Sabato, 29 Luglio 2017

Ultimo aggiornamento08:16:28 PM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

In alto i calici a Nemi! Il 20 e 21 maggio torna Borgo diVino

Nemi00 JPG 01
Inizia il countdown per Borgo diVino 2017, la terza edizione della rassegna enologica dei Castelli Romani, che si tiene quest’anno nei giorni 20 e 21 maggio con i seguenti orari: al sabato, dalle 12.30 alle 22 e la domenica, dalle 12.30 alle 21.00. Un evento all’insegna del buongusto e della raffinatezza con i vini più pregiati provenienti dalle migliori cantine italiane e, per la prima volta, ospiti speciali anche i vini naturali e  i vini francesi con una selezione di  etichette DOC e DOCG. Il centro della città di  Nemi  si anima  e si inebria dei profumi, dei sapori  e dei colori della kermesse enologica di spicco del territorio laziale. All’interno della manifestazione il vino non viene solo decantato, assaggiato, ma si mette in mostra  nell’esposizione Vite a Rendere, promossa dal Museo Diffuso del Vino di Monte Porzio Catone e  sulle tele  dei “Vinarelli” , un’ estemporanea di pittura, degli artisti Barbara Ruggeri e Giorgio Masi in cui i pigmenti del vino creano vere e proprie opere d’arte.

 La manifestazione  prevede quattro macro “aree di degustazione”:  i vini dei Castelli Romani e del Lazio per proporre il gusto unico del territorio circostante; i vini d’Italia, con le selezioni delle migliori “regioni del vino”,  tra le quali il Trentino Alto Adige, la Toscana e la Sardegna; i vini naturali, con vitigni italiani, francesi, austriaci e sloveni, che preservano il loro sapore autentico e unico senza l’utilizzo di solfiti e prediligendo una lavorazione naturale; i vini francesi, con le pregiate bottiglie e i calici raffinati  della Borgogna, della Loira, dell’Alsazia e il Bordeaux che delizieranno i palati più attenti con classe e con la loro tradizione consolidata. Borgo diVino è un evento promosso da CastelliExperience, in partnership con il sito visitnemi.gov.it e realizzato anche grazie alla sinergia e con il prezioso contributo dell’amministrazione comunale di Nemi, che ha reso disponibili sulla sua app MyNemi tutte le informazioni utili sulla città. Per l’occasione, l’amministrazione comunale ha messo a disposizione due parcheggi con bus navetta, uno su Via Nemorense e uno su Via dei Laghi.

 È proprio il sindaco della cittadina nemorense, Alberto Bertucci a promuovere e catalizzare l’attenzione su questo evento: «Siamo orgogliosi di questa nuova edizione. Il nostro paese, oltre ad essere apprezzato per le fragole e i fiori, d’ora in avanti lo sarà anche per il vino. Abbiamo, infatti, il piacere e l’onore di ospitare, dopo averlo anche creato, un evento di alto spessore che promuove uno dei prodotti di eccellenza del made in Italy. Si tratta- conclude- di una scommessa nella quale l’amministrazione comunale crede molto, siamo certi di poter soddisfare al meglio le curiosità, le richieste e le aspettative dei migliaia di visitatori che affolleranno Nemi»

 Partner storico della manifestazione è anche VisitCastelli, DMO dei Castelli Romani, al quale è affidata la promozione turistica del territorio castellano, particolarmente ricco sotto il profilo enogastronomico, ma anche per quanto riguarda il profilo culturale, infatti, il Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani (SBCR) in collaborazione con il DMO dei Castelli Romani distribuiranno materiale promozionale e forniranno utilissime informazioni turistiche. A Borgo diVino 2017 non mancheranno inoltre le degustazioni guidate, nella splendida cornice del Palazzo Ruspoli, nei giorni 20 maggio alle ore 19 e il 21 alle 17 in cui i vini più pregiati delizieranno i palati più esigenti e non, avvalorati dalla presenza di esperti sommelier della Delegazione Roma e Castelli della FISAR – Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori che renderanno questa piacevole esperienza un viaggio sensoriale tra le nuances e le sfumature dei vini protagonisti di questa manifestazione. Interessanti e sicuramente da non perdere saranno inoltre le visite guidate del GAALNA – Gruppo Archeologico Ager Lanuvinus et Nemus Aricinum, che permetteranno di conoscere anche l’aspetto più storico e culturale della splendida località castellana.