapreso già dal 2018, che ha visto sempre sold out alle iniziative realizzate. Con il secondo appuntamento: ”Harem, le donne di Federico”, restituiamo al teatro – conclude l’Assessore — lo spunto di riflessione sul ruolo delle donne ai tempi di Federico II di Svevia, un ruolo che scopriremo non troppo lontano dalla nostra realtà».
Entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito.

Comunali ad Albano Laziale, Ferrarini candidato sindaco di Fdi, Cambiamo e due liste civiche

massimoferrarini“Fratelli d’Italia, Cambiamo, la lista “Ne destra, ne sinistra, Io amo Albano” comunicano che sosterranno la candidatura a sindaco di Massimo Ferrarini in occasione delle prossime elezioni amministrative di Albano Laziale 2020. Siamo sorpresi per questa incomprensibile fuga in avanti da parte di Lega, Fi, Area Democratica e La Città, che hanno proposto in maniera autonoma e per nulla condivisa la candidatura a sindaco di Matteo Orciuoli. Ricordiamo agli amici del centrodestra che avevamo dato la totale disponibilità a condividere una scelta unitaria, che fosse il frutto di dialogo democratico tra tutti gli alleati ma, alla luce del comunicato odierno, prendiamo atto che qualcuno nel centrodestra preferisce agire in maniera egoistica e divisiva. Un modus operandi che le scriventi forze politiche e civiche non accettano: per questa ragione, riteniamo con grande convinzione che Massimo Ferrarini rimanga l’unico candidato sindaco in grado di garantire il vero cambiamento di cui Albano Laziale ha disperato bisogno, dopo dieci di disastri e fallimenti, targati centrosinistra”.

Così, in una nota, Roberto Cuccioletta dirigente provinciale di Fdi, Massimiliano Giordani, responsabile comitato promotore “Cambiamo” Provincia di Roma, Simone Carabella, coordinatore della lista “Ne destra, ne sinistra, amo Albano”.

Marco Moresco, coordinatore lista civica “Pavona Libera”, aggiunge: “Le periferie di Albano non sono uno slogan, né un ghetto, né un gigantesco dormitorio. Non sono terre di conquista di cui ci si ricorda solamente pochi mesi prima delle elezioni. Chi, come me, ci vive sa benissimo che le periferie sono territori con una propria storia, identità e senso di appartenenza. Concetti che l’attuale amministrazione ha ignorato per dieci anni o, peggio, finge ancora di ignorare. Pavona è da anni abbandonata, come Cecchina, come Le Mole ma come, purtroppo tutta la città, per questo è necessario un cambiamento. Per questo auspico che il centrodestra si presenti più unito che mai alle prossime elezioni. Insieme alla mia lista civica “Pavona Libera” sono pronto a sostenere il candidato della coalizione di centrodestra che saprà meglio interpretare non solo le esigenze delle periferie ma di tutti i cittadini dimenticati dalle istituzioni. Per questo riteniamo la proposta di Fratelli d’Italia di candidare a sindaco Massimo Ferrarini meritevole di attenzione. Massimo Ferrarini è persona esperta e preparata; siamo pronti a sostenerlo auspicando sia il candidato unitario del centrodestra”.

Provincia di Roma, il comitato promotore "Cambiamo" si fa itinerante

adriano-palozzi10Continua con impegno e dedizione il radicamento sul territorio di “Cambiamo” con Toti, in particolare nell’area metropolitana di Roma Capitale

dove il gruppo “arancione” cresce giorno dopo giorno tanto da riscuotere numerose adesioni

e grande interesse in tutto il quadrante provinciale. “Per questa ragione - sottolinea, in una nota, Adriano Palozzi,

consigliere regionale del Lazio e uno dei fondatori nazionali di “Cambiamo” -, in accordo con i nostri quadri locali e con Massimiliano Giordani,

responsabile del comitato promotore “Cambiamo” Provincia di Roma, abbiamo deciso di rendere le riunioni del comitato provinciale “itineranti”, così da essere a portata di tutti i cittadini. Un modus operandi innovativo e interessante che sta registrando peraltro partecipazione ed entusiasmo. Cominceremo stasera da San Cesareo, ospitati dal consigliere comunale Stefano Roma, dove parleremo degli obiettivi presenti e futuro del movimento politico di Toti e promuoveremo la campagna tesseramenti. Con sacrificio e passione, stiamo crescendo e nelle prossime settimane il nostro comitato toccherà tutto il territorio della provincia di Roma”, conclude Palozzi.

In provincia di Roma si parla di randagismo e diritti animali

caratravagliniNon si fermano gli incontri istituzionali del partito politico “Rivoluzione Animalista”

con gli enti locali e nazionali. Negli scorsi giorni il segretario nazionale Gabriella Caramanica

ha incontrato Riccardo Travaglini, primo cittadino di Castelnuovo di Porto.

Un “faccia a faccia” cortese e proficuo al fine di parlare delle azioni a tutela

e difesa dei diritti animali. “Una collaborazione e una intesa molto importanti”, l’ha definita Gabriella Caramanica. Che, poi, ha aggiunto: “A Castelnuovo di Porto l’amministrazione comunale sta affrontando le tematiche animali con intelligenza e competenza. Ad esempio, il randagismo, piaga sociale che domina in tanti territori, qui è stato arginato con una brillante iniziativa di sostegno attraverso un incentivo destinato a chi adotta un cane. Un modo questo di regalare ai nostri amici animali una vita dignitosa in famiglia, evitando loro il carcere a vita. Un esempio questo che tanti altri comuni del Lazio, e non solamente, dovrebbero prendere in seria considerazione”, ha concluso il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, che nelle prossime settimane darà vita a nuovi incontri istituzionali, sia a livello municipale che sovracomunale.

Ardea si tinge di arancione. Ecco il nuovo circolo di "Cambiamo"

cambiamoardea3Ardea si tinge sempre più di arancione, come il colore di “Cambiamo”, il movimento politico di Giovanni Toti

che sta vivendo importanti momenti di adesione e partecipazione su tutto il territorio provinciale e regionale.

Nelle scorse ore, infatti, è stato inaugurato un nuovo comitato promotore con Tores Parroni responsabile locale. Presenti il responsabile del comitato promotore “Cambiamo”

Provincia di Roma, Massimiliano Giordani, e il membro del comitato promotore regionale “Cambiamo” Lazio e presidente dell’associazione “Roma sei tu”, Fabio Fiesole.

Che spiega: “Siamo molto contenti della nascita di questo terzo comitato. Una squadra di amici che hanno a cuore il bene di Ardea. A loro rivogliamo i nostri più sentiti auguri di buon lavoro”. Giordani aggiunge: “Questo appena nato è solo l’ultimo di una lunga serie di comitati, la dimostrazione del buon lavoro e dell’ottimo radicamento che stiamo riscontrando nell’area metropolitana di Roma Capitale”. Il consigliere regionale del Lazio e uno dei fondatori nazionali di “Cambiamo”, infine, sottolinea: “Sono soddisfatto dell’affetto e dell’attivismo politico intorno al nostro movimento. Ricordo che da pochissimo è on line il sito www.cambiamo.eu dal quale è possibile accedere per aderire e costituire i comitati territoriali di Cambiamo”.

Fratelli d'Italia: "Fallimento Raggi-Zingaretti su rifiuti"

rifiuti2jpg“Virginia Raggi: raccolta differenziata in crisi, Ama in crisi, degrado in ogni dove, dalla periferia al centro di Roma. Nicola Zingaretti: inefficienze amministrativa, piano rifiuti mai approvato. Mettili insieme e la frittata è fatta: la Capitale d’Italia in emergenza ambientale e lotta contro il tempo per trovare una discarica in cui portare i rifiuti. Un contesto preoccupante, dove i territori sono in subbuglio, i residenti esasperati a causa della mancata pianificazione da parte di Roma Capitale e Regione Lazio. Zingaretti e Raggi, due facce della stessa medaglia, incapaci di programmare un virtuoso e corretto ciclo di smaltimento rifiuti. Un danno per le famiglie romane, un danno di immagine per la stessa Urbe Eterna, finita sulle cronache nazionali e non solo a causa dell’incompetenza grillina e sinistrorsa”.

Così, in una nota, il presidente di Assotutela ed esponente Fdi, Michel Emi Maritato, e i dirigenti di Fratelli d’Italia, Federico Rocca e Amedeo Zamparelli.

Albano Laziale/ Remo Giorgi premiato dal presidente Mattarella per meriti sociali

giorgiromaRemo Giorgi tra sociale e politica. Martedì 19 novembre il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito con proprio decreto (del 2 giugno scorso) a Remo Giorgi, cittadino di Albano Laziale, l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana” per le sue attività sociali. Il noto professionista albanense, in passato consigliere comunale, aveva già ricevuto il titolo di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”.
Sottolinea Giorgi: “Si tratta di un riconoscimento importante, che mi riempie di orgoglio. Ho sempre lavorato per il bene della comunità in silenzio e con dedizione, e vedere riconosciuto dalle massime istituzioni questo mio impegno mi spinge a continuare a operare con umiltà sui territori”.
Un impegno da sempre sociale ma anche politico, nella dimensione complessiva del bene comune: “Si, nella precedente legislatura i cittadini mi hanno dato la loro fiducia e ho sempre lavorato per migliorare la vivibilità del centro storico e delle frazioni di Albano Laziale. Inoltre ho operato in prima linea per il risanamento del bilancio comunale con la netta riduzione dei fitti passivi (vedi anagrafe e polizia locale): un primo obiettivo della mia consiliatura, raggiunto con successo”
Un impegno che Remo Giorgi intende di nuovo mettere a disposizione della collettività: “E’ ancora presto per le ufficializzazioni. Albano Laziale andrà al voto nella prossima primavera e, prima di nomi, credo sia doveroso confrontarsi sui programmi e sulle politiche attive, continuando sulla scia di buongoverno messa in campo in questi dieci anni dal sindaco Nicola Marini”, ha concluso Giorgi.