Martedì, 26 Settembre 2017

Ultimo aggiornamento07:46:11 PM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

Tanti “big” per l’inaugurazione del Circolo FI a Civitella San Paolo

VULLOSabato 30 Settembre verrà aperto il nuovo circolo di Forza Italia a Civitella San Paolo, in pzz. Santa Maria – 12. La sede di questo comune a nord di Roma sarà un nuovo punto di riferimento per il partito in questa area.

La manifestazione avrà inizio alle ore 11.00 all’interno di una splendida cornice quale il castello abbaziale di epoca medievale che si erge maestoso sul borgo.

Saranno presenti all’evento esponenti di partito fra cui il vicepresidente del Senato, sen. Maurizio Gasparri, il capogruppo per Forza Italia alla Camera, on. Renato Brunetta, il sen. Francesco Aracri ed il consigliere regionale on. Adriano Palozzi. Interverranno inoltre diversi esponenti di Forza Italia Giovani, il movimento giovanile del partito, tra cui il coordinatore regionale di FIG, Luca Zaccari, il coordinatore provinciale di FIG, Alessandro Verrelli ed il commissario cittadino di Roma Capitale Maria Tripodi. A tutti loro ai aggiungeranno numerosissimi amici e sostenitori.

Il coordinatore cittadino di Civitella San Paolo, Domenico Ercoli, ha dichiarato: “Sono assai entusiasta dell’organizzazione e del lavoro svolto. Siamo certi che con impegno raggiungeremo rilevanti traguardi”. Molti sperano che il neo-coordinatore cittadino, nonostante la giovane età, porti avanti con serietà l’impegno preso. Il nuovo circolo abbraccerà tanto il partito “senior” quanto il movimento giovanile. L’incontro sarà moderato dal sindaco del paese dott. Basilio Stefani, il quale ha accolto con piacere l’invito e l’incarico.

Da tempo a Civitella San Paolo mancava una valida alternativa al Partito Democratico, il quale ha avuto un’egemonia popolare dovuta soltanto alla carenza di efficaci opzioni politiche ed elettorali. La speranza che alle prossime elezioni i cittadini tornino a votare consapevolmente è viva. Se l’impegno di tutti (in particolare dei giovani, pane per la politica) sarà costante, allora di certo il Centrodestra conseguirà risultati considerevoli. Il team dell’Italia al voto ha bisogno dell’operosità ognuno per vincere.

Francesco Vullo 

Albano, a ottobre partono le giornate ecologiche

andreassi“Dal prossimo ottobre – dichiara in una nota il consigliere comunale di Albano Laziale con delega ai rifiuti Luca Andreassi - insieme a Volsca Ambiente e Servizi organizzeremo delle giornate ecologiche di domenica  in cui si potranno smaltire ingombranti secondo questo calendario:

Piazza Malaguti: domenica 8 ottobre e domenica 5 novembre
Piazza Zampetti: domenica 15 ottobre e domenica 12 novembre
Piazza SanRemo (Pavona) domenica 22 ottobre e domenica 19 novembre
Piazza della Stazione (Cecchina) domenica 29 ottobre e domenica 26 novembre

A partire dal prossimo Gennaio – conclude Andreassi - la raccolta degli ingombranti subirà, poi, un ulteriore miglioramento. Infatti, aumenteremo i giorni del ritiro domiciliare fino ad arrivare a 4 giorni alla settimana. Ricordo che tutti questi servizi sono, naturalmente, gratuiti”..

Mistero sugli sms del terremoto. Il sindaco di Amatrice dice la sua

pirozziiiiSergio Pirozzi è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG,

il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus,

l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.
Pirozzi ha chiarito le sue dichiarazioni a proposito degli SMS solidali: "Ho detto che c'è stata una scelta scellerata nella gestione dei fondi e che ad Amatrice non è arrivato nulla. Sono state fatte altre scelte, sono stati nominati dei saggi, dei garanti, che hanno fatto altre scelte, inserendo anche dei comuni del Lazio che non rientrano nel cratere. E' stata tradita la volontà degli italiani. Chi ha donato quei soldi, sicuramente aveva la volontà di aiutare anche Amatrice. Con la gestione di questi fondi si è tradita la volontà popolare. Non perché io li volessi, io attorno a me ho tutta la solidarietà del mondo. E' una questione di giustizia, oggi nessuno rispetta più la volontà popolare. Qualcuno ha cercato di strumentalizzare le mie parole, che avevano un concetto molto più alto. La volontà non si tradisce. Chi decide, in questo Paese, è scollegato da quelli che sono i voleri della gente comune". 

Ancora sugli Sms solidale: "Se si perde credibilità, si mette in crisi tutto il sistema della solidarietà. Bastava chiedere scusa. Dire che si sono fatte altre scelte. Non far uscire delle goffe smentite in cui si dice che hanno deciso i sindaci, cosa che non è vera. Si è tradita la volontà degli italiani e questo è grave. Tante persone mi hanno chiesto se fossero arrivati i soldi degli SMS e alla mia risposta negativa hanno detto 'allora non verserò mai più niente'. Questa è la cosa grave". 

Pirozzi è un fiume in piena: "Io ringrazio Dio perché sono un uomo libero. Oggi scriverò una nota alla neo-commissaria. Sulla famosa zona urbana franca è uscita la modifica dell'articolo 10 in cui si parla di 'fino ad esaurimento fondi'. Deve essere inserita una clausola che dica che nel caso in cui c'è l'esaurimento dei fondi vengano salvaguardati quei comuni che hanno le zone rosse. E torniamo al discorso dell'ampliamento a dismisura del cratere. Queste sono battaglie che non faccio solo per Amatrice. Io sono un uomo libero, quando il Governo ha fatto le cose giuste lo dico, quando sbaglia lo devo sottolineare, perché non ho padroni". 

Pirozzi ribadisce: "Da ieri sono diventato il nemico numero uno e mi aspetto tanti sgambetti. Ma io sono un uomo libero e nessuno mi può negare di avere il diritto di dire ciò che penso con chiarezza. Questo è un Paese che si deve riappropriare della forza delle parole. Non si tradisce mai la volontà popolare. Quando delle persone mi dicono che se non ci sono arrivati i soldi degli SMS non verseranno più niente, questo mette in crisi tutto il sistema della solidarietà. Io dico e porto l'esempio: Collevecchio è un Comune che non sta neanche nel cratere. E' giusto che loro abbiano la scuola, ma le scuole le devono fare con i fondi d'aiuto per i terremotati o con l'edilizia scolastica? Devono cambiare passo, la volontà popolare va rispettata. Il sindaco di Arquata si è dovuto raccomandare perché era stato escluso, è dovuto andare col piattino, ma che gente è questa? Io col piattino non ci vado. Per fare le scuole e le piste ciclabili, i cittadini già pagano le tasse. I soldi degli SMS servono a un'altra cosa. Il padre deve fare il padre, lo Stato è lo Stato, i cittadini sono i cittadini. Io ho i ponti che non esistono più. E' facile dire che Amatrice è coperta, ma che significa? Oggi il fuoco nemico non mi darà pace, perché io sono un personaggio scomodo che dice sempre la verità".

Gavignano, Sinibaldi chiarisce sui finanziamenti alle politiche giovanili

gavignanoL'assessore al comune di Gavignano Ivan Ferrari, il 20 settembre 2017, tramite i suoi canali social, si è complimentato con la consigliera Eleonora Bazzichi per il recupero di un finanziamento fermo da anni in Regione Lazio riguardante le politiche giovanili. Finanziamento che parte da lontano e che è stato ottenuto dalla giunta guidata dall'ex sindaco Claudio Sinibaldi. Grazie a lui, infatti, Gavignano potrà godere di corsi di pittura, di portamento, di coro polifonico, di teatro gratuitamente.

Proprio per questo, il consigliere capogruppo di "Siamo Gavignano", ha dichiarato: "Esprimo grande soddisfazione perché quelle che furono le nostre politiche, oggi, continuano ad essere portate avanti. Purtroppo i lunghi iter burocratici ci hanno impedito di concludere il progetto durante la mia amministrazione. Sorrido vedendo che qualcuno, però, prova ad intestarsi opere non da lui realizzate. A questi giovani, che campicchiano sul lavoro degli altri, chiedo di farci vedere cosa hanno fatto loro per il paese. - conclude Sinibaldi - Io ho sempre fatto una politica di fatti e non di parole, ma non tutti ne sono capaci".

Alessandro Verrelli

Campagnano, Caramanica: “Grazie a Ncs, ora pronta all’avventura in FI”

gabriellacaramanicaiii“Come già annunciato nei giorni scorsi, è iniziata con grande soddisfazione ed vivo entusiasmo il percorso in Forza Italia in qualità di portabandiera FI Campagnano di Roma: un incarico autorevole per cui ringrazio sentitamente il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi, persona seria e competente. Una scelta politicamente e personalmente importante dopo l’esperienza maturata in Ncs, al fianco di Gianmarco Centinaio e Marco Mercante, due persone per bene che ringrazio per aver rispettato la mia scelta e per i quali – al di là dei progetti politici - nutro forte stima e affetto. Ora sono pronta a guardare avanti, lavorare con grande impegno per il radicamento di Forza Italia sui territori e per difendere le istanze dei cittadini di Campagnano di Roma”.

Gabriella Caramanica, Portabandiera Forza Italia Campagnano di Roma         


Frascati, approvata intitolazione del Campo di Spinoretico ad Andrea Grossi

frascatiCon la Delibera N. 11 del 13/09/2017, la Giunta Comunale ha approvato all’unanimità l’intitolazione dell’impianto sportivo di Spinoretico alla memoria di Andrea Grossi. Formalizzata come proposta dalla Commissione Consultiva Toponomastica del Comune di Frascati il 19 giugno 2015, tale decisione è stata adottata dalla Giunta per rendere omaggio ad un giovane sportivo di Frascati scomparso prematuramente nel maggio del 2001 all’età di 12 anni, lasciando un vuoto doloroso non solo per i familiari, ma anche per i compagni di squadra e per i dirigenti della società sportiva, in cui ha giocato.

«Andrea Grossi aveva una grandissima passione sportiva accompagnata da un grande spirito di abnegazione e dedizione alla squadra - dichiara il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Amava molto il calcio e la musica. Era un bravo difensore centrale e un ottimo batterista, due passioni che gli hanno reso la convivenza con la malattia più serena. Per questo è giusto e doveroso ricordarlo con l’intitolazione del campo di Spinoretico».

Droga dalla Colombia a Ciampino: cinque arresti

aeroporto ciampinoCinque persone sono state arrestate ieri mattina dalla Squadra Mobile di Latina su ordine del gip del Tribunale di Latina: le misure restrittive sono scattate nei confronti di altrettanti indagati ritenuti responsabili, a vario titolo,  dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.

La complessa e articolata attività investigativa ha permesso di accertare l'esistenza di una fitta rete di spacciatori operanti tra Latina ed Aprilia, i quali si rifornivano della sostanza stupefacente direttamente da trafficanti internazionali colombiani, che avevano il compito di far giungere la cocaina in Italia attraverso canali e modalità ben collaudati. Le investigazioni hanno preso avvio in seguito all'arresto di un giovane trovato in possesso di circa 12 grammi di cocaina, il quale si riforniva, così come puntualmente delineato dalle attività di indagine, presso un negozio di tende.

Le indagini successive sono state orientate ad individuare le fonti di approvvigionamento del giovane e degli altri soggetti organici alla rete di pusher a lui riferibile arrivando ad individuare anche i "grossisti" sudamericani  che venivano pagati tramite alcuni operatori di trasferimento monetario internazionale in un'agenzia a Roma. La droga, proveniente dalla Colombia, giungeva in Italia solo dopo aver fatto tappa in un aeroporto spagnolo, al fine di eludere i più stringenti controlli di frontiera e doganali in Italia.

Alcune donne colombiane, definite dai trafficanti "las mulas", tra cui due tratte in arresto rispettivamente presso l'aeroporto di Ciampino e di Fiumicino, provvedevano alle singole operazioni di trasporto, ciascuna di circa grammi 250 di cocaina, occultando lo stupefacente, foggiato a cilindri avvolti in comuni profilattici, all'interno della cervice vaginale, in modo da eludere i controlli di frontiera. Una serie di conversazioni intercettate a bordo di macchine degli indagati evidenziavano la programmazione di un affare illecito i cui proventi si sarebbero dovuti attestare intorno al mezzo milione di euro, del quale era stata programmata una equa ripartizione.

In 5 da Ncs a FI. E Caramanica è nuova portabandiera di Campagnano

forzaitalia“Il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi, ha nominato Gabriella Caramanica portabandiera FI Campagnano di Roma. “Dopo la recente esperienza in Noi con Salvini - afferma Caramanica -, insieme agli amici Paolo Pucciarmati, Valeria Schirò, Stefania ed Enzo Polidori, abbiamo deciso di aderire in maniera convinta ed entusiasta alla proposta politica del coordinamento Forza Italia Provincia di Roma, guidato dall’onorevole Adriano Palozzi, che ringrazio per la stima e la fiducia. Sono molto contenta di ricoprire un incarico così autorevole e sono pronta a operare quotidianamente per il bene della comunità di Campagnano di Roma”.

“Sono molto soddisfatto dell’adesione a Forza Italia e al nostro progetto territoriale da parte di Paolo Pucciarmati, Valeria Schirò, Stefania ed Enzo Polidori: sono sicuro che sapranno dare un contributo prezioso e concreto per il radicamento del nostro movimento nei territori a nord di Roma - ha aggiunto il coordinatore Palozzi -. Auguri di buon lavoro, inoltre, a Gabriella Caramanica per il nuovo incarico di portabandiera FI Campagnano di Roma: imprenditrice, donna decisa e concreta, Gabriella opererà con impegno al fine difendere e valorizzare le istanze della città di Campagnano di Roma”.

Grottaferrata, un incontro pubblico sul caso Antrace

grottaferrataIl sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti ha incontrato nella tarda serata di ieri, lunedì 4 settembre, in municipio il direttore della prevenzione Asl Rm6, dottor Mariano Sigismondi  
L’occasione è stata utile per fare in tempo reale il punto sulla situazione relativa all’emergenza antrace bovina rilevata in una porzione del territorio ai confini del comune di Grottaferrata  dichiarata “zona infetta” con un’ordinanza emessa dallo stesso sindaco in data 1 settembre.
Per venerdì 8 settembre alle ore 15,30 nell’aula consiliare del Comune è stato fissato un incontro pubblico con i cittadini di Grottaferrata nel quale i vertici e i tecnici della Asl saranno a disposizione per fornire ogni spiegazione, chiarire direttamente ogni dubbio e dare tutte le informazioni sull’evolversi della vicenda.  
Al briefing grottaferratese - svoltosi al termine di un’altra riunione tenutasi in Regione tra i vertici della Asl Roma 6, i tecnici dell’Istituto Zooprofilattico, i medici dell’ospedale Spallanzani e i rappresentanti della stessa Regione Lazio – erano presenti anche il vicesindaco di Grottaferrata, architetto Luciano Vergati e l’assessore alle Attività Produttive, professor Mirko Di Bernardo.
Il dirigente Asl Roma 6 ha ribadito quanto dichiarato in precedenza, ovvero l’origine terrigena della malattia (carbonchio ematico) che avviene in seguito alla sporificazione del bacillo dell’antrace in contatto con l’ossigeno.
Il dottor Sigismondi, sollecitato dalle domande del sindaco Andreotti, del vicesindaco Vergati e dell’assessore Di Bernardo che si sono fatti interpreti in particolare delle questioni emerse dal confronto con la cittadinanza residente nell’area, ha ribadito che dopo le morti registratesi tra il 24 e il 25 agosto non sono stati segnalati altri decessi di bovini.
Gli altri capi di bestiame dell’allevamento sono stati trasferiti in massima sicurezza in un terreno nel comune di Rocca di Papa, a sua volta interessato da una differente ordinanza dove si è proceduto ai trattamenti di profilassi e controlli tanto sugli animali quanto sulle persone entrate in contatto con essi.
La malattia del carbonchio ematico, infatti, anzitutto non  si trasmette per contatto diretto da uomo a uomo ma con il contatto con animali, parti di essi  o materiali infetti.
L’area del comune di Grottaferrata dichiarata “zona infetta” che, come detto anche nelle precedenti comunicazioni, ha certamente già tratto giovamento dalle piogge avvenute nel corso del fine settimana, sarà sottoposta nei prossimi giorni a campionatura per ulteriori esami.
Il dottor Sigismondi ci ha tenuto tuttavia a precisare che, ferme restanti le indicazioni contenute nell’ordinanza di interdizione dell’area emessa dal sindaco Andreotti che durerà per i prossimi 15/30 giorni e in ogni caso finché la Asl non darà indicazioni diverse, la cittadinanza non corre particolari pericoli.
Con le dovute precazioni di igiene è possibile raccogliere e consumare ortaggi e uve di campi e vigneti presenti nelle zone limitrofe all’area interdetta che, peraltro – ha precisato Sigismondi – non risulta essere abitata.
In ogni caso, giacché nell’ultimo quarto di secolo non si sono verificati casi di carbonchio ematico sul territorio dei Castelli, sono stati cautelativamente allertati medici di base e ospedali sulle modalità di manifestazione della malattia nell’uomo, curabile con trattamenti di penicillina.
Quanto agli animali domestici i proprietari di cani e gatti possono stare relativamente tranquilli in quanto la malattia si presenta in forma localizzata così come i proprietari di suini e pollame in quanto l’incidenza del batterio è forte e letale principalmente su bovini, ovini, caprini e cavalli.
La Asl Roma 6 in ogni caso nella giornata di oggi renderà pubblico il report della riunione avvenuta in Regione.