Sabato, 25 Novembre 2017

Ultimo aggiornamento01:08:07 PM

  • Twitter
  • Info

Castelli romani: psicosi stupratore. L'uomo forse in azione a Pavona

 di Luca Priori
 
  Quella che si è scatenata nei Castelli romani è una vera e propria caccia all’uomo o meglio allo stupratore. Tutto è partito dalla città di Velletri, dove il 2 Febbraio si è verificato il primo caso di rapina con stupro. Pochi giorni dopo, nella notte di Sabato 9 Febbraio, si è verificato un nuovo caso di stupro con rapina. Le dinamiche degli accaduti sono apparse, agli occhi degli investigatori, congruenti; il copione è sempre lo stesso: la vittima viene avvicinata e picchiata all’interno di un parcheggio, fatta salire nella propria autovettura, portata in un luogo isolato e quindi violentata. Per questo motivo, le forze dell’ordine hanno avviato la ricerca di uno stupratore che parrebbe essere seriale. Nonostante tutto ciò, le indagini, iniziate ormai quasi un mese fa, si sono arenate, infatti non è stata ancora confermata la corrispondenza fra gli autori dei due fatti sopracitati. A buttare benzina sul fuoco, sono stati in prima istanza i social network, attraverso cui gli utenti hanno iniziato a divulgare immagini e notizie quasi sempre da verificare; in seconda istanza la televisione. E’ il 20 Febbraio quando vari telegiornali regionali annunciano l’arresto di un uomo a Ciampino, colto in flagranza di reato mentre rapinava una donna in un parcheggio; la figura di quest’ultimo è stata sin da subito associata a quella del presunto stupratore seriale. Corrispondenza poi non confermata.

Quando tutto sembrava ormai sopito, a gettare nuovamente nel panico i Castelli romani è stata la trasmissione “Chi l’ha Visto” andata in onda su Rai Tre, Giovedì 28 Febbraio. Durante la trasmissione c’è stato un collegamento con Velletri, durante il quale è stata intervistata una donna visibilmente tumefatta in volto, a causa di un’aggressione senza stupro, avvenuta qualche giorno prima sempre nella cittadina dei Castelli. Dopo la puntata della trasmissione, si è rimesso in moto il tam tam sui social network che ha nuovamente prodotto numerosissime notizie di nuovi casi e avvistamenti. Non da ultima, quella di un nuovo tentativo di violenza avvenuto a Pavona, frazione di Albano Laziale; anche in questo caso, tuttavia, le forze dell’ordine hanno prontamente chiarito come non ci sia certezza sulla corrispondenza fra gli autori dei fatti accaduti. Particolare comunque insufficiente a frenare la psicosi ormai evidentemente dilagante.