Sabato, 23 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento05:55:40 PM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

Aeroporto Ciampino sotto la lente del Tar. Le reazioni

Aeroporto Ciampino“Apprendiamo con preoccupazione il pronunciamento del Tribunale amministrativo regionale,

che di fatto ha confermato il diritto di Ryanair ad atterrare all’aeroporto di Ciampino di notte, dopo l'orario di chiusura Pastine

, nel caso in cui il ritardo del velivolo sia dovuto a cause eccezionali di forza maggiore non imputabili alla compagnia low-cost irlandese.

Pur rispettando la decisione dei giudici amministrativi, non possiamo essere d’accordo
visto e considerato che verrebbe anteposta la tutela di Ryanair dall’eventuale danno economico alla salute dei cittadini di Marino, Ciampino e Roma, che ormai da anni sono costretti a convivere con l’inquinamento acustico e ambientale dell’aeroporto di Ciampino. Come ricorda il Criaac, questa decisione dei giudici è stata adottata in via “cautelare”: ci auguriamo, dunque, che nella prossima udienza - fissata peraltro il 15 gennaio 2020 – ci possa essere un pronunciamento diverso, che tuteli prima gli interessi sanitari delle popolazioni, limitrofe al Pastine. Noi siamo dalla parte dei cittadini di Marino, Ciampino e VII Municipio”.

Così, in una nota, il segretario Pd Marino, Sergio Ambrogiani

Paura per bus Cotral fuori strada a Grottaferrata

grottafevelasPer cause ancora da accertare, alle 14.25 circa, un bus Cotral in servizio sulla linea Frascati-Velletri Fs

e' andato fuori strada in prossimita' di una curva in via IV Novembre, nel comune di Grottaferrata.

Alcuni passeggeri sono rimasti feriti ni modo lieve.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco. Lo riferisce l'agenzia nazionale di stampa Dire.


foto: facebook Welcome To GrottaFavelas

Bus in fiamme a Piazzale Clodio. Esposto in Procura e denuncia querela

rogopclodio“L'ennesimo bus Atac in fiamme, ieri sera a piazzale Clodio e fortunatamente senza feriti,

è la chiara fotografia di una azienda municipalizzata in grande difficoltà operativa e funzionale.

L'utenza è costretta a convivere con disagi sempre più frequenti, senza dimenticare poi i ritardi.

I convogli sono obsoleti, molte vetture sono guaste e altre rientrano in deposito per mancata manutenzione.
Tutto questo, ovviamente, nuoce su un servizio di trasporto pubblico, ad oggi precario, con relative ripercussioni su personale e passeggeri. Perché tutti questi incendi sui bus Atac? Che tipologia di manutenzione viene fatta sui convogli? Quale è la programmazione e il controllo da parte di Atac e Campidoglio? Quali sono le ragioni del rogo del bus a piazzale Clodio? Come associazione che tutela i diritti dei pendolari, stiamo vagliando l’opportunità di presentare un esposto in Procura sulla situazione dei bus a Roma e una denuncia querela per danno erariale nei confronti della sindaca Raggi e dei vertici Atac ”.

 Cosi, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Emi Maritato.

Andreassi (PD): “Genzanesi vaccinati dall’M5S, ora tutti uniti contro la destra”

andreassi“Alcuni sostengono che a volte gli italiani hanno bisogno di essere politicamente vaccinati per comprendere i rischi e i pericoli di una cultura politica al governo. Gli italiani si stanno vaccinando con il governo dei sovranisti e già in molti si stanno ricredendo. I cittadini di Genzano sono un passo avanti avendo sperimentato in prima persona il fallimento politico e umano del Movimento 5 Stelle che in questi giorni sta mettendo in scena le sue comiche finali. Ai cittadini di Genzano che saranno chiamati, spero quanto prima al voto, dico che il vaccino al Cinque Stelle è servito e quella pagina politica è chiusa per sempre, ma all’orizzonte non sono scomparsi tutti i rischi. L’avversario di Genzano, adesso, è la destra: una nuova destra a trazione leghista, radicale, antinazionale ed antipopolare, molto più pericolosa dello stesso berlusconismo di cui è figlia. Se come sono certo il vaccino è servito occorre voltare pagina e lavorare tutti insieme affinchè Genzano possa tornare ad essere una comunità libera e solidale che guarda con speranza ad un futuro di sviluppo. Su questa linea il Partito Democratico c’è e ci sarà, perché ha imparato dai suoi errori del passato ed è pronto a costruire insieme un nuovo progetto per questa città attorno a cui chiamare a raccolta tutte le forze politiche, civiche e sociali che amano Genzano” così in una nota Luca Andreassi commissario del Partito Democratico di Genzano. 

Oltre 50 milioni di euro per la Valle del Sacco

valledelsaccoPer il Sito di interesse nazionale Valle del Sacco, che racchiude 19 comuni "ed è un sito particolarmente aggredito,

domani firmeremo con il presidente della Regione Lazio un accordo di programma fortemente innovativo" che prevede "53 milioni di euro,

i primi 23 milioni per il piano di caratterizzazione a sei mesi, la definizione operativa a 15 mesi e, entro il 2023, opere compiute".
Così il ministro dell'Ambiente Sergio Costa al question time di oggi.

Tra gli elementi nuovi di questo accordo "quello per il quale se non si fanno le attività, le aziende incaricate devono pagare una penale";
una nuova governance composta da ministero dell'Ambiente, Regione Lazio, Ispra e Arpa che "via via, riassesta il sistema in funzione delle necessità ambientali che nel corso di questi 4 anni si dovessero presentare per impiegare gli altri 30 milioni"; monitoraggio delle acque e verifica epidemiologica.

L'accordo, per il ministro, prevede "fatti concreti e azioni misurabili, un sistema che io vorrei poi estendere a tutti gli altri Sin".

AdnKronos

Rivoluzione animalista: “lupo avvelenato e’ atto omicida”

GABRIELLACARAMANICA“Condanniamo con assoluta fermezza quando accaduto nei boschi di Carrosio, in provincia di Alessandria, dove nelle scorse ore è stato ritrovato un lupo morto a causa di un probabile avvelenamento. In attesa dell’ufficialità dell’autopsia sull’animale, quello che appare chiaro è che dietro ci sia la mano omicida dell’uomo. Siamo di fronte a una vicenda disumana, orribile, la fotografia vergognosa di una società malata, che ha estremo bisogno di un radicale cambio di mentalità: da attuare sia con una forte sensibilizzazione sulla tutela dei diritti animali, sia con nuovi modelli legislativi più severi e concreti. Per evitare il perpetrarsi di simili atti osceni e disumani, come quelli di Carrosio, che non hanno giustificazione alcuna, “Rivoluzione Animalista” crede poi fermamente che l'arma più forte e convincente sia la certezza della pena per questi criminali. Cosa che, in Italia, quasi mai accade. Ci auguriamo, dunque, che sul povero lupo avvelenato sia fatta immediata chiarezza dalle autorità competenti e siano consegnati alla giustizia gli autori di questo deprecabile maltrattamento”.

Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Un carro "anti-migranti" in sfilata Carnevale vicino a Roma

antimigrantiformello"Vogliamo il wi fi", "No pago affitto", poi un finto barcone e figuranti con la faccia dipinta: questo il carro anti migranti

che ha sfilato ieri tra le strade di Formello, alle porte di Roma, trasformando la sfilata di Carnevale in un spettacolo razzista.

Il carro che qualcuno definisce allegorico non lasciava dubbi sul messaggio: i migranti su una barca, compresi dei bambini, cartelli che riportano luoghi comuni, uno striscione azzurro a mimare il Mediterraneo.

Il tutto strascinato da un'auto imbandierata col tricolore.
Molte le polemiche scatenate dal carro. "Usare una festa popolare, di gioia, divertimento puro per irridere, offendere chi arriva in Italia dopo aver superato sacrifici incredibili e a rischio della vita è becero, e una vera istigazione al razzismo",

scrive il segretario del Pd Lazio Bruno Astorre. "Il razzismo esiste eccome, altrimenti un gioco, una festa, come il carnevale, non si trasformerebbe a Formello in una dichiarazione di scherno contro l'altro.

Dove a farne le spese sono soprattutto bambini e bambine, che per crescere e costruire un futuro migliore, avrebbero bisogno di messaggi di pace, inclusione, serenità, e non di questa becera strumentalizzazione.

Abbiamo il dovere di fermare tutto questo", commenta Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti in Regione Lazio.

Fonte: Ansa

Marino e il commercio in crisi. Critiche al sindaco Colizza

palazzocolonnamarino"L’arrogante amministrazione di Marino, guidata da un Sindaco inadeguato e molto molto saccente, incassa l’ennesima figuraccia con il mondo produttivo della città di Marino.

Questo soggetto ha la presunzione di non ascoltare, non ricevere nessuno, non fare nulla per la città (cosa questa

assolutamente visibile), di invitare chi non è d’accordo con lui ad andare via da Marino e poi pensa che convoca un incontro e tutti sono pronti ad ascoltare le solite bugie che racconta!
Ad andare via da Marino sarà lui molto presto, anche perché tra caldaie che non funziono nelle scuole, aule che mancano, commercio, Viabilita, pulizia, arredo urbano e chi più ne ha più ne metta, tra poco saranno i cittadini ad accompagnarlo fuori dal comune.
Fare il Sindaco vuol dire ascoltare, valutare, verificare la fattibilità delle cose e poi tentare di risolverle. Tutte caratteristiche che questa banda di incapaci non ha!".

Così su facebook, l'ex sindaco di Marino e attuale consigliere regionale del Lazio, Adriano Palozzi.

"Niente Consiglio comunale", Ricomincio da Nemi scrive al prefetto

nemi"I consiglieri di "Ricomincio da Nemi", Patrizia Corrieri e Carlo Cortuso, dichiarano di esser stati costretti a ricorrere a mezzi che non avrebbero voluto utilizzare: scrivere al Prefetto di Roma chiedendo di convocare il Consiglio Comunale. ll sindaco Bertucci - abbondantemente decorsi i termini di venti giorni fissati dalla legge - non ha ancora provveduto a convocarlo, nonostante due mozioni presentate dal loro gruppo consiliare, la prima delle quali il lontano 8 gennaio. La richiesta di intervento rivolta al prefetto, secondo i consiglieri, è tesa soprattutto a riportare in primo piano  i valori della democrazia e partecipazione, che purtroppo a Nemi sono ostaggio di questa maggioranza".
Così, in una nota, i consiglieri comunali di Ricomincio da Nemi