Giovedì, 21 Giugno 2018

Ultimo aggiornamento03:43:41 PM

  • Twitter
  • Info

METROPOLI

Comunali a Velletri, Iannuzzi: “smentisco ricostruzioni fantasiose su di me”

riccardoiannuzziRiccardo Iannuzzi, esponente politico di Velletri e primo degli eletti nella lista della Lega al primo turno delle elezioni comunali, interviene in merito alle polemiche degli ultimi giorni:

“Sono stato candidato alle elezioni comunali di Velletri nella lista della Lega contribuendo all’ottimo risultato del partito di Matteo Salvini perché già da tempo ho lasciato Forza Italia in aperto dissenso con la linea di questo partito. Il fatto che Adriano Palozzi - spiega Iannuzzi -, consigliere regionale del partito in cui ho militato fino a qualche tempo fa, si sia complimentato con me per il buon risultato personale ottenuto alla amministrative di Velletri è per me un gesto di cortesia che apprezzo ma che non cambia una virgola la mia posizione politica”.

Iannuzzi continua: “Sono un iscritto alla Lega e al ballottaggio sostengo con forza la candidatura di Giorgio Greci alla carica di sindaco così come ho fatto, insieme al mio partito, al primo turno. Ogni altro tipo di ricostruzione o accostamento, compresa quella che indica Palozzi come sponsor di Giorgio Greci è frutto di fantasiose elucubrazioni smentite dai fatti. Infatti Forza Italia, il partito di Palozzi, Fazzone. Ladaga, alle amministrative di Velletri ha sostenuto un altro candidato che non è arrivato al ballottaggio. 

Per quanto riguarda la vicenda giudiziaria di Adriano Palozzi, auguro lui di riuscire a dimostrare la sua estraneità ai fatti e penso che la magistratura saprà fare il suo lavoro”, conclude Iannuzzi.

giudiziaria di Adriano Palozzi, auguro lui di riuscire a dimostrare la sua estraneità ai fatti e penso che la magistratura saprà fare il suo lavoro”, conclude Iannuzzi.

Grande successo per lo Street Food a Bracciano

bracciano45Dopo tre giorni di street food Bracciano si risveglia più consapevole della propria proposta turistica, durante il weekend sono stati accolti dalla nostra città 15.000 visitatori, un successo che è andato oltre ogni aspettativa, un successo totale ma anche trasversale. Il pubblico ha potuto godere del cibo arrivato da ogni parte d’Italia attraverso 25 Street Chef a bordo dei loro simpatici e stravaganti Truck e ApeCar arrivati da diverse parti del Bel Paese per proporre le loro ricette.

Essere una delle tappe del Typical Truck Street Food ha rappresentato tanto per Bracciano, l’amministrazione e tutta la città si è dimostrata pronta ad accogliere un ingente quantità di visitatori, andata ben oltre ogni aspettativa, preservando l’incolumità di ognuno ma soprattutto garantendo un elevato standard di divertimento unito alla buona cucina. Ottimo cibo, alla portata di tutti, nella splendida cornice di Bracciano e del Lago, che si conferma una location adatta a questo tipo di manifestazioni e di grande suggestione per i visitatori, intrattenimento per grandi e bambini con gli artisti di strada, musica e arte una gita senza precedenti per tutti coloro che sono passati.

Un appuntamento davvero senza precedenti, una novità assoluta per la zona di Bracciano e dei suoi dintorni ma, che ha reso tutti entusiasti anche da un punto di vista organizzativo, fondamentale per la buona riuscita di un evento, un evento a cui il sindaco Tondinelli ha creduto particolarmente e che promuoverà, anche, per i prossimi anni.

Bracciano, riapre il punto di informazione turistica

BraccianoDopo un lungo periodo di chiusura e di degrado, Venerdì 15 Giugno alle 12.00, verrà riaperto nella sua piena funzionalità il PIT, un punto di riferimento importante per i visitatori e tutte le attività commerciali di Bracciano e che non poteva mancare per una completa offerta turistica. Un centro di accoglienza per i turisti italiani e stranieri che visitano la città di  Bracciano e i suoi dintorni. Sarà dotato di un monitor a Led dove verranno proiettati video promozionali e informazioni turistiche. Inoltre il comune sta provvedendo ad una manifestazione di interesse per la gestione volontaria e una convenzione con due consorzi presenti sul territorio.

Montelibretti, la denuncia di Petrucci: "Centro storico isolato"

montelibretti“Il centro storico di Montelibretti è parzialmente isolato”. A lanciare il monito, social e istituzionale, è il consigliere di minoranza Emiliano Petrucci, che si rivolge all’ex Provincia di Roma per sbrogliare una situazione viaria complicata, che si trascina ormai da mesi. Spiega l’esponente di Rinnoviamo Montelibretti: “Lo scorso 28 maggio ho inviato una nota al Vice Presidente della Città Metropolitana Roma Capitale, Mario Cacciotti, evidenziando lo stato di totale abbandono di Via Carolano, interdetta al traffico veicolare ormai dal 21 febbraio”. Da più di tre mesi, infatti, il centro storico di Montelibretti è “parzialmente isolato, con conseguente disagio per tutti i cittadini che quotidianamente devono raggiungere luoghi di interesse come il centro di raccolta comunale, il cimitero, gli impianti sportivi e l’isola ecologica”, rincara Petrucci. Che, quindi, specifica: “A seguito di questa mia nota il Vicepresidente Cacciotti ha presentato un’istanza al presidente Virginia Raggi, con la richiesta di un intervento immediato e risolutore per il ripristino della strada. Ho informato di questa mia azione il sindaco e tutti i consiglieri comunali, perché collaborando insieme si possono risolvere i problemi della nostra comunità”. Si attendono novità da Palazzo Valentini.

Marco Montini

Comunali Valmontone, Palozzi: "Buon lavoro ad Alessia Petrucci"

Valmontone“Voglio esprimere le mie congratulazioni ad Alessia Petrucci che, grazie alle sue 365 preferenze personali, potrà così sedere tra gli scranni del Consiglio comunale dove, sono sicuro, farà una opposizione costruttiva ma senza sconti. Con l’unico fondamentale obiettivo di difendere e promuovere le istanze dei cittadini di Valmontone”. Così, in una nota, il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Adriano Palozzi.

Comunali San Cesareo, "grande performance di Stefano Roma"

AdrianoPalozzi10“Siamo davvero molto dispiaciuti per la sconfitta del candidato sindaco di San Cesareo, Massimo Mattogno, con il quale voglio comunque complimentarmi per aver dato vita a una campagna elettorale importante e ricca di contenuti. Al contempo, ci tengo a rivolgere le mie congratulazioni all’amico Stefano Roma, candidato a consigliere comunale tra i più votati. Un risultato eccellente, quello di Roma, che conferma il radicamento sul territorio e la competenza di un uomo, da sempre vicino alle istanze delle famiglie”.

Così, in una nota, il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Adriano Palozzi.

Comunali Velletri, Palozzi: "Complimenti a Greci e Iannuzzi"

Velletrik“Voglio rivolgere le mie congratulazioni all’amico Riccardo Iannuzzi, che ha conquistato ben 166 preferenze personali, in occasione del primo turno di elezioni amministrative nel Comune di Velletri. Un risultato importante che l’ex coordinatore cittadino di Forza Italia ha raggiunto anche grazie al lavoro e alle battaglie che insieme abbiamo intrapreso a tutela del territorio e delle famiglie. Al contempo, esprimo le mie felicitazioni al candidato sindaco, Giorgio Greci, per essere riuscito a raggiungere un ballottaggio che, sono convinto, lo porterà sullo scranno più alto del Comune di Velletri”. Così, in una nota, il vicepresidente del Consiglio regionale, Adriano Palozzi.

Comunali, sorpresa Cascioli a Segni. A Valmontone conferma Latini

comunali2017Il 10 giugno i cittadini di Segni e Valmontone si sono recati alle urne per scegliere i loro rispettivi sindaci e consiglieri comunali. Se per quanto riguarda la città casilina la rielezione del sindaco uscente Alberto Latini ha rispettato i favori del pronostico, un po’ più sorprendente è l’affermazione nel paese lepino di Piero Cascioli con la lista civica “Segni di Rinascita”. Il neo sindaco è stato eletto con il 31% delle preferenze al termine di un testa a testa serrato con il contendente di centrosinistra Cesare Rinaldi, favorito alla vigilia, che si attesta al 27% e a cui evidentemente non è bastato il sostegno in campagna elettorale dello stato maggiore del Partito Democratico, Astorre e Minniti su tutti. Sul gradino più basso del podio Giuseppe Raviglia con il 20%. A seguire il pentastellato Guido Bassetto con il 10,5% e Cristina Vittori con poco meno del 10% (unico candidato sindaco non eletto in consiglio comunale). In netto calo l’affluenza che si è attestata intorno al 67% e di circa 10 punti percentuali inferiore rispetto alle precedenti elezioni comunali. Questa la composizione del prossimo Consiglio comunale segnino che si insedierà dopo 4 mesi di commissariamento prefettizio:

“Segni di Rinascita” – 8 seggi. Piero Cascioli (Sindaco), l’ex primo cittadino Renato Cacciotti, Ciotti, Mentuccia, Recchia, Biancone, Coletta, Pucello e Corsi.

“Lista Centrosinistra” – 2 seggi. Cesare Rinaldi e Bartolozzi.

“Raviglia Sindaco” – 1 seggio. Giuseppe Raviglia.

“Movimento 5 Stelle” – 1 seggio. Guido Bassetto.

I valmontonesi confermano invece il sindaco uscente Alberto Latini che con la sua lista “Libera Valmontone” ottiene il 46,22%e batte il suo ex assessore alla Cultura e ai Servizi Sociali Maria Grazia Angelucci che con la civica “Siamo Valmontone” ottiene un ottimo, ma insufficiente, 39,40% . Piuttosto deludente il risultato di Massimiliano Bellotti che invece con “La Tua Voce per Valmontone” non riesce ad andare oltre il 14%. Buona l’affluenza alle urne che supera abbondantemente il 70%. Ultima elezione a turno unico per la città di Valmontone che, con tutta probabilità, dalla prossima tornata elettorale passerà al doppio turno avendo superato oramai la fatidica soglia dei 15.000 abitanti. I cittadini di Valmontone hanno lanciato un chiaro segnale di continuità e da oggi si aspettano che Latini e la sua maggioranza mantengano fede agli impegni presi in campagna elettorale: la realizzazione di un nuovo piano regolatore generale, la sistemazione degli edifici scolastici esistenti, la costruzione di un nuovo edificio per ampliare l’offerta formativa della scuola superiore, il rinnovo completo della pubblica illuminazione in project financing, la realizzazione di un centro sportivo polivalente e la revisione del piano del traffico urbano. Dai dati a disposizione la composizione del prossimo Consiglio comunale valmontonese dovrebbe essere la seguente:

“Libera Valmontone” – 11 seggi. Alberto Latini (Sindaco), Bernabei, Gentili, Leone, Natalizia, Zianna, Pizzuti, Nardecchia, Pierluigi Pizzuti, Matrigiani, Cerci e Mujic.

“Siamo Valmontone” – 4 seggi. Maria Grazia Angelucci, Attiani, Petrucci e Pizzuti.

“La Tua Voce per Valmontone” – 1 seggio. Massimiliano Bellotti.

Per il territorio della Valle del Sacco-Monti Lepini appuntamento al prossimo anno quando saranno chiamati al voto i comuni di Carpineto Romano, Gavignano e Gorga.

Chiara Marricchi 

Carpineto romano, ritrovata una bomba della II Guerra Mondiale

brillamentobomba1Ritrovato un ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale all’interno dei giardini pubblici del Parco Unità d’Italia di Carpineto Romano. La clamorosa scoperta è stata fatta nella giornata di martedì 5 giugno da un genitore che, passeggiando all’interno del parco giochi adiacente proprio al parco giochi comunale, si è imbattuto in questo residuato bellico (probabilmente una granata) a pochi metri dagli scivoli e dalle altalene dove quotidianamente si recano decine di genitori per far divertire i loro bambini. Immediato l’intervento della Polizia Locale con il comandante Giorgio Falcone, dei Carabinieri di Carpineto e della Compagnia di Colleferro del Tenente Ettore Pagano, i militari di Carpineto e Colleferro hanno prontamente messo in sicurezza l’area recintandola secondo la prassi e allontanando i cittadini che incuriositi si erano recati sul posto. Non sorprende molto che a Carpineto Romano sia stato rinvenuto un ordigno bellico sedimentato da tempo nel sottosuolo: il comune lepino, infatti, nel 1944 fu scenario di un drammatico bombardamento da parte degli alleati. Un bombardamento che costrinse alla ritirata gli occupanti nazisti che vi si erano stabiliti dal novembre del 1943 ma che causò molti morti tra gli abitanti e ridusse buona parte del Centro Storico, in particolare via La Costa, ad un cumulo di macerie. Le procedure di rimozione del residuato bellico sono proseguite fino al pomeriggio di mercoledì 6, quando sono intervenuti gli artificieri dell’Esercito Italiano, specializzati in questo tipo di operazioni, che hanno prelevato l’ordigno e lo hanno trasportato a Roma.

Chiara Marricchi