Giovedì, 21 Giugno 2018

Ultimo aggiornamento03:43:41 PM

  • Twitter
  • Info

Comunali a Velletri, Iannuzzi: “smentisco ricostruzioni fantasiose su di me”

riccardoiannuzziRiccardo Iannuzzi, esponente politico di Velletri e primo degli eletti nella lista della Lega al primo turno delle elezioni comunali, interviene in merito alle polemiche degli ultimi giorni:

“Sono stato candidato alle elezioni comunali di Velletri nella lista della Lega contribuendo all’ottimo risultato del partito di Matteo Salvini perché già da tempo ho lasciato Forza Italia in aperto dissenso con la linea di questo partito. Il fatto che Adriano Palozzi - spiega Iannuzzi -, consigliere regionale del partito in cui ho militato fino a qualche tempo fa, si sia complimentato con me per il buon risultato personale ottenuto alla amministrative di Velletri è per me un gesto di cortesia che apprezzo ma che non cambia una virgola la mia posizione politica”.

Iannuzzi continua: “Sono un iscritto alla Lega e al ballottaggio sostengo con forza la candidatura di Giorgio Greci alla carica di sindaco così come ho fatto, insieme al mio partito, al primo turno. Ogni altro tipo di ricostruzione o accostamento, compresa quella che indica Palozzi come sponsor di Giorgio Greci è frutto di fantasiose elucubrazioni smentite dai fatti. Infatti Forza Italia, il partito di Palozzi, Fazzone. Ladaga, alle amministrative di Velletri ha sostenuto un altro candidato che non è arrivato al ballottaggio. 

Per quanto riguarda la vicenda giudiziaria di Adriano Palozzi, auguro lui di riuscire a dimostrare la sua estraneità ai fatti e penso che la magistratura saprà fare il suo lavoro”, conclude Iannuzzi.

giudiziaria di Adriano Palozzi, auguro lui di riuscire a dimostrare la sua estraneità ai fatti e penso che la magistratura saprà fare il suo lavoro”, conclude Iannuzzi.

Montelibretti, la denuncia di Petrucci: "Centro storico isolato"

montelibretti“Il centro storico di Montelibretti è parzialmente isolato”. A lanciare il monito, social e istituzionale, è il consigliere di minoranza Emiliano Petrucci, che si rivolge all’ex Provincia di Roma per sbrogliare una situazione viaria complicata, che si trascina ormai da mesi. Spiega l’esponente di Rinnoviamo Montelibretti: “Lo scorso 28 maggio ho inviato una nota al Vice Presidente della Città Metropolitana Roma Capitale, Mario Cacciotti, evidenziando lo stato di totale abbandono di Via Carolano, interdetta al traffico veicolare ormai dal 21 febbraio”. Da più di tre mesi, infatti, il centro storico di Montelibretti è “parzialmente isolato, con conseguente disagio per tutti i cittadini che quotidianamente devono raggiungere luoghi di interesse come il centro di raccolta comunale, il cimitero, gli impianti sportivi e l’isola ecologica”, rincara Petrucci. Che, quindi, specifica: “A seguito di questa mia nota il Vicepresidente Cacciotti ha presentato un’istanza al presidente Virginia Raggi, con la richiesta di un intervento immediato e risolutore per il ripristino della strada. Ho informato di questa mia azione il sindaco e tutti i consiglieri comunali, perché collaborando insieme si possono risolvere i problemi della nostra comunità”. Si attendono novità da Palazzo Valentini.

Marco Montini

Comunali, sorpresa Cascioli a Segni. A Valmontone conferma Latini

comunali2017Il 10 giugno i cittadini di Segni e Valmontone si sono recati alle urne per scegliere i loro rispettivi sindaci e consiglieri comunali. Se per quanto riguarda la città casilina la rielezione del sindaco uscente Alberto Latini ha rispettato i favori del pronostico, un po’ più sorprendente è l’affermazione nel paese lepino di Piero Cascioli con la lista civica “Segni di Rinascita”. Il neo sindaco è stato eletto con il 31% delle preferenze al termine di un testa a testa serrato con il contendente di centrosinistra Cesare Rinaldi, favorito alla vigilia, che si attesta al 27% e a cui evidentemente non è bastato il sostegno in campagna elettorale dello stato maggiore del Partito Democratico, Astorre e Minniti su tutti. Sul gradino più basso del podio Giuseppe Raviglia con il 20%. A seguire il pentastellato Guido Bassetto con il 10,5% e Cristina Vittori con poco meno del 10% (unico candidato sindaco non eletto in consiglio comunale). In netto calo l’affluenza che si è attestata intorno al 67% e di circa 10 punti percentuali inferiore rispetto alle precedenti elezioni comunali. Questa la composizione del prossimo Consiglio comunale segnino che si insedierà dopo 4 mesi di commissariamento prefettizio:

“Segni di Rinascita” – 8 seggi. Piero Cascioli (Sindaco), l’ex primo cittadino Renato Cacciotti, Ciotti, Mentuccia, Recchia, Biancone, Coletta, Pucello e Corsi.

“Lista Centrosinistra” – 2 seggi. Cesare Rinaldi e Bartolozzi.

“Raviglia Sindaco” – 1 seggio. Giuseppe Raviglia.

“Movimento 5 Stelle” – 1 seggio. Guido Bassetto.

I valmontonesi confermano invece il sindaco uscente Alberto Latini che con la sua lista “Libera Valmontone” ottiene il 46,22%e batte il suo ex assessore alla Cultura e ai Servizi Sociali Maria Grazia Angelucci che con la civica “Siamo Valmontone” ottiene un ottimo, ma insufficiente, 39,40% . Piuttosto deludente il risultato di Massimiliano Bellotti che invece con “La Tua Voce per Valmontone” non riesce ad andare oltre il 14%. Buona l’affluenza alle urne che supera abbondantemente il 70%. Ultima elezione a turno unico per la città di Valmontone che, con tutta probabilità, dalla prossima tornata elettorale passerà al doppio turno avendo superato oramai la fatidica soglia dei 15.000 abitanti. I cittadini di Valmontone hanno lanciato un chiaro segnale di continuità e da oggi si aspettano che Latini e la sua maggioranza mantengano fede agli impegni presi in campagna elettorale: la realizzazione di un nuovo piano regolatore generale, la sistemazione degli edifici scolastici esistenti, la costruzione di un nuovo edificio per ampliare l’offerta formativa della scuola superiore, il rinnovo completo della pubblica illuminazione in project financing, la realizzazione di un centro sportivo polivalente e la revisione del piano del traffico urbano. Dai dati a disposizione la composizione del prossimo Consiglio comunale valmontonese dovrebbe essere la seguente:

“Libera Valmontone” – 11 seggi. Alberto Latini (Sindaco), Bernabei, Gentili, Leone, Natalizia, Zianna, Pizzuti, Nardecchia, Pierluigi Pizzuti, Matrigiani, Cerci e Mujic.

“Siamo Valmontone” – 4 seggi. Maria Grazia Angelucci, Attiani, Petrucci e Pizzuti.

“La Tua Voce per Valmontone” – 1 seggio. Massimiliano Bellotti.

Per il territorio della Valle del Sacco-Monti Lepini appuntamento al prossimo anno quando saranno chiamati al voto i comuni di Carpineto Romano, Gavignano e Gorga.

Chiara Marricchi 

Ponte degli Arci, proseguono i lavori secondo cronoprogramma

astralL’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Mauro Alessandri, comunica che, a quasi un anno dall’inizio dei lavori, sta procedendo con regolarità nei lavori per la realizzazione della variante all’attuale tracciato della strada provinciale Empolitana, nel tratto di collegamento tra l’abitato di Tivoli e lo svincolo autostradale della A24 di Castel Madama, che rappresenta il principale accesso alla cittadina.

Sono stati realizzati la spalla del ponte e la pila centrale e, dal 13 giugno prossimo, si procederà con il sollevamento delle travi. Alla posa dell’ultima trave è, inoltre, prevista la chiusura al traffico della via Empolitana per due giorni, ma soltanto durante le ore notturne.

Un’opera che si inserisce in un contesto di grande valenza storico-ambientale.

“Basti pensare – dichiara l’Amministratore unico di Astral Spa, ing. Antonio Mallamo – che verranno tutelati i resti di tre acquedotti di epoca romana (Anio Vetus, Anio Novus e Aquae Marcia) e del ponte medievale che insistono sul tratto interessato della strada provinciale. Previsto il restauro conservativo dell’arco dell’Aquae Marcia, al momento puntellato a seguito di un danneggiamento avvenuto nel 2014”.

L’opera, che ha un costo complessivo di quasi 11 milioni di euro, sarà ultimata nel mese di novembre p.v.

Capena, Consiglio di fuoco sul rendiconto. Paganelli attacca la maggioranza

mirtapaganelli2Tema di discussione la relazione del revisore dei conti che ha espresso una serie di criticità sul rendiconto 2017

Consiglio comunale di fuoco a Capena, lunedì scorso, con la discussione del bilancio all'ordine del giorno. A quasi un anno dall'insediamento dell'amministrazione Barbetti, l'organo di revisione dei conti ha dato parere negativo, ma la consigliera di minoranza Mirta Paganelli, responsabile dipartimento donne di Forza Italia e appartenente al gruppo misto in Consiglio comunale, ha fatto un affondo durissimo alla maggioranza, chiedendo conto delle affermazioni che il revisore dei conti dell'ente - il dottor Mandolesi - ha scritto sulla sua relazione. Una relazione dettagliata, di ben 70 pagine, in cui vengono esposte una serie di criticità relative al rendiconto 2017.

Ha sottolineato la consigliera Paganelli sul tema: “Abbiamo passato un anno a sentirci rispondere dalla maggioranza che il revisore è un pazzo, un esaltato, e ho voluto chiedermi perché un organo di controllo esterno all'ente dovrebbe avere interesse a fare la guerra all'amministrazione in carica, onestamente il motivo non esiste. Ho studiato con attenzione la sua relazione e l'ho messa a confronto con il Rendiconto interno fatto dal responsabile dell'ufficio tributi e ragioneria del Comune, altro che matto! Entrambi dicono la stessa cosa, usano a volte terminologie diverse ma la sostanza è la stessa. L'aspetto più preoccupante di tutta la situazione è rappresentato dal fatto che il Revisore per ogni capitolo, scrive chiaramente che il Comune di Capena, con varie tecniche ha ostacolato ed impedito la sua vigilanza, negandogli anche l'accesso al sistema contabile”. Parole forti, quelle della Paganelli, che poi ha continuato: “Ne ho chiesto conto in Consiglio comunale ma questa maggioranza ci gira intorno senza rispondere mai nel merito, l'hanno fatto anche questa volta, il Sindaco, rispetto al fatto che hanno ostacolato il Revisore nella vigilanza, ha risposto che è una frase maniacale ed ossessiva. Addirittura l'avevano denunciato per diffamazione ma il Tribunale di Tivoli ha archiviato la denuncia sottolineando che il Revisore aveva il dovere di segnalare le irregolarità riscontrate, per non essere lui stesso sottoposto a procedimento penale”.

“Ho detto in Consiglio – affonda la Paganelli - che chiederò ufficialmente un incontro con il Dottor Mandolesi, di cui ho cercato il curriculum  e con piacere ho notato che è una sfilza di competenze con cariche importanti e non solo nazionali,  perchè vorrei capire meglio. Comincio ad avere il dubbio che l'amministrazione voglia consapevolmente portare il Comune in dissesto finanziario per azzerare i conti, spero di sbagliarmi. A quanto sembra, forse questa è una situazione che le autorità competenti dovrebbero monitorare, davanti a certe affermazioni c'è poco da stare tranquilli”, chiosa la Paganelli.

Comunali a Sacrofano, Palozzi: "FI sostiene Tommaso Luzzi"

luzzi“In merito a quanto riportato da un autorevole quotidiano romano sulle elezioni comunali di Sacrofano, ci teniamo a sottolineare che l’unica candidatura a sindaco, appoggiata da Forza Italia, è quella di Tommaso Luzzi, primo cittadino uscente che in questi anni ha dato un grande esempio di buongoverno e stabilità amministrativa alla città di Sacrofano. Forza Italia, dunque, sostiene con forza il suo progetto politico, sicuri che si rivelerà alternativa vincente alla incompetenza della sinistra”. Così, in una nota, il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

Comunali a Velletri, Fi nel caos. Quadri locali contro il coordinatore regionale

forzaitaliabandierasingola“Dopo mesi di percorso politico fatto di riunioni, manifestazioni, incontri con gli alleati, stesura del programma e quanto altro necessario ad una coalizione che voglia realmente vincere le elezioni, a poche ore dalle presentazione delle liste per le Comunali di Velletri, siamo ancora nelle condizioni di dover capire se Forza Italia si presenterà al fianco del candidato Giorgio Greci, con il quale da ormai due anni va avanti un proficuo percorso, o farà scelte diverse che, allo stato attuale, sarebbero incomprensibili e inaccettabili. Qualora, infatti, la scelta del coordinamento regionale FI Lazio fosse quella di non sostenere Greci, l’unica strada che perseguiremo, saranno le dimissioni da Forza Italia, aprendo all’opportunità di aderire ad altre liste a sostegno di Greci. Una decisione, la nostra, che si rivelerebbe dolorosa ma inevitabile, e per la quale non potremmo che “ringraziare” il coordinamento regionale FI. Ci auguriamo, tuttavia, che questo scenario rimanga nell’alveo delle indiscrezioni e che in Forza Italia prevalgano, alla fine, buonsenso e condivisione di intenti su logiche di spaccatura e ambizioni personali”. Così, in una nota, Riccardo Iannuzzi, Coordinatore comunale FI Velletri, Gianni Cerini, Consigliere comunale, Priscilla Zamboni, Presidente Club Forza Silvio, Mirella Proietto, Coordinatrice Donne FI, Giovanni Marchioni, Coordinatore Senior FI, Paolo Isca, Coordinatore Giovani FI.

Frascati, al teatro Villa Sora grande partecipazione al convegno “Giovani Violenti”

villasora“Giovani Violenti: Bullismo, Baby Gang e Violenza di genere” è il titolo di un convegno tenutosi ieri, sabato 14 aprile, al Teatro Villa Sora. Un evento estremamente attuale, un approfondimento da un punto di vista giuridico, psicologico e pedagogico dei comportamenti violenti di adolescenti in coppia e in gruppo. Sono state trattate e analizzate tematiche importanti come il bullismo, le baby gang, la violenza di genere e tutte le condotte adolescenziali diffuse tra strada, scuola e web.  Proprio per comprendere l’importanza di un approccio multidisciplinare alla problematica della violenza giovanile, l’Osservatorio Nazionale Adolescenza ha organizzato questo evento formativo rivolto a genitori, insegnanti, ragazzi e a tutti i professionisti del settore, per comprendere le dinamiche, le motivazioni e le strategie di intervento. Hanno sviscerato questi delicati temi: Maura Manca, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Ciro Nutello, Coordinatore del Progetto “Scuole Sicure” della Questura di Roma, Andrea Labasi, Avvocato, Don Francesco Marcoccio e Gianni Torroni, Dirigenti scolastici, Marcella Ciapetti, Pedagogista, Chiara Antonini, Psicoterapeuta dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Simone Barraco, il Direttore Artistico del Centro Internazionale “Il Girasole”. L’aspetto della violenza giovanile sembra sia un’emergenza sociale data da l’incremento dei comportamenti legati alla microcriminalità e la violenza rivolta verso le persone da parte di ragazzini sempre più piccoli. Infatti, secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, su un campione di 11.500 adolescenti, dagli 11 ai 19 anni, che non vivono in condizioni di rischio: il 24% dei ragazzi ha partecipato a risse, il 22% ha commesso atti vandalici, il 6,5% fa parte di una gang e 1 su 10 dichiara di aver aggredito un coetaneo senza motivo.

Si tratta di comportamenti di una gravità estrema, apparentemente immotivati, un agire impulsivo, quasi in preda ai propri impulsi aggressivi in un apparente escalation di violenza. Il problema di questi adolescenti che agiscono in branco o in bande, è che non hanno più paura dell’autorità in generale, sia scolastica o genitoriale. Il fatto di non avere più timore delle conseguenze delle proprie azioni, delle sanzioni e di far del male, li fa sentire onnipotenti e li porta a sfidare, attraverso tutta una serie di comportamenti antisociali.  Ciò che, inoltre, è stato messo in luce dal convegno, è che non si deve fare l’errore di confondere questi comportamenti criminali con il bullismo, come purtroppo spesso accade. Il bullismo, infatti, prevede una ripetitività dei comportamenti rivolti intenzionalmente nei confronti di una vittima, bambino o adolescente che sia, presa di mira per alcune sue specifiche caratteristiche o fisiche o di personalità, in cui c’è una asimmetria di potere, ossia uno è più debole fisicamente e psicologicamente dell’altro. È emerso che, nella fascia tra i 14 e i 18 anni, il 28% dei ragazzi è stato vittima di bullismo mentre, nella fascia tra gli 11 e i 13 anni, i numeri salgono fino al 30%. Inoltre, è stato approfondito poco il tema della violenza di genere tra gli adolescenti, fenomeno troppo spesso sottovalutato, sebbene sia molto diffuso anche tra i più piccoli. Infine, durante l’evento, è stato sottolineato come la tecnologia, soprattutto all’interno delle coppie, sia diventata un amplificatore costante delle violenze che tanti ragazzi subiscono. Per tale ragione, non dobbiamo sottovalutare le violenze digitali perché le chat e i social network vengono usati come vere e proprie armi per soffocare l’altro: il 16% degli adolescenti è stato obbligato a cancellare amici/amiche su Facebook o su altri social network e 7 su 100 sono stati addirittura obbligati a dare la password, così da essere costantemente monitorati. Si tratta di persone che, per paura di essere tradite, lasciate e abbandonate, utilizzano queste modalità controllanti ed intrusive, violando la libertà e la privacy del partner, superando ogni limite.

Pd Frascati su scritte antisemite: "Gesto assurdo"

frascati"Il Partito Democratico di Frascati esprime sgomento in merito alla scritta apparsa l’altra notte nella saracinesca di un esercizio nel centro della città. Assurdi quanto stupidi gesti di questo tipo devono allarmarci perché esprimono una chiara ignoranza riportando a pagine della nostra storia più buia. Gesti, già accaduti in passato, che condanniamo con forza e che ci fanno comprendere ancora oggi, quanto sia importante non abbassare la guardia verso i fascismi che rimangono una costante minaccia della democrazia e della nostra civiltà". Dichiara in una nota il Circolo del Partito Democratico di Frascati